indietro      avanti 

società

comunicazione

filosofia e storia

letteratura e arti

scienze

 

 

testi a cura di Tullio De Mauro e Luca Lorenzetti

LEGENDA

CONVENZIONE

sostantivo femminile

LA CITAZIONE

"2 dicembre 1994:Ratifica ed esecuzione della Convenzione delle Nazioni Unite sul diritto del mare."

IL FILM

"BARRY LINDON"

di Stanley Kubrick

(1975)

In latino la parola conventio significava riunione, accordo, ed era collegata con il verbo convenire nel senso di venire insieme.

Il primo valore del termine latino era ancora in uso nel Trecento.

Boccaccio usava convenzione per riunione, adunanza, ma questo significato cadde poi in disuso per qualche tempo, e rientrò in Italia attraverso il francese all’epoca della Rivoluzione, quando convenzione fu utilizzato per indicare l’assemblea parlamentare che governò la Francia dal 1792 al 1795.

Il senso di riunione politica che manca alla parola italiana convenzione è proprio invece dell’inglese convention, vocabolo frequente nell’italiano giornalistico e derivato anch’esso dal latino.

Nell’inglese d’America, con convention si intende sia il congresso dei delegati di un partito, che la riunione dei dirigenti di un’azienda.

Nell’italiano di oggi, convenzione significa accordo, patto tra due o più soggetti.

In genere si tratta di patti ufficiali e non di accordi privati, ma ancora alla fine del Settecento si poteva chiamare convenzione il compromesso che all’ultimo momento poteva evitare un duello.

I partecipanti a una convenzione possono essere persone oppure enti, società, Stati.

Si può parlare quindi di convenzioni internazionali, di convenzioni commerciali, o di convenzioni sugli armamenti.

Alcune convenzioni sono note a tutti per la grande importanza che hanno avuto nella storia: pensiamo alle Convenzioni di Ginevra, che nel mondo occidentale regolano la tutela della persona, il diritto di guerra e il trattamento dei prigionieri, limitano il lavoro forzato e aboliscono la schiavitù.

Quasi sempre questi trattati sono messi per iscritto.

Si chiama convenzione, in questo caso, anche il documento che contiene l’accordo.

In ambiti più ristretti, si definisce convenzione il patto in virtù del quale tutti i membri di un gruppo accettano un determinato uso.

Questo tipo di convenzione è frequente in campo scientifico.

E’ per convenzione che nel vocabolario italiano troviamo come lemma l’infinito di ciascun verbo - ad esempio, dire - mentre i dizionari di latino utilizzano la prima persona dell’indicativo - ad esempio, io dico.

Come termine scientifico, convenzione ha un posto privilegiato nello studio della lingua.

Fin dall’epoca di Socrate i filosofi si sono chiesti se il rapporto tra l’espressione e il significato del segno linguistico sia un rapporto naturale oppure il risultato di una convenzione.

Con un valore diverso, si chiamano convenzioni i modi di pensare, i comportamenti e i valori che chi appartiene a una civiltà o a una comunità accetta per tradizione, senza bisogno di aderirvi dichiaratamente, anche quando la cultura che li ha imposti non esiste più.

Quando l’adesione alle convenzioni è solo il segno dell’adeguarsi alla maggioranza, la parola convenzione può acquistare una valenza negativa: un discorso di convenzione è un discorso del tutto prevedibile, e un entusiasmo di convenzione è in genere imposto dall’alto e privo di senso critico.

LEGENDA

l conventio, onis
=riunione
accordo
convenire
venire insieme
l valore
l adunanza
l significato
tempo
l assemblea parlamentare che governò la francia dal 1792 al 1795
l senso
lll l ll
l patto tra due o più soggetti
ll l l
l convenzioni internazionali
convenzioni commerciali
convenzioni sugli armamenti
l storia
l convenzioni di ginevra
l mondo
diritto
guerra
lavoro
l documento che contiene un accordo
patto in virtù del quale tutti i membri di un gruppo accettano un determinato uso
l l l
l vocabolario
lemma
lingua
espressione
significato
segno
l l l
l modi di pensare
comportamenti
l civiltà
tradizione
cultura
l discorso di convenzione
entusiasmo di convenzione
l l l