lcostituzione.jpg (14631 byte)
    indietro      avanti   

società

comunicazione

filosofia e storia

letteratura e arti

scienze

 

 

testi a cura di Ignazio Baldelli e Ugo Vignuzzi

LEGENDA

COSTITUZIONE

sostantivo femminile

LA CITAZIONE

"Complesso delle leggi che stanno a base dell'ordinamento giuridico di uno stato."

dal Vocabolario della Lingua italiana di Nicola Zingarelli

IL FILM

"IL GATTOPARDO"

 

Luchino Visconti

(1963)

La parola italiana costituzione si forma dall’accusativo del termine latino constitutio e indica originariamente come è costituito qualcosa.

Per risalire alle origini, occorre ricordare che in latino esisteva un gruppo di verbi e di nomi collegati con il verbo stare nel senso di essere fermo, fisso, stabile, o da questo derivati.

La radice st- si presenta infatti in molti termini che si riferiscono a concetti o entità fondamentali del linguaggio politico: innanzitutto status che indica lo stare fermo e quindi la condizione stabile di un individuo e poi di una società, cioè il nostro Stato.

Su status si è formato a sua volta il verbo statuere, stabilire, con il suo participio passato statutum da cui provengono gli odierni statuire e statuto, e successivamente in-stituere, da cui si forma istituzione, e constituere da cui nasce il nostro costituire.

Il prefisso con- sottolinea l’unione di diversi elementi, e il verbo giunge a significare disporre, ordinare, quindi costituire, sia sul piano materiale come sinonimo di costruire, fabbricare, erigere, sia con un valore più astratto , riferito soprattutto all’ambito del diritto, delle istituzioni, della vita di un paese, delle responsabilità di un governo.

In italiano, costituzione è una parola colta, presente in molti linguaggi specialistici, come quello medico o quello della biologia e di altre scienze.

Ci si può riferire alla sana e robusta costituzione fisica di un individuo, o alla costituzione di un organismo vivente, di un terreno o di un pianeta.

Ma il valore più noto di questo termine, quello al quale più direttamente si fa riferimento quando si parla di costituzione, è quello giuridico - politico, di legge o insieme di leggi che fondano l’ordinamento, le istituzioni di uno Stato.

In tal senso la costituzione può essere tanto materiale, di fatto, quanto oggi quasi sempre formale, cioè redatta per iscritto.

Quest’ultimo è il caso della Costituzione del nostro paese, che è stata approvata nel 1948 da un’apposita Assemblea Costituente eletta a suffragio universale.

Nel 1946 tutto il popolo italiano aveva infatti scelto con un referendum istituzionale la repubblica, cioè la forma repubblicana dello Stato.

Si era così abrogato lo Statuto albertino, così chiamato perché concesso dal re Carlo Alberto di Savoia al popolo. Questo statuto era stato poi esteso, con alcune modifiche, al Regno d’Italia.

In questi ultimi anni il dibattito sulla riforma della costituzione si è riacceso, e il parlamento ha nominato una commissione composta da membri di entrambe le Camere per mettere allo studio gli adeguamenti necessari alle mutate esigenze dei tempi.

Un compito, questo, di particolare responsabilità , perché la costituzione, in una democrazia come la nostra, è il fondamento dei diritti e dei doveri dei cittadini, e il patto costituzionale è alla base non solo della nostra convivenza civile, ma della nostra stessa libertà.

LEGENDA

ll lll llllll
lll constitutio, onis
ll come è costituito qualcosa
lll stare
=essere fermo
=essere stabile
statuere
=stabilire
lll lll lllllll
lll istituzione
lll constituere
=costituire
lll disporre
costruire
lll valore
diritto
vita
paese
governo
lll sana e robusta costituzione
costituzione di un organismo vivente
llll lll llll
lll legge
llll insieme di leggi che fondano l’ordinamento di uno stato
llll lll llllllllllllllllllllll
llll assemblea costituente
lllll lll llllllllllllllllll
lll repubblica
forma
popolo
parlamento
tempo
democrazia
dovere
libertà
llll lll   llllllllllllllllllllllll