indietro      avanti 
società comunicazione filosofia e storia letteratura e arti scienze


testi a cura di Daniele Gambarara e Domenico Lamedica

LEGENDA

DERIVA
 

sostantivo
femminile

LA CITAZIONE 

"Alla deriva in un mare di lacrime dimenticate, su una scialuppa di salvataggio che naviga verso il tuo amore, verso casa."

Hendrix

IL FILM

"PRIGIONIERI DELL’OCEANO"  

Alfred Hitchcock

(1943)

Il francese dérive, da cui proviene la parola italiana deriva, trae forma dal verbo latino derivare, deviare l’acqua dal suo corso, e il significato dal verbo inglese to drive, pilotare, guidare. In italiano giunge alla fine del Settecento come termine tecnico della navigazione.

Il primo senso di deriva è, infatti, lo spostamento laterale che un corpo galleggiante subisce per l’azione di una massa liquida in movimento, ad esempio una corrente marina. Il concetto è passato dalla navigazione marittima a quella aerea. Si definisce infatti deriva anche la deviazione della rotta di un aereo a causa di una corrente atmosferica.

Nel gergo della navigazione di mare, si distingue la deriva dallo scarroccio che è la deviazione di rotta provocata dall’azione del vento sulla parte emersa di un natante. L’insieme di deriva e scarroccio si chiama deriva totale.

Per resistere all’effetto di deriva le imbarcazioni e gli aerei hanno dei dispositivi di tecnologia semplice che si chiamano appunto derive. Nelle imbarcazioni a vela si dice deriva o chiglia di deriva un piano verticale che sporge in basso sotto il natante; mentre sulla coda degli aerei si trova un piano verticale fisso detto anch’esso deriva o piano di deriva.

In geografia si chiamano correnti di deriva quelle provocate da venti periodici che spirano sempre in una certa direzione.

In geologia la deriva dei continenti è il lento moto di slittamento in senso est-ovest cui sono soggetti i continenti. Iniziato in età lontanissime e tuttora in corso, tale movimento va in senso contrario alla rotazione della terra.

La teoria della deriva dei continenti fu enunciata verso la metà del XIX secolo e sviluppata da Alfred Wegener nel 1912. Partendo dall’osservazione che le coste del Sudamerica combaciano con quelle dell’Africa, non solo nella forma generale ma anche nella distribuzione di rocce, di minerali e nella natura, lo scienziato teorizzò che l’attuale distribuzione delle terre emerse fosse il risultato della spaccatura di uno o due continenti più grandi.

Il continente originario detto Pangea, in greco ‘tutta la terra’, si spezzò dando origine a due masse continentali: la Laurasia a Nord e il Gondwana a Sud. Da esse si sarebbero formati i continenti attuali.

Il concetto di tettonica a placche, sviluppato sulla base delle ricerche successive, fornì una spiegazione plausibile della deriva dei continenti. Secondo questa teoria, la crosta terrestre sarebbe formata da placche o zolle molto dure che si spostano scivolando su uno strato sottostante pastoso e cedevole. Ciò spiega anche il formarsi delle montagne e dei vulcani.

LEGENDA

 

 

 

verdemedio.jpg (646 byte)

verdemedio.jpg (646 byte)

dérive, derivare, deviare l’acqua dal suo corso
to drive, guidare

spostamento laterale di un corpo galleggiante

verdescuro.jpg (646 byte)

movimento

deviazione di rotta

verdescuro.jpg (646 byte)

deriva totale

verdescuro.jpg (4751 byte)

tecnologia

verdescuro.jpg (4751 byte)

chiglia di deriva
piano di deriva
corrente di deriva
deriva dei continenti

 

geologia
età
terra





 




minerale
natura

 

 

 

 

 

verdescuro.jpg (646 byte)



ricerca