indietro      avanti 
società comunicazione filosofia e storia letteratura e arti scienze


testi a cura di Maurizio Dardano e Gianluca Frenguelli

LEGENDA

ROMANZO
 

sostantivo maschile

 

LA CITAZIONE 

"Un romanzo è uno specchio che uno si porta lungo una strada. Ora riflette l'azzurro dei cieli, ora il fango delle strade."

Stendhal

IL FILM

"I PROMESSI SPOSI"  


Salvatore Nocita

(1989)

La parola italiana romanzo deriva dall’antico aggettivo francese romanz, proveniente a sua volta dal latino Romanice loqui, che significa parlare una delle nuove lingue nate dal latino.

Romanz indicava originariamente una qualsiasi lingua volgare derivata dal latino, e questo valore si ritrova nell’espressione lingua romanza.

Già all’inizio del XII secolo con romanz si definiva un testo scritto in lingua volgare, e in seguito anche un’opera narrativa volgare in versi.

Quest’ultimo significato è quello che si ritrova nel periodo delle origini delle letterature moderne, in cui con il termine romanzo si intende un ampio scritto in lingua volgare nato dalla capacità di uno scrittore di inventare avvenimenti, trame e personaggi.

Lo scopo di un romanzo è quello di dilettare il lettore con il racconto di avventure eroiche, che possono essere costituite da sviluppi di eventi storici come anche da trame di pura invenzione.

In un primo periodo prevale l’uso della poesia: sia i romanzi medievali francesi che i nostri romanzi cavallereschi sono infatti scritti in versi.

Nel romanzo medievale protagonisti, situazioni e ambienti si ripetono di continuo, dando luogo ai cosiddetti cicli.

Il ciclo bretone, ad esempio, è ambientato alla corte di re Artù, mentre il ciclo carolingio ruota intorno alla figura di Carlomagno.

Successivamente il romanzo adotta la prosa. Nelle letterature moderne e contemporanee, romanzo indica infatti un componimento letterario in prosa: un genere che si afferma nel corso del Seicento e che raggiungerà il suo massimo sviluppo due secoli più tardi.

In genere un romanzo è un libro che ha per oggetto la narrazione di vicende di una famiglia o di un singolo individuo, su uno sfondo che può essere storico o fantastico.

Presenti in quasi tutte le biblioteche, i romanzi si articolano naturalmente in diversi generi.

Quelli di maggior rilievo e diffusione, distinti in rapporto al contenuto, alla forma e ad altre caratteristiche sono il romanzo storico, quello d’avventura, il picaresco e il naturalistico, il romanzo neorealistico e quello epistolare, il romanzo giallo e il romanzo umoristico, oltre al romanzo rosa e a quello di fantascienza.

Un tipo particolare di romanzo è quello d’appendice, che veniva pubblicato a puntate sui quotidiani, e ancora più insolito è un prodotto recente: il romanzo interattivo o libro-game, in cui la trama è costruita di volta in volta dalle scelte del lettore.

Convenzionalmente si chiama romanzo greco una narrazione di epoca ellenistica con una trama varia e complessa, simile al romanzo moderno.

Questo particolare genere, insieme alla Bibbia e alle cronache latine, costituisce una delle maggiori fonti di ispirazione del romanzo medievale.

Con romanzone si intende invece un buon romanzo o anche un’opera notevolmente estesa.




LEGENDA



 

verdemedio.jpg (646 byte)

verdemedio.jpg (646 byte)

romanz
romanice loqui
=parlare una delle nuove lingue nate dal latino

valore
espressione

lingua romanza

romanz
=testo scritto in lingua volgare
=opera narrativa volgare in versi

verdescuro.jpg (646 byte)

ampio scritto in lingua volgare con avvenimenti, trama e personaggi

verdescuro.jpg (4751 byte)

racconto
evento
poesia

romanzi medievali
romanzi cavallereschi

protagonista
ambiente







componimento letterario in prosa

libro

narrazione di vicende

famiglia
biblioteca
forma

romanzo storico
romanzo d’avventura
romanzo picaresco
romanzo naturalistico
romanzo neorealistico
romanzo epistolare
romanzo giallo
romanzo umoristico
romanzo rosa
romanzo di fantascienza
romanzo d’appendice
romanzo interattivo
romanzo greco

epoca
bibbia

romanzone

opera