indietro      avanti   

società

comunicazione

filosofia e storia

letteratura e arti

scienze

 

 

testi a cura di Ignazio Baldelli e Ugo Vignuzzi

LEGENDA

SCUOLA

sostantivo femminile

LA CITAZIONE

"Se avessi studiato sarei stato il primo della classe."

Paul Newman da Butch Cassidy

IL FILM

"BIANCA"

Nanni Moretti

(1984)

Il vocabolo scuola proviene dal latino schola, che a sua volta è un prestito dall’antico greco scholé: questo termine originariamente indicava il tempo libero, che secondo il pensiero degli antichi doveva essere impiegato al meglio in occupazioni intellettuali, letture, riflessioni, discussioni.

Di qui si forma il valore di attività di studio o culturale, come una conferenza. Ma scuola era anche il luogo dove si svolgeva questa attività, soprattutto al fine di insegnare tanto da parte dei più alti Maestri del pensiero (si pensi a Platone o ad Aristotele), quanto di oscuri pedagoghi.

Anche a Roma la parola venne assunta con le sue valenze culturali, soprattutto nel senso di corso di lezioni che, se tenute sistematicamente a degli adolescenti, equivalevano al nostro concetto di scuola: e schola indicava anche il luogo nel quale venivano riuniti questi giovani.

Nel latino medievale, ad esempio, con schola cantorum venne indicato quel settore delle basiliche o delle chiese più importanti riservato ai cantori, e poi la scuola di canto annessa alla chiesa e quindi, senz’altro, il coro.

Senza entrare nelle complesse vicende dell’istituzione scolastica lungo i molti secoli che ci separano dalla fine del mondo classico, che ha coinciso con il crollo del sistema educativo romano, va comunque osservato che già agli inizi della nostra civiltà letteraria e della nostra lingua la parola scuola risulta ben attestata, praticamente in tutti i valori principali del termine attualmente in uso.

E non è privo di significato il fatto che il termine sia presente non solo in Dante Alighieri, ma anche in Giovanni Boccaccio e in Francesco Petrarca che prende spunto proprio dalla scuola per un’immagine di grande raffinatezza: ‘Oh! di quali scole / verrà ‘l maestro che descriva a pieno / quel ch’io vò dir in semplici parole’.

Ma nella società moderna la scuola è diventata un’istituzione pubblica, e frequentarla è un diritto e insieme un obbligo: questa istituzione ci accompagna fin dagli anni dell’infanzia, e poi della giovinezza.

A scuola non abbiamo imparato soltanto a leggere, scrivere e far di conto, ma abbiamo anche appreso i fondamenti della nostra cultura, esercitando e sviluppando le nostre capacità di pensiero e di intelligenza.

Insomma dalla scuola materna, per tutta la scuola dell’obbligo e poi nella scuola superiore ed anche in quelle universitarie o di perfezionamento, il problema è quello di fornire un itinerario di educazione e di autoeducazione che abbia come obiettivo una formazione quanto più globale, per il migliore inserimento nella società e nel mondo del lavoro.

Eppure si può apprendere in tanti modi, assai spesso fuori dalle aule scolastiche e dall’età scolare, presso enti o istituti che svolgono attività particolari d’insegnamento come una scuola guida, una scuola di cucina, di ballo, o di vela.

Più in generale, con scuola si viene ad indicare in tal modo il gruppo di coloro che si rifanno ad una medesima metodologia o impostazione teorica, in genere espressa da colui che viene riconosciuto come il comune maestro.

E allora la storia della cultura è scandita largamente da scuole artistiche, filosofiche, letterarie, o scientifiche: il più grande pittore del nostro Rinascimento, Raffaello Sanzio, ha raffigurato la sintesi della grande cultura classica rappresentandone i massimi esponenti in un dipinto denominato ‘La scuola di Atene’.

LEGENDA

schola, ae
scholé, es
=tempo libero
attività di studio o culturale
luogo dove si studia
insegnare
corso di lezioni
istituzione
mondo
civiltà
lingua
diritto
infanzia
giovinezza
imparare
leggere
scrivere
cultura
pensiero
intelligenza
scuola materna
scuola dell’obbligo
scuola superiore
educazione
lavoro
scuola guida
scuola di cucina
scuola di ballo
scuola di vela