indietro      avanti 

società

comunicazione

filosofia e storia

letteratura e arti

scienze

 

 

testi a cura di Ignazio Baldelli e Ugo Vignuzzi

LEGENDA

VECCHIAIA Freccia2.GIF (132 byte)

sostantivo femminile

LA CITAZIONE
Freccia.GIF (131 byte)

"Non c'è niente di meglio di una vecchiaia piena di grazia."                    

Francis Scott Fitzgerald

IL FILM
Freccia2.GIF (132 byte)

"IL POSTO DELLE FRAGOLE"

Ingmar Bergman

(1957)

In un'epoca segnata da una diffusa ansia di restare giovani, una parola come vecchiaia è diventata quasi un tabù.

Oggi non si è più vecchi ma anziani, vale a dire nati prima come vuole l'etimologia.

Riferendosi alla vecchiaia, a volte si ricorre al latino senior, rientrato nella nostra lingua attraverso l'inglese: si parla di tariffe seniores o di senior card, dette anche carte d'argento con allusione ai capelli che imbiancano con l'avanzare dell'età.

Vecchio deriva dal latino vetulum, diminutivo, nell'uso familiare, dell'aggettivo vetus.

Questa parola era collegata a un'antichissima base che voleva dire anno o ciclo, frazione di tempo, come dimostrano parole analoghe dell'antico greco.

Vetus si sarebbe poi contrapposto a novus in relazione a cose molto concrete come il vino.

Con vinum vetus si indicava prima il vino dell'anno precedente e poi il vino vecchio, sinonimo di un vino eccellente che era però anche quello prossimo a deteriorarsi a causa delle tecniche enologiche primitive.

È quest'ultimo il valore primario di vetus, che si conserva nel derivato italiano medievale vecchiaia e nel sinonimo vecchiezza: la vecchiaia è, infatti, l'età del tramonto, della fine delle speranze, del declino.

Un'età caratterizzata dal progressivo venir meno di qualità positive a causa del passare del tempo, percepito come qualcosa che distrugge e divora.

Il termine vecchio è stato poi riferito agli animali e agli esseri umani.

A questo proposito si può ricordare il verso ‘Movesi l'vecchierel canuto e bianco’ di Francesco Petrarca, e notissimo è il proverbio ‘gallina vecchia fa buon brodo’.

Ma solo gli specialisti collegano il nome della città di Orvieto alla sua etimologia di urbs vetus, vale a dire città vecchia.

Vecchio, tuttavia, non sempre equivale a vetusto, poiché gli anni accumulati non portano soltanto effetti devastanti o negativi.

Un’espressione come i vecchi tempi, ad esempio, può avere una valenza positiva, se manifesta una dolce nostalgia per la perduta giovinezza, e quella di un vecchio amico - spesso un amico d'infanzia - è un’amicizia che il tempo ha collaudato e reso più sicura e salda.

Un altro frutto positivo del passare degli anni è, o dovrebbe essere, l'esperienza.

Già per i romani i veterani erano i combattenti più ricchi di vissuto, di esperienza spesso risolutiva in situazioni difficili.

I soldati della generazione più avanzata erano detti anche seniores, vale a dire più anziani.

Il termine senex, diversamente da vetus, indicava l'anziano ricco di esperienza, appartenente alla fascia di età opposta a quella dei più giovani.

Il Consiglio degli Anziani che reggeva la Res publica - lo Stato - era il Senato, depositario del potere e delle tradizioni degli antenati.

Anche chi era a capo della famiglia, in una società profondamente patriarcale, era il senior, il più anziano, o come si direbbe oggi il Vecchio, tanto più se questa famiglia era nobile, vasta e potente.

Si spiega così il passaggio da seniorem all'italiano signore, con valore storico-politico di capo di una signoria medievale.

Da signore, nella concezione piramidale propria del Medioevo, si è passati al Signore supremo, Dio.

In tempi più recenti, anche per influsso straniero, la parola signore è stata estesa a sempre più numerose categorie di persone, prima come formula di adulazione, poi come semplice cortesia, fino all'attuale applicazione di massa.

LEGENDA

  LL   L   l

  LL epoca
ansia
LL   L   l

 L essere nati prima
  LL LL   lllll

età

  L vetulus, a, um
vetus, veteris

tempo

  L vinum vetus
LLLL   llllll

  L vecchiezza

  speranza
animale
LLLL L lllllllllllllllll

L vecchi tempi

giovinezza

  L vecchio amico

L infanzia
amicizia
esperienza
generazione
potere
tradizione
famiglia
LLLL L llllllll