Torna alla pagina principale NotizieDomande frequenti
 

Video Interviste

Per visualizzare correttamente le interviste
scarica il lettore gratuito Real player:


INTERVISTA

Visualizza
(56Kbps)

Visualizza
( isdn o superiori)

1.

INTERVISTA A MASSIMO VEDOVELLI, UNIVERSITÀ PER STRANIERI DI SIENA
In Italia attualmente vivono circa 1.490.000 stranieri e di questi la maggior parte entra in contatto con la lingua italiana non attraverso un corso, ma secondo le modalità dell'apprendimento naturale. A contribuire allo sviluppo dell'apprendimento dell'italiano come L2 concorrono quindi due elementi fondamentali: il contesto, attraverso l'interazione quotidiana con chi parla la lingua da apprendere e le motivazioni che determinano la volontà di impadronirsi del sistema della lingua con cui si entra in contatto.

2.

INTERVISTA A ANNA GIACALONE RAMAT, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA
L'interesse per l'apprendimento dell'italiano da parte di stranieri residenti in Italia nasce intorno alla metà degli anni ottanta, quando l'Università degli studi di Pavia ha dato vita ad un progetto che raccoglieva studiosi provenienti anche da altre Università, per la realizzazione di una banca dati di registrazioni di apprendenti di madre lingua diversa - trasferita ora in un CD-rom - a cui gli insegnanti di italiano come L2 possono attingere.

3.

INTERVISTA A ANNA GIACALONE RAMAT, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA
Nell'apprendimento di una L2 la ricerca ha individuato, tra le tappe fondamentali, una base comune cui l'apprendente si conforma indipendentemente dalle varietà delle lingue di partenza. L'interlingua, o varietà interlinguistica rappresenta la storia dell'apprendimento come successione coerente e sistematica di diversi stadi di interlingua dotati di una loro grammatica interna.

4.

DOSSIER 2000 CARITAS a cura di Maria Sardu e Jean Leonard Touadi
L'Italia, con il 2% di immigrati, è ancora lontana dalla media europea del 5%. In numeri e percentuali, il dossier fotografa una realtà variegata e complessa in un paese che comincia a fare i conti con culture ed esigenze diverse.

5.

INTERVISTA A PAOLO BALBONI, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI CA' FOSCARI DI VENEZIA
Una lingua non si insegna, si aiuta ad imparare. In questo articolato percorso Internet può e deve rappresentare uno strumento per semplificare e al tempo stesso arricchire il lavoro dell'insegnante e dello studente.

6.

INTERVISTA A GIULIANO BERNINI, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO
Nelle espressioni di un apprendente una L2, quelli che normalmente vengono considerati errori da imputare ad un modo imperfetto di gestire e rendere una lingua straniera, ad un esame più avvertito si rivelano indizi preziosi per capire a che punto è arrivato l'apprendimento.

7.

INTERVISTA A MASSIMO VEDOVELLI, UNIVERSITÀ PER STRANIERI DI SIENA
Il comportamento linguistico degli italiani nei confronti degli immigrati non è mai neutrale. Trovandosi ogni italiano ad essere maestro di lingua spontaneo nella quotidianità della comunicazione, gestisce di fatto un enorme potere comunicativo e quindi culturale, sociale e politico. Un livello comunicativo eccessivamente semplificato, così come un livello eccessivamente alto, tradiscono atteggiamenti, consapevoli o meno, di razzismo comunicativo.

   
Pagina principale delle lezioni
Sillabo delle lezioni 1-8
Lezione 01
Lezione 02
Lezione 03
Lezione 04
Lezione 05
Lezione 06
Lezione 07
Lezione 08