logo.barra.jpg (7893 byte)

  indietro      avanti 

società

comunicazione

filosofia e storia

letteratura e arti

scienze

 

 

testi a cura di Ignazio Baldelli e Ugo Vignuzzi

LEGENDA

INFANZIA

sostantivo
femminile

LA CITAZIONE
Freccia.GIF (131 byte)

"L'infanzia è un'età deliziosa, benedetta, ma diventa grottesca quando si prolunga oltre misura."                           

Françoise Sagan

IL FILM
Freccia2.GIF (132 byte)

"FANNY E ALEXANDER"

Ingmar Bergman

(1982)

L’origine della parola infanzia si collega a fari, un verbo che esisteva nel latino più arcaico con il valore di parlare in senso pieno, solenne.

Da questo verbo derivano in italiano parole come facondo, favola, oppure nefando, che oggi vuol dire turpe, ma in origine significava qualcosa o qualcuno che non va neanche nominato.

Da fari viene il termine fato, vale a dire la parola che è stata detta una volta per tutte dalla Divinità, il destino, e da questa base latina discendono anche le nostre fate.

La stessa radice è presente anche nel greco antico, con un verbo di significato analogo, dal quale deriva l’italiano profeta, letteralmente chi parla in nome di un altro.

In latino il prefisso in indica la negazione, e chi non è in grado di parlare è appunto in-fans, o in-fante in italiano, dall’accusativo.

L’infanzia è etimologicamente quella situazione in cui si è incapaci di parlare.

Già nel latino prima di Cicerone il termine indicava quell’età della vita dell’uomo durante la quale non si ha ancora il pieno uso della parola.

Per i romani l’età infantile, come informa Quintiliano, durava fino a sette anni, e questa suddivisione si è conservata per tutto il Medio Evo.

L’infanzia era seguita dalla puerizia, che durava fino ai 14 anni, e poi dall’adolescenza fino a 21 o 24.

Veniva poi la piena giovinezza, cui seguiva il declino della vecchiaia nel susseguirsi delle generazioni.

In tempi più recenti, il termine infanzia è giunto a comprendere tutto il periodo dalla nascita alla pubertà.

Nell’uso si è distinta una prima infanzia, e gli studiosi specialisti conoscono anche una seconda e una terza infanzia.

In senso figurato, con infanzia si può denominare anche il periodo iniziale di una civiltà, di una cultura, di un movimento artistico o di una realtà storica, e va ricordato che in passato il concetto di infanzia del mondo si fondeva con quello della mitica età dell’oro.

Più comunemente, il termine si usa per indicare tutti coloro che sono nell’età dell’infanzia, cioè i bambini, ai quali si rivolge una produzione letteraria specifica.

È la letteratura per l’infanzia, che presenta una grande varietà, dalle più tradizionali favole ai moderni fumetti.

L’infanzia è il periodo dei giochi e del primo impatto con la scuola, ma in passato era anche una fase segnata dalla grande diffusione delle malattie tipiche dei primi anni di vita.

Oggi, per i progressi della medicina e della genetica - che hanno influito molto anche sul tasso di natalità - i bambini contraggono in misura minore malattie come la rosolia o il morbillo.

L’infanzia è il periodo della maturazione, dell’ancora incompleta maturità fisica e psicologica dell’individuo.

Viene tecnicamente definita come età evolutiva anche per l’acquisizione del linguaggio verbale: quando si parla di baby talk - letteralmente parlare bambino - ci si riferisce sia ai primi tentativi linguistici dei bambini, sia alla loro imitazione da parte degli adulti.

Il concetto di infantilità come immaturità, a volte associato a incoscienza o a scarsa responsabilità, può essere trasferito, infatti, anche agli adulti.

Per questi ultimi, essere definiti infantili, o puerili non è certo un complimento.

Esistono poi vari altri termini collegati ad infante.

Alcuni sono apparentemente poco prevedibili, come quelli provenienti dalla caduta del prefisso in-.

A questa famiglia appartiene ad esempio fante, che ormai - come il derivato fanteria - è un termine in uso solo in ambito militare.

Altre parole in connessione con fante sono fantino, fantoccio, fantesca, e perfino fanciullo.

Questo ultimo termine viene da fancello che significa fanticello, letteralmente piccolo fante, bambino.

LEGENDA

ghh bb bbbb

bb fari         
=parlare
gfg bb bbbbb

bb significato
parlare
gfg bb bbbbbb

bb in-fans, antis
in-fante

bb incapace di parlare

bb età
vita
uomo

iderivati.gif (171 byte)

bb infantile
ggfgg bb bbbbbb

bb giovinezza
vecchiaia
generazione

bb periodo dalla nascita alla pubertà

bb prima infanzia
seconda infanzia
terza infanzia

bb periodo iniziale di una civiltà

bb cultura
mondo

bb età dell’infanzia

bb essere bambini

bb letteratura per l’infanzia

bb scuola
malattia
medicina
genetica
natalità
misura
gfgf bb bbbbb

bb età evolutiva
gfgf bb bbbbbbb

iderivati.gif (171 byte)

bb infantilità
fante
fanteria
fantino
fantoccio
fantesca
fanciullo
gfgffgg bb bbbbbbb