indietro    avanti
società comunicazione filosofia e storia letteratura e arti scienze


testi a cura di Daniele Gambarara e Domenico Lamedica

LEGENDA

MEDICINA
 

sostantivo
femminile

LA CITAZIONE 

"Non vado mai da un medico, la loro passione è chiuderti in ospedale."

da ‘Notorius’ di Alfred Hitchcock

IL FILM

"IL MEDICO DELLA MUTUA"  

Luigi Zampa

(1968)

La parola italiana medicina ha origine dal verbo latino mederi, curare, medicare.

L’ars medicina è detta appunto arte perché basata su precetti pratici e sull’esperienza individuale del medico.

Il medico greco Ippocrate di Coo, vissuto nel V secolo a.C., è ritenuto il fondatore della medicina come scienza. Infatti, nelle opere a lui attribuite, si trova una descrizione della malattia come insieme ordinato di sintomi e della cura come utilizzo logico di elementi terapeutici correlati ai sintomi. L’arte del medico era la ricerca di tali sintomi e l’applicazione dei relativi rimedi.

La medicina greca è una delle prime scienze che abbia applicato un metodo esatto e rigoroso imitato in seguito da altre scienze di origine antica come la matematica e la fisica.

Ippocrate fissò anche i principi etici di comportamento del medico che sono ancora validi. Tali principi sono contenuti in un testo, il giuramento d’Ippocrate, che i medici di tutto il mondo pronunciano prima di iniziare la professione.

La medicina moderna è una scienza che studia i fenomeni patologici, cioè le malattie del corpo. Per far questo mette in pratica i risultati delle ricerche di laboratorio svolte con l’ausilio di altre scienze come la chimica, la fisica, la farmacologia, la biologia.

La biologia, in particolare, individuando nella cellula il componente minimo degli organismi viventi, fornisce alla medicina preziose conoscenze di base.

Questa ha lo scopo di prevenire e curare le malattie per migliorare la durata e la qualità della vita e comprende un gran numero di specialità o specializzazioni i cui nomi possono derivare dai mezzi di cura - come accade per la medicina nucleare -, dagli organi di cui ci si occupa - come per la medicina oculistica -, dal tipo di malattie che insorgono in un determinato contesto - come la medicina dello sport.

Nel parlare comune la medicina cura attraverso composti farmaceutici, detti medicine ed è opposta alla chirurgia, che interviene invece con mezzi meccanici, correggendo l’assetto fisico del paziente.

Anche i reparti degli ospedali prendono il nome dal tipo di terapie che vi si praticano e dalle specialità delle quali si occupano.

La facoltà universitaria in cui si studia per diventare medici si chiama invece Facoltà di Medicina e Chirurgia.

Fin dall’antichità alla medicina del corpo è opposta la medicina dell’anima che una volta era competenza del filosofo.

Oggi medicine dell’anima sono le terapie, basate sulla parola e affidate allo psicologo o allo psicanalista, che non curano direttamente le patologie della materia, cioè del corpo, ma intervengono sui meccanismi della psiche.

La medicina, dice il luogo comune, è amara. Da questa affermazione derivano espressioni come dare la medicina che ha il senso di impartire a qualcuno un duro castigo, una punizione.

E ancora, nel gergo politico-economico sentiamo dire che la pressione fiscale è l’unica medicina contro l’inflazione. Ciò significa mettere in campo un rimedio drastico per sanare una situazione che rischia di provocare conseguenze gravi.


LEGENDA


 

verdemedio.jpg (646 byte)

verdemedio.jpg (646 byte)

mederi
=curare
ars medicina

arte
esperienza
opera
malattia
elemento
ricerca
matematica
fisica


verdescuro.jpg (646 byte)verdescuro.jpg (646 byte)

 

verdechiaro.jpg (646 byte)




scienza che studia i fenomeni patologici


verdescuro.jpg (646 byte)

laboratorio
cellula
vita
numero




verdescuro.jpg (4751 byte)

medicina nucleare
medicina oculistica
medicina dello sport

 

verdescuro.jpg (4751 byte)

medicine









facoltà di medicina e chirurgia
medicina del corpo
medicina dell’anima
dare la medicina

materia


verdescuro.jpg (646 byte)









verdechiaro.jpg (646 byte)