indietro    avanti
società comunicazione filosofia e storia letteratura e arti scienze


testi a cura di Daniele Gambarara e Domenico Lamedica

LEGENDA

MACCHINA
 

sostantivo
fennimile

LA CITAZIONE 

"Sono una macchina, una macchina per vivere."

‘da Un mondo senza pietà’ di Eric Rochant

IL FILM

"OVERBOARD-UNA COPPIA ALLA DERIVA"  

Garry Marshall

(1987)

Da makhaná, congegno, espediente nel greco parlato nelle colonie doriche dell’Italia meridionale, deriva la parola latina machina che è all’origine dell’italiano macchina presente nella nostra lingua dalla fine del Quattrocento.

Dallo stesso vocabolo greco derivano in italiano anche termini quali macina, meccanico, meccanismo.

Per la fisica le macchine sono dispositivi che servono per facilitare un lavoro meccanico. Esse trasformano o trasmettono energia superando una forza, detta resistenza, con l’applicazione di un’altra forza, detta potenza.

Le macchine si distinguono in semplici e complesse a seconda del numero delle parti che le compongono.

Quelle semplici hanno poche parti, come la ruota, o una sola, come la leva. Le macchine complesse, invece, hanno un numero variabile di parti collegate fra di loro; tali parti possono essere solide ma anche liquide o gassose, come il vapore nelle locomotive o nelle turbine.

Le macchine si distinguono anche per il tipo di energia che forniscono. Si dicono motrici quelle che trasformano energia in moto, come le automobili; trasmettitrici quelle che trasformano un tipo di energia in un altro, ad esempio le turbine che trasformano il vapore in energia elettrica.

Macchine operatrici come le presse e i torni, sono infine quelle che intervengono sulla materia modificandone la forma.

Una delle costanti del progresso è inventare e costruire macchine sempre più complesse per fare in maniera automatica lavori pesanti e ripetitivi. Il progressivo sviluppo dell’automazione del lavoro da grandi quantità di prodotti che costano meno e hanno qualità uniforme.

Oggi, nell’era delle macchine, il segno del progresso della tecnologia e l’invenzione di meccanismi sempre più sofisticati.

Le macchine e le loro fonti di energia sono così importanti da essere divenuti simboli di diversi periodi della storia moderna.

L’Ottocento e rappresentato dal carbone, dalla macchina a vapore, dal telegrafo; il primo Novecento dal petrolio, dall’automobile, dal telefono. La fine del millennio ha come simboli il televisore e il calcolatore elettronico, l’informatica.

Il calcolatore è una macchina virtuale, che integra altre macchine; in particolare il televisore e il telefono. Questo avviene grazie alla telematica , la parte dell’informatica che si occupa della comunicazione.

Esiste una gran quantità di usi e modi di dire legati alla parola macchina. Innanzitutto esiste differenza di significato fra plurale e singolare.

Macchina, al singolare, è sinonimo di automobile, mentre al plurale, le macchine sono i motori di una nave o l’insieme degli impianti di un’industria.

Nell’antichità e nel medioevo si chiamavano macchine tutti gli apparecchi usati per assediare una fortezza, ad esempio le torri mobili, gli arieti, le catapulte.

Ed erano detti macchine anche i congegni meccanici che venivano impiegati per le rappresentazioni teatrali. Ne rimane traccia nella espressione colta deus ex machina (letteralmente il dio che scende sulla scena per mezzo di una carrucola).

In origine, infatti, l’espressione si riferiva alla macchina teatrale che consentiva la discesa in scena di una divinita incaricata di risolvere il dramma con il suo intervento portentoso.

Oggi l’espressione allude a un mutamento improvviso o all’intervento di un personaggio potente che scioglie una situazione complessa.

Per traslato, si definisce macchina ogni oggetto composto di parti che funzionano insieme. Questa espressione è utilizzata particolarmente per il corpo umano nel suo complesso in locuzioni tipo la macchina umana, ma anche per organizzazioni molto articolate. Diciamo infatti la macchina dello stato, della giustizia o la macchina narrativa, in riferimento alla trama di un’opera letteraria.

Il derivato macchinazione è invece sinonimo di congiura, complotto, cospirazione.

 

LEGENDA

verdemedio.jpg (646 byte) makhaná, as
=congegno
=espediente

machina

lingua

macina
meccanico
meccanismo





fisica

 

dispositivi che servono per facilitare un lavoro meccanico

energia

macchina semplice
macchina complessa




numero

 


macchina motrice
macchina trasmettitrice

macchina operatrice

 

 

 

 

 

 

 

 

 

materia
forma
inventare
costruire
fare
lavoro

tecnologia
storia

telefono
millennio

informatica
virtuale
telematica

 

 

 

 

 

 


macchine
 

 

 

 

 

 

congegni meccanici impiegati per le rappresentazioni teatrali

deus ex machina
macchina teatrale

 

 

 


oggetto composto di parti che funzionano insieme

macchina umana
macchina dello stato
macchina della giustizia
macchina narrativa

opera



macchinazione