Torna alla pagina principale NotizieDomande frequenti
 
Torna all'indice della lezione


Puntate 01-02
Introduzione per i tutor


La struttura del corso e il framework europeo

(preleva qui la scheda completa in formato RTF, contenente ulteriori informazioni sulla pubblicazione)

Il percorso proposto nell'arco delle 38 lezioni è costruito in riferimento alla scala dei livelli del Framework, una cui sintesi è disponibile nel sito. Alla stessa scala sono rapportati i livelli delle certificazioni cui i corsisti potranno accedere alla fine del corso, rapporto che è il fondamento scientifico della trasparenza e della spendibilità della certificazione stessa.

L'articolazione del corso tiene conto di questo quadro di riferimento in particolare in ordine ad alcuni aspetti: 1) la determinazione dei requisiti in ingresso; 2) il disegno delle possibilità in uscita; 3) la struttura dei moduli in cui e' costruita la successione delle unita' didattiche.

1. INGRESSO:

l'itinerario proposto nel corso è calibrato sulla tipologia prevalente degli utenti che afferiscono ai Centri Territoriali: apprendenti che - trovandosi in Italia già da un certo tempo - abbiano acquisito spontaneamente alcune competenze, minime o leggermente più complesse. Tradotto nel linguaggio del Framework, ciò significa che i destinatari della proposta devono possedere - al momento dell'immissione nel percorso - competenze di italiano L2 comprese nello spettro di quelle proprie dei livelli A1 o A2. È, naturalmente, preferibile che le classi risultino omogenee in relazione a tali livelli di ingresso, ma non si tratta tuttavia di una condizione imprescindibile. L'intervento sugli eventuali problemi di alfabetizzazione strumentale, che può essere esplicato nel quadro delle normali attività del CTP, non e' compreso tra le proposte di attività fornite televisivamente e telematicamente.

2. USCITA:

alla fine del corso, gli apprendenti potranno ottenere una certificazione ufficiale di competenza di italiano L2, anch'essa - come si è visto - riferita ai livelli del Framework, secondo le diverse modalità di convergenza stabilite dagli enti certificatori. L'esito prevedibile per il maggior numero dei corsisti e' quello relativo al livello B1. Sono tuttavia possibili - in relazione al livello d'ingresso e agli itinerari che sarà effettivamente possibile sviluppare in ciascuna classe - altre due possibili uscite: livello A2 e B2.

3. STRUTTURA DEL CORSO E LIVELLI:

la progressione delle unita' didattiche che compongono il percorso e' riferita alla struttura del Framework e, di conseguenza, a quella della certificazione: il 1° modulo (UD 3-10) è destinato al consolidamento, al rinforzo, al completamento dell'acquisizione delle competenze relative al livello A1, e alla relativa verifica; il 2° modulo (UD 11-20) allo sviluppo e consolidamento di competenze relative ai livelli superiori, e alla relativa verifica; il 3° modulo (UD 21-30) all'ampliamento e consolidamento di tali competenze in chiave settoriale-professionale, e alla relativa verifica; il 4° modulo a una ripresa di tutte le competenze precedentemente sviluppate e consolidate nella prospettiva della certificazione, e alla certificazione stessa.