indietro      avanti   

società

comunicazione

filosofia e storia

letteratura e arti

scienze

 

 

testi a cura di Ignazio Baldelli e Ugo Vignuzzi

LEGENDA

RAZZA

sostantivo femminile

LA CITAZIONE

"Qui non si fanno distinzioni razziali, qui si rispetta gentaglia come negri ebrei, italiani o messicani, qui c'è l'uguaglianza, non conta nessuno!"                                        

Hartman, Kubrick, Herr e Hasford

IL FILM

"EXODUS"

Otto Preminger

(1961)

Le origini della parola italiana razza sono state discusse a lungo dai linguisti, ma ormai è prevalsa l’opinione che fa derivare il vocabolo da un termine del francese medievale, haràz, haràs che significava allevamento di cavalli, in particolare stalloni selezionati.

E infatti le prime attestazioni in italiano, nel Duecento, erano al maschile, razzo, e si riferivano proprio alle razze dei cavalli.

Così inizialmente, con razza, nella nostra lingua, ci si riferiva al mondo animale e vegetale, indicando all’interno di una stessa specie un determinato gruppo caratterizzato da quei tratti comuni che restano inalterati in generazioni successive.

Ancora oggi parliamo di razze di galline, di cani e gatti, o di patate e di rose, e distinguiamo, fra le razze bovine, quelle da carne o da latte, così come fra quelle ovine troviamo anche le razze da lana.

Anzi, sempre secondo l’uso originario, con razza si è indicato anche il risultato del processo di selezione attraverso le varie generazioni che ha portato a migliorare certi elementi genetici, considerati preferibili da vari punti di vista, di una particolare specie.

Per questo si dice che un cane è di razza, ed esiste in Italia un istituto per l’incremento delle razze equine, cioè per ottenere migliori cavalli di razza o purosangue.

Assai presto, tuttavia, si è passati ad usare il termine con un valore più ampio, quello di discendenza, stirpe, non solo di animali, ma anche di uomini, e quindi razza ha potuto indicare anche una famiglia nel senso di successione di generazioni.

Con questa intenzione diciamo, nel linguaggio di tutti i giorni, che una persona è di razza malaticcia oppure che la nostra famiglia è sempre stata una razza di persone oneste. E addirittura possiamo arrivare, per insultare qualcuno, a chiamarlo razza di cretino.

Con il diffondersi di una concezione del mondo di tipo positivistico, nell’Ottocento, la divisione in razze è stata estesa all’intera umanità, basandosi però su elementi come l’aspetto esteriore o altre caratteristiche secondarie che la scienza attuale ha messo fortemente in discussione, soprattutto in rapporto all’effettivo patrimonio genetico dei diversi gruppi umani.

Comunque, a partire dalla fine del secolo scorso, si è cominciato a distinguere i vari popoli della terra a seconda delle presunte razze di appartenenza.

E quel che è peggio, si sono collegati i concetti di razza e cultura, sostenendo un’ipotetica superiorità dei popoli di cultura occidentale, in quanto razze superiori, rispetto alle altre, considerate inferiori perché di tradizioni più o meno primitive.

In realtà, i concetti di razza e di cultura sono assolutamente estranei tra di loro.

Purtroppo, il nazismo ha basato la sua presa dittatoriale del potere in Germania proprio sulla pretesa superiorità del popolo tedesco su tutti gli altri popoli, scagliandosi in particolare contro il popolo ebraico, i cui appartenenti sono stati sterminati a milioni.

Definendo i tedeschi di pura razza ariana, il nazismo si arrogava il diritto di perseguitare tanti altri uomini appartenenti – secondo una perversa logica – a razze considerate inferiori.

Su questa sciagurata base ideologica razzista, cui si è allineato anche il fascismo con le nefaste leggi razziali antisemite, cioè contro gli ebrei, il nazismo ha scatenato un conflitto che si è concluso con uno spaventoso olocausto.

Anche se la seconda Guerra mondiale si è conclusa da più di cinquant’anni, il ricordo di quelle sofferenze resta vivo, e deve valere come preciso monito perché, alle soglie del terzo millennio, non sia lasciato alcuno spazio al razzismo come ideologia.

LEGENDA

haràz
haràs
=allevamento di cavalli
razzo
=razza di cavalli
lingua
gruppo caratterizzato da tratti comuni che restano inalterati
generazione
razza bovina
razza da carne
razza da latte
razza da lana
risultato del processo di selezione
elemento
cane di razza
cavallo di razza
discendenza
stirpe
animale
uomo
famiglia
successione di generazioni
popolo
terra
cultura
tradizione
potere
razzista
leggi razziali
conflitto
olocausto
guerra
millennio