aiuto

chi siamo
link
  SINTESI


Italiano come lingua 2: alfabetizzazione

In questa sezione appaiono alcuni dei progetti presenti nel cd rom Educazione interculturale,
realizzato dal Ministero della pubblica istruzione e distribuito a tutte le scuole.
Di ciascun progetto è possibile scaricare in formato RTF (Rich Text Format, leggibile
da qualsiasi programma di videoscrittura) un riassunto più dettagliato o "espansione".

Scuola elementare e materna

DIREZIONE DIDATTICA STATALE 2° CIRCOLO
EMPOLI - FIRENZE

Via Livornese, 3
CAP. 50053
Tel. e fax 0571/82753

espansione:apri/salva file in formato RTF

Quando nel circolo si è verificata una consistente immigrazione di bambini cinesi, sul territorio era già stato attivato un "Progetto di sostegno linguistico" il cui soggetto titolare è il Centro Studi Bruno Ciari. Gli Enti coinvolti nel progetto sono i Comuni di Empoli, Vinci, Cerreto Guidi e le Direzioni Didattiche e le Scuole Medie Inferiori. Il progetto è inserito nel quadro degli interventi del Piano Integrato di Area, quindi finanziato dalla Regione Toscana e dai Comuni sopra menzionati. Si propone di ridurre le difficoltà scolastiche degli alunni figli di immigrati, di favorire l’accoglienza, l’inserimento e la socializzazione, di costituire un gruppo permanente che affronti i temi dell’intercultura e della didattica della lingua italiana come L2, di attivare laboratori linguistici condotti da docenti . Attualmente, solo nel plesso "Michelangelo", per bambini di nazionalità cinese, con nessuna conoscenza della lingua italiana, sono in atto interventi mirati di tipo linguistico. Obiettivo primario è, quindi, la creazione di un ambiente che tenga conto dello sviluppo psico-emotivo, nel quale poter sviluppare le competenze extra linguistiche come momento di relazione per poi giungere ad esercitazioni di tipo linguistico.
Il 2° Circolo didattico di Empoli è coinvolto in un progetto di sostegno linguistico per alunni figli di immigrati, frequentanti la Scuola elementare e media dell’area empolese, condotto dal Centro Studi "Bruno Ciari". Tale progetto si sviluppa in tre fasi:

  • di ricognizione dei bisogni attraverso incontri con insegnanti e dirigenti scolastici;
  • di formazione intensiva degli insegnanti,
  • di sostegno linguistico attualmente rivolto ai bambini cinesi.
  • Inoltre è prevista l’attuazione di un corso di formazione per docenti di scuola materna ed elementare che sarà tenuto dall’Associazione Arci "Nerononsolo".

    DIREZIONE DIDATTICA IV CIRCOLO DI NOVARA

    Via Boggiani, 42
    Telefono e fax: 0321 455030

    espansione:apri/salva file in formato RTF

    Il progetto del IV Circolo intende promuovere l’integrazione fra diverse culture, partendo dall’accoglienza e dalla valorizzazione della persona: Sono stati individuati dal Collegio dei Docenti tre cardini a cui fanno riferimento le varie scuole del circolo.

  • Corso per adulti stranieri "Voci dal Mondo". Funzionano corsi di alfabetizzazione per giovani e adulti immigrati e costituiscono anche un ponte di raccordo con il mondo del lavoro e i servizi offerti dal territorio.
  • Laboratori di lettura. Da dieci anni è attivo il laboratorio di lettura il "Bottacchio", presso la scuola elementare di via Boggiani e, da quattro anni, il laboratorio "Biblio-Live" presso la scuola elementare Levi. La pedagogia del narrare e la scrittura creativa consentono, in ambienti strutturati e con strategie di animazione, la socializzazione, il piacere all’ascolto e alla lettura, l’interpretazione dei ruoli. Spettacoli interculturali e incontri a scuola con i genitori di alunni stranieri sono tappe integranti.
  • La continuità didattica "Il trenino". Le scuole materne ed elementari promuovono percorsi per bambini piccoli (3-5 anni), insieme a bambini di 6-10 anni, attraverso attività di gioco, musica e manipolazione. Tutto è finalizzato a favorire l’integrazione di bambini di culture diverse.
  • DIREZIONE DIDATTICA IV CIRCOLO PARMA

    CENTRO TERRITORIALE PER L’EDUCAZIONE INTERCULTURALE

    Strada del Quartiere, 1/a
    CAP. 43100
    Tel. 0521 233246
    Fax 0521 236507
    Posta elettronica: separm4@provincia.parma.it

    espansione:apri/salva file in formato RTF

    Il Centro interculturale è un servizio interstituzionale gestito dalle Biblioteche Comunali in convenzione con il Centro Stranieri dell’Assessorato Servizi sociali del Comune, con l’Amministrazione provinciale e con il IV Circolo didattico, sede anche della Scuola di Italiano per Stranieri. I servizi offerti dal Centro sono rivolti a tutti coloro che intendono incontrare e conoscere altre culture. E’ un luogo di informazione, documentazione, incontro che ha, tra le sue finalità, quella di sostenere e orientare i cittadini stranieri, considerati soggetti attivi, nel loro inserimento.
    Il progetto di sperimentazione di nuove metodologie didattiche e di modelli organizzativi - "Il valore della differenza" - per l’Insegnamento della lingua italiana agli adulti e ai bambini stranieri anche non alfabetizzati nella lingua madre e loro integrazione culturale e sociale, è rivolto, fin dal 1996/97, a tutti i cittadini italiani e stranieri per consentire loro di conseguire il titolo di studio per la scuola dell’obbligo.
    Oltre ai corsi di lingua italiana, organizzati in base a livelli di competenza, sono attivati laboratori di giochi matematici e artistici, corsi di alfabetizzazione informatica, storia, religione, cinema, cultura contemporanea, attività musicale, cucina multietnica, taglio, cucito. Sono previsti, inoltre, stage per mediatori culturali.

    CIRCOLO DIDATTICO DI CHIARAMONTE GULFI
    RAGUSA

    Via S. Giuseppe, 33
    CAP. 97012
    Tel. e fax 0932 922567
    E-mail:
    arcibessi@tiscalinet.it

    espansione:apri/salva file in formato RTF

    Nel Circolo sono stati realizzati due progetti che si rivolgono, pur investendo tutto il gruppo classe, ad un totale di quattro alunni stranieri:

  • "La lingua come strumento di scambio e integrazione fra culture diverse". Realizzato dal 1999, si pone come obiettivi l’acquisizione sia di una prima conoscenza di culture per favorire lo scambio sia della capacità di comprendere la lingua italiana per servirsene come mezzo espressivo-comunicativo. In un clima sociale positivo, sono state organizzate forme di lavoro di gruppo e di aiuto reciproco. Si è cercato di far conoscere a tutti i bambini, per un confronto costruttivo, favole, tradizioni, esempi di ritualità quotidiana attraverso interviste, conversazioni, racconti di esperienze, foto ed altro materiale del Paese di provenienza dei bambini immigrati. Per favorire il processo di integrazione e di consolidamento delle competenze linguistiche, ci si è avvalsi della collaborazione delle famiglie autoctone.
  • "Progetto recupero e dispersione" è stato realizzato per far fronte all’inserimento in una classe quarta, di un bambino albanese.
  • CIRCOLO DIDATTICO 27°
    "G. CAGLIERO"
    ROMA

    Largo Volumnia,11
    CAP. 00181
    Tel. e fax 06 7803254

    espansione:apri/salva file in formato RTF

    La scuola Cagliero si caratterizza come una scuola d’accoglienza e conta tra i suoi utenti un elevato numero di bambini provenienti da molti Paesi del mondo. Le diversità di ognuno si riscoprono nella varietà delle opportunità formative offerte agli insegnanti. Il progetto, di durata triennale, "Verbalia Tantum, ovvero le parole di tutti ", nasce dall’esigenza di offrire strumenti per l’apprendimento della lingua italiana come L2. La presenza di un elevato numero di alunni di lingua cinese nelle classi coinvolte ha orientato la scelta della lingua da comparare a quella italiana e la difficoltà comunicativa ha fatto nascere l’esigenza di partire da difficoltà fonetiche più che da quelle di scrittura. Il progetto coinvolge alunni di scuola elementare e media con la presenza di bambini stranieri (cinesi, russi, albanesi, indiani, marocchini...) al fine di favorire il superamento del disagio e l’acquisizione delle abilità linguistiche e per un migliore inserimento sociale. Prevede l’utilizzo di mezzi informatici e multimediali per la ricerca e lo scambio telematico.
    Un secondo progetto "La ricchezza della diversità" ha come obiettivo quello dell’accoglienza e dell’integrazione degli alunni stranieri in prevalenza extracomunitari e zingari. La fase dell’accoglienza, attraverso l’educazione al dialogo sia con gli alunni che con i genitori, un momento di promozione relazionale. Per promozione relazionale si intende: programmare l’aspetto ludico come conoscenza reciproca, curare il dialogo verbale sulle esperienze significative dei bambini, relazionare costruttivamente con i genitori nel rispetto dei reciproci ruoli.

    DIREZIONE DIDATTICA "A. GEMELLI" - LEPORANO TARANTO

    Via Dante, 41
    CAP. 74020
    Tel. e fax 099 5315009

    espansione:apri/salva file in formato RTF

    Il progetto di Action Research per l’apprendimento dell’italiano come L2, in atto dal 1998, è articolato su due livelli interrelati fra loro: quello della formazione e dell’aggiornamento di docenti provenienti da diverse esperienze e quello dell’attività didattica con alunni di diverse età e di differenti culture. Ha la finalità generale di individuare idee e linee operative guida per un curricolo verticale (per alunni dalla materna all’età adulta) di apprendimento dell’italiano come L2. A qualsiasi livello di scolarità, a fronte dell’inserimento di alunni stranieri, occorre che tutti i docenti di classe si facciano carico della situazione in termini di "tempi" da dedicare all’alunno; in termini di strategie e di scelte di mediatori didattici da utilizzare rispetto all’apprendimento della lingua. Di tutte le interazioni verbali e scritte, inoltre, l’alunno deve avere immediata e contestuale percezione. Si è pensato non ad un insegnante per la lingua italiana, ma a momenti (dai 5 ai 20 minuti) da dedicare all’alunno; a situazioni comunicative (giochi verbali e non, linguistici specifici); all’utilizzazione - come prassi didattica - di strategie di mediazione (semplificazione della comunicazione, situazioni di tutoring) a percorsi individualizzati di sviluppo (schede di lavoro, progress di esercizi).
    Nel tempo sono state individuate ed attivate azioni educative rispondenti a specifiche tipologie:

    • Azione 1. Accoglienza
    • Azione 2. Inserimento
    • Azione 3. Familiarizzazione
    • Azione 3. Curricola interculturali
    • Azione 5. Educazione degli adulti

    Per una loro più specifica presentazione

    DIREZIONE DIDATTICA 14° CIRCOLO TRIESTE

    Via Cunicoli, 8
    CAP. 34100
    Tel.- fax 040 54166

    espansione:apri/salva file in formato RTF

    Il progetto "Attività di supporto linguistico agli alunni stranieri e di Educazione Interculturale nelle classi di appartenenza" (a. s. 1998/99) coinvolge sei classi, con un totale di sedici alunni non-italofoni e si svolge in collaborazione con insegnanti di classe e mediatori culturali.
    Obiettivo prioritario del progetto è fornire agli alunni stranieri, strumenti e competenze atte a garantire sufficiente autonomia nella comunicazione (sviluppo del lessico e della strumentalità di base), promuovendo contemporaneamente un "dialogo interculturale" che rafforzi la capacità di convivenza e valorizzi le diverse identità.

     

    aiuto  chi siamo   link  
    RaiEduLab