indietro      avanti   

società

comunicazione

filosofia e storia

letteratura e arti

scienze

 

 

testi a cura di Ignazio Baldelli e Ugo Vignuzzi

LEGENDA

APOCALISSE

sostantivo femminile

LA CITAZIONE

"Stai tranquilla, il mondo non può finire quando ci sono tante persone che guadagnano tanti soldi."      

Hal Hartley da L'incredibile verità

IL FILM

"APOCALISSE NEL DESERTO"

Werner Herzog

(1992)

Apocalisse (o apocalissi con terminazione alla latina) è un termine colto, proprio della tradizione cristiana, che riprende il tardo latino apocalypsis.

In latino la parola riproduce il titolo in greco antico dell’ultimo libro del Nuovo Testamento apokalypsis, che valeva originariamente in quella lingua rivelazione, manifestazione, ed era un derivato di apokalyptein svelare.

Il termine deve la sua fortuna millenaria al fatto di essere stato usato come titolo e come parola iniziale dell’ultimo libro della Bibbia cristiana, appunto l’Apocalisse, il cui autore dichiara di chiamarsi Giovanni, un personaggio in cui la tradizione ha voluto riconoscere il san Giovanni autore del quarto vangelo con una attribuzione oggi molto discussa soprattutto per le divergenze stilistiche fra le due opere.

Si tratta di una visione, o meglio di una serie di visioni profetiche, di grande valore simbolico, ma spesso assai complesse, oscure e descritte con un linguaggio volutamente allusivo e generico, tipico della letteratura apocalittica giudaica e poi cristiana del periodo intorno alla nascita di Cristo.

Il tema fondamentale è costituito dalle tribolazioni che i giusti dovranno affrontare con l’acuirsi della lotta fra bene e male, soprattutto negli ultimi tempi, che vengono rappresentati con numerose immagini spaventose e terribili, fino alla catastrofe universale finale.

Ecco così i sette sigilli la cui apertura scatena i quattro cavalieri dell’Apocalisse; gli angeli delle sette trombe dei castighi di Dio e quelli dei sette ultimi flagelli, la grande tribolazione, l’avvento della Bestia, cioè dell’Anticristo e da ultimo la distruzione di Babilonia, simbolo del regno del male, e le tremende battaglie con la sconfitta totale di Satana, prima del giudizio finale.

E’ facile comprendere come tale susseguirsi incalzante di terrificanti descrizioni, narrate in forma tanto solenne quanto enigmatica, abbiano colpito anche attraverso le raffigurazioni artistiche l’immaginazione popolare, che ha così identificato l’apocalisse con la fine del mondo, e con gli sconvolgimenti cosmici e le inenarrabili sofferenze che avrebbero dovuto accompagnarla: in ogni tempo vi sono state persone che hanno atteso più o meno fanaticamente l’arrivo di tale fine prevista come prossima, annunciandola ai loro contemporanei.

E d’altra parte ancora oggi, nel linguaggio di tutti i giorni, possiamo definire una catastrofe spaventosa e senza rimedio affermando che è una vera apocalisse.

Ma il libro biblico non contiene soltanto elementi di paura: anzi il suo scopo è quello di rafforzare i credenti nella loro fede, e si chiude con un solenne messaggio di fiducia e di speranza: ‘Non ci sarà più né lutto né pianto né dolore. Il mondo di prima è scomparso per sempre’. Allora Dio dal suo trono disse: ‘Ora faccio nuova ogni cosa’.

Anche seguendo un profondo senso laico del moderno, è questo messaggio di speranza a traghettarci verso il Terzo Millennio, che si apre con un solenne giubileo, memoria antica e felice del fare nuova ogni cosa, cioè l’uomo e il mondo.

 

LEGENDA

ietimo.gif (1296 byte) apocalypsis, is
apocalissi
apokalypsis, eos
=rivelazione
=manifestazione
apokalyptein
=svelare
ilink.gif (271 byte) libro
bibbia
tradizione
angelo
isignificati.gif (158 byte) fine del mondo
ilink.gif (271 byte) tempo
speranza
dolore
mondo
moderno
millennio
giubileo
memoria
uomo