indietro    avanti  
società comunicazione filosofia e storia letteratura e arti scienze


testi a cura di Daniele Gambarara e Domenico Lamedica

LEGENDA

AMBIENTE
 

sostantivo
maschile

LA CITAZIONE 

"Allora non dovremmo avere cura dell'ambiente? Siamo chiari, il pianeta non è in pericolo, è sopravvissuto a tutto nel corso del tempo, siamo noi che siamo in pericolo"

Michael Crichton

IL FILM

"IL VECCHIO E IL MARE"  

John Sturges

(1958)

Il vocabolo ambiente ha origine dal participio presente del verbo latino ambire, che significa girare, andare in giro.

Ambiente entra nella lingua italiana nel Medioevo come termine filosofico riferito all’aria. Aria ambiente era l’aria che circondava un corpo o una persona.

La parola ambiente diviene generica nell’Ottocento sotto l’influenza della cultura storica francese per la quale i mutamenti erano causati dalla razza, causa genetica, dall’ambiente, cause sociali, economiche, culturali, e dall’occasione, causa fortuita.

Ambiente passa così dall’ambito della fisica, in cui definiva lo spazio che circonda un essere, a quello delle scienze storico-sociali in cui definisce il mondo dei rapporti sociali che circondano un individuo e ne determinano le credenze, il comportamento e l’evoluzione personale.

Si parla infatti di ambiente sociale e culturale, di ambienti sani o corrotti, per spiegare l’origine dei comportamenti di un insieme sociale o di un individuo.

Nel parlare comune, ambiente è equivalente di stanza, camera di una casa. Ancora oggi si sente in certe pubblicità televisive: areare l’ambiente prima di soggiornarvi.

La scienza che fa tradizionalmente ricerca sui problemi dell’ambiente è la biologia.

In biologia si definisce ambiente l’insieme delle condizioni fisiche e biologiche alle quali sono soggetti gli esseri viventi. Queste sono indispensabili per la loro sopravvivenza.

Con l’era industriale e l’aumento della popolazione cresce la necessità dell’uomo di adattare a sé la natura.

Le scoperte che hanno dato origine alla civiltà industriale hanno aumentato la capacità dell’uomo di convertire in energia produttiva le risorse dell’ambiente, dal carbone all’atomo. Tale adattamento risponde spesso non alle leggi e agli equilibri naturali ma a quelle del profitto e del consumo.

Si sono in tal modo create situazioni di mutamento ambientale che hanno fatto venir meno le condizioni di vita di alcune specie viventi e messo a serio rischio quelle dell’uomo stesso a causa l’inquinamento ambientale.

Ha così assunto grande importanza l’ecologia, parola che proviene dal greco oikos, casa, quindi spazio in cui si vive. L’ecologia è la parte della biologia che studia le condizioni della sopravvivenza biologica e le interazioni tra le forme di vita, allo scopo di conservare l’equilibrio ambientale e ripristinarlo quando viene messo in pericolo.

Con l’ecologia si è passati così dal concetto di ambiente biologico a quello di ecosistema, in cui l’ambiente di tutto il pianeta terra viene visto come un equilibrio instabile prodotto dalle interazioni tra le diverse specie viventi.

Tali forme di vita sono considerate tutte parti indispensabili dell’ecosistema e sono necessarie per il mantenimento delle condizioni ottimali di sopravvivenza dell’intero pianeta.

LEGENDA

verdemedio.jpg (646 byte) ambiens
entis
girare

lingua

aria ambiente
verdescuro.jpg (646 byte) cultura
razza
genetica

fisica

spazio che circonda un essere
mondo dei rapporti sociali che circondano un individuo

 

 

ambiente sociale e culturale
ambienti sani
ambienti corrotti




stanza

 

ricerca


insieme delle condizioni fisiche e biologiche alle quali sono soggetti gli esseri viventi

natura
uomo
scoperta
civiltà
energia
atomo
legge
 

 





mutamento ambientale
vita
inquinamento
ambiente biologico
terra
forma