indietro      avanti 
società comunicazione filosofia e storia letteratura e arti scienze


testi a cura di Sfefano Gensini e Giancarlo Schirru

LEGENDA

IDEA
 

sostantivo femminile

LA CITAZIONE 

"Tutte le idee che hanno enormi conseguenze sono sempre idee semplici."

Lev Tolstoj

IL FILM

"FRANKENSTEIN"  


James Whale

(1931)

Tra le parole del lessico della nostra lingua idea è forse quella che più ha associato il suo destino alla riflessione intellettuale: originariamente deriva da una radice verbale greca id- che significa vedere: fu pertanto usata dal filosofo greco Democrito per indicare l'atomo in quanto forma visibile.

Questo significato fu di fatto rovesciato da Platone il quale indicò con la parola idea un'intuizione intellettuale sottratta al mutamento, e quindi opposta al mondo sensibile. Soltanto una forma universale può essere infatti conosciuta in quanto sottratta alla varietà di opinioni che caratterizza l'esperienza sensibile.

La storia successiva del termine è legata alle filosofie che si richiamano direttamente al pensiero di Platone: per questa via la parola fu accolta dalla lingua latina in età classica, continuò a vivere nel latino medievale e venne acquisita dalla lingua italiana fin dal Due-Trecento, mantenendo il significato di forma intellettuale universale.

L'origine del significato attuale della parola idea, quello cioè di contenuto del pensiero separato dal mondo esterno, va ricercata anzitutto nella filosofia italiana del Rinascimento.

Questo modo di vedere l’idea si afferma presso un pensatore seguace, ancora una volta, di Platone, cioè in Marsilio Ficino, e si sviluppa nel secolo successivo grazie al filosofo francese Renato Cartesio.

Questi attribuisce infatti alle idee quelle caratteristiche di chiarezza e distinzione che rendono possibile la conoscenza, solo che gli uomini sappiano guardarle con una mente pura e attenta.

Nel Settecento si afferma la consapevolezza dello stretto rapporto che sussiste fra le idee e le esperienze umane: per dirla col filosofo italiano Vico, l’ordine delle idee dee procedere secondo l’ordine delle cose.

E’ in questo contesto che il termine idea acquisisce anche il significato di espediente, invenzione, trovata: si afferma infatti la concezione di un pensiero in grado di creare, attraverso le idee, nuove realtà, per esempio nella scienza e nell’arte.

Grazie a questa capacità, infatti, questa facoltà l’uomo diventa creatore del mondo, partecipando di una facoltà che in precedenza si attribuiva solamente al divino.


LEGENDA

 

verdemedio.jpg (646 byte)

verdemedio.jpg (646 byte)

id-
=vedere

atomo
forma

verdescuro.jpg (646 byte)

intuizione intellettuale sottratta al mutamento

mondo
esperienza
pensiero
lingua
età



verdescuro.jpg (646 byte)

forma intellettuale universale

verdescuro.jpg (4751 byte)

significato

contenuto del pensiero separato
espediente
invenzione
trovata












creare
realtà
arte
uomo
divino