RaiTorna alla Home PageMultimedi@Scuola
lezioniil corsonovitàesperienzeforummappa

lezione 1lezione 2lezione 3lezione 4lezione 5lezione 6lezione 7lezione 8lezione 9lezione 10
Rai Educationalstrumenti generali
ti trovi in: home >
il corso
RAI Educational Ministero della Pubblica Istruzione

corso di formazione a distanza per docenti
sull'uso didattico delle tecnologie multimedia
li

promosso da Rai Educational e  dal  Ministero della Pubblica Istruzione

Il 18 ottobre 2000 il Ministero della Pubblica Istruzione ha pubblicato la Circolare Ministeriale n. 233 Prot. n. 4058 che contiene istruzioni dettagliate sulla partecipazione al corso.


Questa sezione è divisa in:
Premessa e obiettivi | Struttura del corso | CD-Rom e sito Internet | I forum in rete | Sequenza delle lezioniRequisiti hardware e software per i punti d'ascolto

Vedi anche:


 

Importante:
valutazione del corso

 

Premessa e obiettivi
Il corso Multimedi@Scuola non ha lo scopo di fornire un'alfabetizzazione di base sui nuovi media (affidata ai corsi 1A), ma quello di fornire agli insegnanti già dotati di un minimo di pratica con l'uso del computer capacità operative e pratiche immediatamente spendibili nelle attività didattiche quotidiane, accompagnate da una riflessione sui contesti d'uso di tali specifiche capacità e sulla loro valenza didattica. Da questo punto di vista, il corso è pensato secondo la metafora di una sorta di 'bottega multimediale' o 'scuola di cucina multimediale' che fornisca ingredienti, ricette, esperienze per la concreta preparazione di lezioni e attività basate in tutto o in parte sull'uso delle nuove tecnologie.

Il CD-ROM e il sito Internet, che costituiscono parte integrante del corso, hanno anch'essi questa impostazione fortemente pratica, e contengono - più che dispense o materiali teorici - 'ingredienti': software, modelli di presentazione, di ipertesti, di esercizi, file grafici e sonori; insomma: strumenti immediatamente personalizzabili e riutilizzabili nel contesto didattico.

 
Lettera di precisazioni del diret-
tore di RAI Educational, Renato
Parascandolo, sul carattere as-
solutamente gratuito del corso
Multimedi@scuola
 

Proprio perché lo scopo principale non è quello dell'alfabetizzazione di base, si presuppone da parte dei docenti che seguono il corso una minima familiarità con computer e sistema operativo: in sostanza, il corso non spiega cos'è un computer, quali sono i comandi di base di un sistema operativo, cos'è un browser e come ci si collega a Internet. Al di fuori di questa familiarità, tuttavia, il funzionamento di tutti gli strumenti software utilizzati viene spiegato (anche in questo caso, soprattutto dal punto di vista pratico).
Gli esempi illustrati nel corso della trasmissione riguardano uno spettro per quanto possibile ampio di materie, e sono comunque tali da poter essere adattati con relativa facilità a scuole di diverso ordine e grado.

Struttura del corso
Il corso comprende dieci lezioni via satellite della durata di 60 minuti ciascuna. A ogni trasmissione partecipano:

  • Carlo Massarini, che ha il compito di conduzione generale della trasmissione; 
  • Gino Roncaglia, docente universitario di informatica applicata alle discipline umanistiche ed esperto nell'uso didattico delle tecnologie multimediali, che ha il compito di spiegare e commentare le esperienze e le procedure che vengono illustrate;
  • un operatore che - utilizzando il mini-laboratorio presente in studio - ha il compito di mostrare concretamente al computer lo svolgimento delle procedure illustrate;
  • due-tre ospiti scelti di volta in volta, in base alle competenze, all'interno di un gruppo di insegnanti già esperti nell'uso di tecnologie multimediali e in grado di parlare della loro esperienza nell'uso degli strumenti illustrati nel corso della lezione;

Durante le trasmissioni gli argomenti presentati vengono sviluppati attraverso l'analisi di casi di studio specifici. Ad esempio: un filmato introduce l'esperienza didattica concreta di un insegnante, e all'interno dello studio questa esperienza viene analizzata, ricostruita e discussa assieme ai partecipanti. In alcuni casi, per illustrare passi particolarmente delicati o complessi della procedura di preparazione, vengono utilizzate delle semplici animazioni o delle schede filmate.

In studio è inoltre allestito un mini-laboratorio pratico con una postazione multimediale gestita dall'operatore. Questo laboratorio permette di illustrare concretamente lo svolgimento del lavoro di preparazione, personalizzazione e utilizzazione di contenuti didattici.

Si raccomanda che i punti di ascolto siano dotati di postazioni multimediali, per permettere ai partecipanti al corso di sperimentare direttamente a fine lezione (ed eventualmente di variare) le esperienze pratiche illustrate nella trasmissione.

Alla fine di ogni puntata, vengono forniti ai partecipanti dei suggerimenti di lavoro o degli spunti per esercitazioni (ad es. realizzazione di una presentazione video, una pagina web, l'utilizzazione in un contesto didattico di strumenti multimediali…), che possono portare a una interazione con la trasmissione attraverso il sito Web, e in particolare attraverso i forum in rete. Si suggerisce ai punti di ascolto di organizzare, nell'ora successiva alla messa in onda della trasmissione, un'ora di discussioni ed esercitazioni in loco, possibilmente coordinata da un tutor o da un docente esperto.

CD-ROM e sito Internet
Il CD-ROM e il sito Internet associati al corso contengono soprattutto 'ingredienti' multimediali ed esempi facilmente personalizzabili. Sul CD-ROM sono inoltre presenti una serie di programmi di pubblico dominio o in versioni dimostrative, che potranno essere utilizzati durante il corso. Tutto il materiale contenuto all'interno del CD-ROM può essere liberamente copiato e distribuito ai partecipanti; indicazioni specifiche sul copyright e su eventuali vincoli di redistribuzione saranno presenti all'interno del CD-ROM o nella documentazione allegata. I materiali presenti non hanno alcuna pretesa di completezza e organicità, ma sono pensati esclusivamente come 'ingredienti' grezzi sui quali il corsista può eseguire i suoi esperimenti multimediali.

Al sito Internet inoltre è affidata la funzione di informazione sull'organizzazione del corso e di strumento di interazione con e fra i partecipanti. Il sito ospiterà quindi:

  • il programma completo del corso
  • indicazioni sulle caratteristiche hardware e software delle postazioni utilizzate 
  • gli 'ingredienti' (file multimediali, software di pubblico dominio, ecc.) necessari alla realizzazione delle 'ricette' illustrate nelle varie puntate (il sito non conterrà invece evidentemente i software commerciali che dovessero essere utilizzati, anche se comprenderà i link a eventuali software gratuiti o di pubblico dominio)
  • esempi delle 'ricette' realizzate: pagine Web, presentazioni video, elaborazioni di immagini, elaborazioni sonore, ecc.
  • eventuali materiali didattici integrativi: dispense, schede, esercizi, ecc.
  • materiali e 'variazioni sul tema' realizzati e inviati dai partecipanti al corso, e la versione completa di alcuni progetti multimediali di particolare interesse realizzati dalle scuole
  • un insieme di forum pubblici per la discussione degli argomenti affrontati
  • il video delle puntate del corso (in tecnologia streaming), man mano che vengono svolte, accompagnato dalle scalette dettagliate delle lezioni.

I forum in rete
I forum rappresentano lo strumento principale di interazione sia fra i partecipanti del corso che fra i partecipanti e la redazione. Hanno soprattutto lo scopo di stimolare la discussione e di venire incontro ai problemi che i corsisti possono incontrare. La redazione parteciperà alla discussione, ma per ovvi motivi non potrà rispondere a tutti. Prima di inviare messaggi ai primi tre forum, dedicati a chiarificazioni più tecniche e concrete, i partecipanti sono invitati a verificare se il tutor del proprio gruppo d'ascolto non possa fornire in loco indicazioni o soluzioni dei problemi eventualmente incontrati. I forum non sono moderati, ma la redazione si riserva il diritto di cancellare i messaggi che fossero considerati completamente fuori tema o contrari alle regole dell'etichetta di rete.

I temi generali dei forum (che saranno ulteriormente suddivisi in sottotematiche) sono i seguenti:

Il corso - organizzazione e funzionamento

  • Tutti i problemi e le domande collegati all'organizzazione del corso.

Le attrezzature - hardware e supporto logistico

  • Tutti i problemi e le domande collegati alle attrezzature e agli strumenti hardware necessari per l'uso della multimedialità nella didattica: dal computer al videoproiettore, dall'aula multimediale al collegamento a Internet.

Gli strumenti software - i programmi e il loro uso

  • Tutti i problemi e le domande collegati all'uso pratico dei programmi utilizzati nell'ambito del corso.

Modelli e pratiche didattiche - i cambiamenti introdotti dall'uso della multimedialità

  • Tutte le discussioni metodologiche sulla didattica multimediale, la riflessione sul significato didattico delle esperienze mostrate e da fare.

Le vostre segnalazioni - risorse di rete, e non solo

  • Tutte le segnalazioni dei corsisti stessi su siti, materiali, risorse bibliografiche, esperienze e risorse di rete che vengono ritenute interessanti per tutti gli insegnanti.

Sequenza delle lezioni

1. Quali strumenti per quale didattica
Dopo la presentazione della struttura del corso e degli strumenti di comunicazione con e tra i corsisti, viene descritta l'attrezzatura hardware e software necessaria per svolgere le esercitazioni proposte e per utilizzare la multimedialità nel lavoro didattico quotidiano. Si parla delle caratteristiche dei singoli strumenti multimediali e del loro uso all'interno di un istituto scolastico.
Obiettivi: attraverso questa lezione i partecipanti

  • acquisteranno familiarità con la struttura e le modalità di svolgimento del corso
  • comprenderanno quali siano le principali attrezzature necessarie in una scuola per fare didattica multimediale
  • comprenderanno la differenza esistente fra stazione multimediale di classe e aula multimediale, e incontreranno alcune configurazioni intermedie o alternative
  • esamineranno alcuni fra i principali problemi, anche pratici, connessi alla utilizzazione delle attrezzature multimediali

2. Oltre la lavagna: introduzione all'uso delle presentazioni video
In questa lezione si parla delle presentazioni video e del loro uso nei contesti didattici. Si spiega cosa è una presentazione video e quali programmi si utilizzano per crearla; viene fatto vedere come realizzarne una ex novo, ma anche dove reperire e come usare presentazioni già fatte. Si riflette sulla loro struttura e sui problemi connessi al loro uso nella didattica.

Obiettivi: attraverso questa lezione i partecipanti potranno comprendere

  • cosa è una presentazione video, e perché può essere utile nell'insegnamento
  • quali attrezzature sono necessarie e come si prepara una semplice presentazione video
  • come si possono reperire, utilizzare ed eventualmente modificare presentazioni realizzate da altri
  • quali strumenti sono necessari per usare in classe una presentazione video
  • in che modo l'uso di presentazioni video modifica le pratiche didattiche, quali problemi può comportare, e in quali contesti presenta i maggiori vantaggi

3. La rete come fonte di materiale didattico
Internet è una miniera inesauribile di materiali da utilizzare in diversi contesti didattici. In questa lezione vengono illustrate le principali metodologie di ricerca e reperimento di informazioni e di materiali didattici. Si illustrano le differenze tra i vari di strumenti di ricerca disponibili in rete, e vengono segnalati alcuni siti di particolare interesse per la didattica. Si discute di come evitare ricerche dispersive e di come valutare l'affidabilità delle risorse trovate. Oltre alla rete anche i CD-ROM possono rivelarsi un importante supporto alla didattica. Si affrontano i problemi di copyright.

Obiettivi: attraverso questa lezione i partecipanti avranno modo di esaminare

  • quali sono le potenzialità della rete come strumento per il reperimento e la distribuzione di materiali didattici
  • quali sono e come si usano i principali strumenti di ricerca in rete, con particolare riferimento al loro uso per il reperimento di materiali didattici
  • alcuni fra i principali siti di interesse didattico
  • le caratteristiche specifiche di alcune possibili fonti di materiale didattico esterne alla rete (CD-ROM, TV tematica, ecc.)
  • alcuni problemi connessi alla tutela del copyright e del diritto d'autore su materiali e strumenti didattici

4. Esercizi di 'cucina' multimediale: testi elettronici e testi in rete
In questa lezione si parla testi e di ipertesti. Viene spiegato cos'è un testo elettronico, come si può acquisire un testo tramite scanner e quali attività didattiche si possono svolgere a partire da un testo in formato digitale. Si sottolinea l'utilità dei programmi di elaborazione di testi nella didattica. Si analizza quindi la struttura degli ipertesti e se ne sottolinea la novità cognitiva; vengono spiegati i principi fondamentali del linguaggio HTML in cui sono costruite le pagine Web e si mostrano alcuni programmi che facilitano la loro scrittura.

Obiettivi: attraverso questa lezione i partecipanti

  • comprenderanno che cosa è un testo elettronico e come si trasforma un normale testo scritto in un testo elettronico
  • esamineranno alcune esperienze didattiche basate sulla creazione e sulla manipolazione di testi elettronici
  • acquisteranno familiarità con il concetto di ipertesto
  • impareranno le nozioni fondamentali del linguaggio HTML per la creazione di ipertesti in rete

5. Esercizi di 'cucina' multimediale: le immagini
In questa lezione si spiega cosa sono le immagini in formato digitale e quali sono i principali formati per la loro codifica, e si riflette sull'utilità delle immagini nella pratica didattica. Viene mostrato come acquisire un'immagine da scanner, e come modificarla tramite un semplice programma di fotoritocco. Si riflette infine sull'importanza della grafica nella creazione del layout di una relazione, di una presentazione video, di un sito Web, in particolare per quanto riguarda progetti sviluppati in ambito didattico.

Obiettivi: attraverso questa lezione i partecipanti potranno comprendere

  • come (e perché) utilizzare le immagini nell'ambito di progetti didattici
  • cos'è un immagine in formato digitale, e quali sono i principali formati in cui può essere codificata
  • come acquisire e utilizzare sul computer una fotografia o un'immagine su carta
  • alcune fra le funzionalità principali dei programmi usati per lavorare sulle immagini
  • come ricercare immagini dalla rete e riutilizzarle nell'ambito di progetti didattici
  • l'importanza dell'impaginazione e della grafica nella realizzazione di presentazioni video, documenti elettronici, siti Web

6. Esercizi di 'cucina' multimediale: i suoni
In questa lezione si spiega cos'è il suono digitale e come si possono acquisire e riprodurre i suoni con il computer. Si fa vedere come usare un semplice programma per la manipolazione dei suoni e come rintracciare file sonori in Internet. Si riflette sull'uso di materiali sonori come arricchimento della didattica, in particolare (ma non unicamente) nell'insegnamento delle lingue straniere e nell'educazione musicale. Si mostra come inserire file ed effetti sonori nelle presentazioni video e nelle pagine Web.

Obiettivi: in questa lezione i partecipanti potranno comprendere

  • perché l'uso dei suoni e di strumenti di gestione e manipolazione sonora può aiutare nella pratica didattica
  • come si rappresentano i suoni nel computer e quali sono i tipi di file sonori più usati
  • come si acquisiscono e si elaborano i suoni con un computer
  • come si ricercano documenti sonori in rete
  • come inserire e utilizzare i suoni all'interno di documenti multimediali e nell'ambito di progetti didattici

7. Esercizi di 'cucina' multimediale: i video
In questa lezioni si spiega cos'è il video in formato digitale. Viene mostrato come acquisire un video tramite una videocamera e una scheda di acquisizione, e si forniscono alcuni cenni sulle potenzialità dei software di montaggio video. Si spiega come inserire i materiali video all'interno di una presentazione e di una pagina Web. Si introduce il concetto di streaming video. Si riflette sull'uso didattico dei materiali video e sulle potenzialità didattica della comunicazione video nel contesto dello sviluppo futuro di Internet.

Obiettivi: attraverso questa lezione i partecipanti comprenderanno

  • che cosa è il video in formato digitale, e in che modo può essere utilizzato nell'ambito dell'insegnamento
  • come si acquisiscono i video con un computer e come realizzare qualche semplice operazione di montaggio video
  • cos'è lo streaming video e come può essere utilizzato per visualizzare o inserire in rete contenuti didattici
  • come inserire i video all'interno di documenti multimediali
  • problemi e prospettive aperti dall'uso di materiali video all'interno di una lezione o in altre attività didattiche

8. I giochi di simulazione in ambienti multimediali e gli strumenti di valutazione elettronici
In questa lezione si spiega cos'è un ambiente virtuale, e quale può essere l'utilità didattica dei programmi di simulazione. Si esaminano alcune fra le principali tipologie degli strumenti di simulazione disponibili per la didattica, e si sottolinea la differenza tra un ambiente virtuale collaborativo e uno non collaborativo. Si fa vedere quindi come costruire semplici questionari multimediali attraverso l'uso di appositi authoring tool e come utilizzare il computer per sottoporli agli alunni.

Obiettivi: attraverso questa lezione i partecipanti potranno comprendere

  • cos'è un ambiente virtuale, e quale può essere l'utilità didattica dei programmi di simulazione
  • alcune fra le principali tipologie degli strumenti di simulazione disponibili per la didattica
  • la differenza tra un ambiente virtuale collaborativo e uno non collaborativo
  • come costruire semplici questionari multimediali attraverso l'uso di appositi authoring tool
  • come utilizzare il computer per sottoporre agli alunni o per distribuire in rete questionari per la valutazione
  • vantaggi e svantaggi della valutazione assistita da computer

9. Lavoro collaborativo a un progetto multimediale: dall'idea alla pubblicazione in rete
In questa lezione si parla di come organizzare e gestire un lavoro collaborativo finalizzato alla realizzazione di un progetto multimediale, sia all'interno di una stessa scuola, sia coinvolgendo più scuole. Se ne discutono le fasi salienti: scelta dei temi, distribuzione dei ruoli, valorizzazione e contestualizzazione delle competenze. In ultimo si discutono i problemi derivanti dall'uso autonomo di Internet a scuola da parte degli studenti.

Obiettivi: attraverso questa lezione i partecipanti potranno comprendere

  • in che modo le nuove tecnologie mutano il volto della didattica collaborativa
  • prospettive e differenze della collaborazione didattica all'interno di una scuola e fra scuole
  • quali sono i principali strumenti per la collaborazione didattica a distanza, in particolare attraverso l'uso di strumenti di rete (chat, e-mail, videoconferenze, ecc.)
  • quali figure e competenze sono necessarie per attivare progetti di didattica collaborativa
  • pregi e problemi di alcuni modelli di organizzazione collaborativa del lavoro didattico su progetti multimediali

10. Integrare didattica in presenza e didattica a distanza
Questa lezione tratta dei modelli di didattica a distanza e della possibilità di integrare momenti di didattica a distanza e momenti di didattica in presenza. Si discute la funzione che può avere in questo contesto il sito Web di istituto. Si esaminano le esperienze già disponibili in rete e le potenzialità future della didattica a distanza nell'ambito dell'aggiornamento, e più in generale dell'istruzione permanente. Si analizzano pregi e difetti evidenziati dall'esperienza di questo corso, tentandone un bilancio conclusivo.

Obiettivi: attraverso questa lezione i partecipanti potranno comprendere

  • cosa si intende per didattica a distanza
  • caratteristiche e peculiarità della rete Internet come strumento di didattica a distanza
  • alcuni strumenti, esempi e modelli di didattica a distanza già disponibili in rete
  • alcuni modelli di integrazione fra didattica e presenza e didattica a distanza, con particolare riferimento all'uso del sito Web di istituto
  • sarà inoltre stimolata una riflessione e valutazione complessiva del corso, con particolare riferimento alla sua natura di strumento di didattica a distanza

Requisiti hardware e software per i punti d'ascolto

  1. Hardware
    Presso ogni punto d'ascolto dovrebbe essere disponibile almeno un computer multimediale così equipaggiato: processore di classe Pentium (consigliato Pentium II o superiore), almeno 16 Mb di RAM (consigliati 64 Mb), almeno 600Mb di disco rigido liberi, scheda audio con microfono e casse acustiche, collegamento a Internet. È comunque preferibile la presenza di un vero e proprio laboratorio multimediale, in grado di garantire l'uso di una postazione computer come quella sopra descritta per ogni 2 o 3 partecipanti al corso. È inoltre consigliata la disponibilità di uno scanner. Se disponibili, saranno utili anche una scheda di acquisizione video, una macchina fotografica digitale e una cinepresa.
  2. Software
    I computer dovranno disporre di un browser per la navigazione in rete (si consigliano Internet Explorer o Netscape, in entrambi i casi versione 4 o superiori), completi dei relativi moduli per la creazione di pagine Web (FrontPage Express o Netscape Composer); di un programma di videoscrittura e di un programma per la realizzazione di presentazioni video (alcuni programmi utili, in versione gratuita o shareware, saranno disponibili nei CD-ROM consegnati ai partecipanti all'inizio del corso).
inizio paginacalendario corsocredits