aiuto

chi siamo
link
  SINTESI


Discipline e Educazione interculturale

In questa sezione appaiono alcuni dei progetti presenti nel cd rom Educazione interculturale,
realizzato dal Ministero della pubblica istruzione e distribuito a tutte le scuole.
Di ciascun progetto è possibile scaricare in formato RTF (Rich Text Format, leggibile
da qualsiasi programma di videoscrittura) un riassunto più dettagliato o "espansione".

Scuola Elementare e materna

 

DIREZIONE DIDATTICA III CIRCOLO "A. DIAZ"
LECCE

CAP 73100
Via S. Stampacchia, 59
Fax. 0832 306011
e-mail:
lediaz@tin.it
sito internet:
http://members.xoom.it/diaz2/

espansione: apri/salva file in formato RTF

Il progetto "Laboratorio musicale multietnico" si colloca nell’ambito del progetto provinciale per la prevenzione del Disagio e la Promozione del Successo Formativo. Nella scuola sono presenti alunni provenienti dal Senegal, dal Marocci, dall’ Sri-lanka, dall’Albania alcuni dei quali vivono con i propri familiari ed altri in famiglie allargate o costituite da amici. Da tempo, inoltre, è presente sul territorio la comunità Rom, ospite di un campo sosta fortemente decentrato rispetto alla città.

Il progetto si pone le seguenti finalità:

  • interazione con l’altro
  • rispetto della propria unicità ed identità
  • valorizzazione delle differenze
  • superamento della tendenza all’omologazione culturale.

DIREZIONE DIDATTICA III CIRCOLO PESCARA

Via Regina Elena,135
CAP 65100
Tel. e fax 085 4210474

espansione: apri/salva file in formato RTF

Il "Progetto C. A. A." presenta le seguenti finalità educative

  • acquisizione e/o consolidamento di alfabetizzazione culturale in stretta correlazione con i temi del mondo contemporaneo
  • fornire alfabeti essenziali di lettura, comunicazione, comprensione, critica della realtà sociale
  • promuovere competenza linguistica che favorisca relazioni interetniche e inserimento sociale, lavorativo, culturale
  • garantire il diritto alla comunicazione come diritto alla cittadinanza
  • favorire, attraverso la competenza linguistica, l’alfabetizzazione sociale

Il progetto si realizza in tre ambiti:

  • ambito della comunicazione e dell’espressione
  • ambito della attività logico-matematica
  • ambito della partecipazione alla vita sociale e democratica.
DIREZIONE DIDATTICA "A. GEMELLI"
LEPORANO - TARANTO

Via Dante, 41
CAP. 74020
Tel. e fax 099 5315009

espansione: apri/salva file in formato RTF

Il progetto di Action Research per l’apprendimento dell’italiano come L2, in atto dal 1998, è articolato su due livelli interrelati fra loro: quello della formazione e dell’aggiornamento di docenti provenienti da diverse esperienze e quello dell’attività didattica con alunni di diverse età e di differenti culture.
Ha la finalità generale di individuare idee e linee operative guida per un curricolo verticale (per alunni dalla materna all’età adulta) di apprendimento dell’italiano come L2. A qualsiasi livello di scolarità, a fronte dell’inserimento di alunni stranieri, occorre che tutti i docenti di classe si facciano carico della situazione in termini di "tempi" da dedicare all’alunno; in termini di strategie e di scelte di mediatori didattici da utilizzare rispetto all’apprendimento della lingua. Di tutte le interazioni verbali e scritte, inoltre, l’alunno deve avere immediata e contestuale percezione. Si è pensato non ad un insegnante per la lingua italiana, ma a momenti (dai 5 ai 20 minuti) da dedicare all’alunno; a situazioni comunicative (giochi verbali e non, linguistici specifici); all’utilizzazione - come prassi didattica - di strategie di mediazione (semplificazione della comunicazione, situazioni di tutoring) a percorsi individualizzati di sviluppo (schede di lavoro, progress di esercizi).
Nel tempo sono state individuate ed attivate azioni educative rispondenti a specifiche tipologie:

  • Azione 1. Accoglienza
  • Azione 2. Inserimento
  • Azione 3. Familiarizzazione
  • Azione 3. Curricola interculturali
  • Azione 5. Educazione degli adulti

Per una loro più specifica presentazione

Proposti da enti e associazioni

 

MANITESE - CRES
MILANO

Piazza Gambara, 7/9
CAP. 20146
Tel. 02 4075165
Fax 02 4046890
Posta elettronica:
Sito Internet:

espansione: apri/salva file in formato RTF

E’ un’Organizzazione non Governativa di cooperazione allo sviluppo-ONLUS, opera dal 1964 a livello nazionale e internazionale per favorire l’instaurazione di nuovi rapporti tra i popoli, fondati sulla giustizia, la solidarietà, il rispetto delle diverse entità culturali.
Realizza progetti di solidarietà nel Sud del Mondo e svolge una costante opera di informazione, di educazione allo sviluppo e di pressione politica.
Le attività in ambito scolastico, finalizzate all’educazione allo sviluppo, ai diritti, all’interculturalità, all’ambiente, sono curate dal CRES (Centro Ricerca Educazione allo Sviluppo), un’Associazione professionale di insegnanti dei diversi ordini di scuola e di esperti in scienze dell’educazione, attraverso iniziative di aggiornamento e pubblicazioni a supporto del lavoro degli insegnanti.

ASAL O.N.G. PER LO SVILUPPO
ROMA

Via Tacito, 10
CAP. 00193
Tel. 06 3235388 - 3235372
Fax 06 3235389

espansione: apri/salva file in formato RTF

L’ASAL (Associazione Studi America Latina) opera da oltre un ventennio nel settore della cooperazione per lo sviluppo e della solidarietà internazionale. Nel corso degli anni è andata specializzandosi in iniziative di Educazione allo Sviluppo e didattica Interculturale, lavorando soprattutto nel settore della pubblicazione e della diffusione di materiali, dell’aggiornamento degli insegnanti, dellla formazione e delll’informazione.
Rilevante importanza rivestono gli strumenti didattici relativi all’insegnamento della geografia in un’ottica dell’interdipendenza, in particolare i materiali basati sulla carta del mondo dello sviluppo storico tedesco Arno Peters. Il gruppo degli insegnanti svolge un servizio per la diffusione, nelle scuole di ogni ordine e grado, dei temi e delle problematiche della pace, dell’interculturalità, dell’ambiente, dell’equa distribuzione delle risorse, della salute, dei rapporti Nord Sud.
L’obiettivo generale è quello di favorire l’integrazione fra diversi soggetti e culture favorendo, anche concretamente, l’inserimento degli alunni stranieri, avendo acquisito la diversità come valore.
Per il corrente anno (1998/99) sta realizzando sei corsi di aggiornamento (Roma, Ostia e Livorno), laboratori didattici nelle scuole dell’obbligo (Roma e Viterbo), formazione per i genitori e laboratori didattici nell’ambito di un progetto di educazione Interculturale della Regione Lazio, presso la scuola elementare Chico Mendes.
L’ASAL organizza e gestisce un centro accoglienza per immigrati "Armadillo" in cui funzionano un asilo multietnico e un doposcuola per ragazzi della scuola dell’obbligo.

 

aiuto  chi siamo   link  
RaiEduLab