indietro      avanti   

società

comunicazione

filosofia e storia

letteratura e arti

scienze

 

 

testi a cura di Ignazio Baldelli e Ugo Vignuzzi

LEGENDA

MILLENNIO

sostantivo maschile

LA CITAZIONE

"Facce meticce di razze nuove come il millennio che sta iniziando..."

Jovanotti

IL FILM

"STRANGE DAYS"

Kathrin Bigelow

(1995)

La parola italiana millennio deriva da un aggettivo dotto di uso assai raro, millenne, che ha o dura mille anni, coniato nell’Ottocento sul modello di decenne: anche quest’ultimo in italiano è un termine colto, ripreso dall’accusativo decennem dell’aggettivo latino decennis, composto da decem, dieci e annum, anno.

Il termine ha poco più di un secolo, ed è interessante che tra i primi ad usarlo nella nostra lingua, sia stato il patriota fiorentino Gino Capponi nel 1869, riferendolo proprio al millennio che ora sta per concludersi.

Con l’espressione ‘al secondo millennio della cristianità’, il Capponi, uno dei più eminenti intellettuali cattolici liberali, pareva coniugare l’affermazione del Cristianesimo a un forte sentimento del moderno.

E d’altra parte già il filosofo cattolico Vincenzo Gioberti aveva scritto che ‘il regno temporale di Cristo sulla terra, espresso coll’allegoria del millennio, non è altro che la civiltà moderna partorita dal Cristianesimo’.

In quest’ultima citazione si fa riferimento al cosiddetto millenarismo, cioè alla credenza, largamente diffusa, dello stabilirsi del regno di Dio sulla terra per un periodo simbolico di mille anni: un concetto che venne ripreso assai presto anche in ambienti cristiani, che si basavano sul testo, assai complesso allegorico e oscuro, dell’ultimo libro del Nuovo Testamento, la visione profetica dell’Apocalisse attribuita a san Giovanni.

Questa prospettiva millenaristica ha spesso dato luogo a movimenti o gruppi ereticali che annunciavano e attendevano come ormai prossimo il ritorno di Cristo sulla terra, per regnarvi sui giusti per un millennio, quasi una nuova mitica ‘età dell’oro’ prima della fine del mondo.

Ma anche per la gente comune, la fine del millennio è stata associata, attraverso le varie epoche storiche e soprattutto nei momenti di crisi, all’aspettativa di eventi drammatici e funesti: è la cosiddetta ‘leggenda dell’anno Mille’, che avrebbe dovuto essere l’ultimo prima della distruzione finale, atteso per questo con manifestazioni di terrore e di penitenza.

Una volta passato segnò invece la rinascita dell’Europa. E’ interessante, a questo proposito, ricordare che il poeta Giosue Carducci menzionava il detto, attribuito a Gesù, di ‘mille e non più mille’, con riferimento alla distruzione finale e al giudizio universale ritenuti ormai prossimi.

In realtà, proprio per quanto riguarda l’anno Mille, non si tratta che di una leggenda, come hanno spiegato gli storici moderni dimostrando l’impossibilità di verificare una cronologia attendibile stabilita in una Europa ancora del tutto analfabeta.

Ciò che tuttavia conta, è l’attesa costante da parte degli uomini in ogni epoca di un nuovo inizio, che lasci alle spalle i mali del passato e apra la via alla realizzazione di un mondo migliore. Anche oggi questa è la speranza che affratella tutti gli esseri umani, credenti e non, alle soglie del giubileo che inaugurerà il Terzo Millennio.

 

LEGENDA

ietimo.gif (1296 byte) millenne
=che ha o dura mille anni

imodididire.gif (1171 byte)

al secondo millennio della cristianità
ilink.gif (271 byte) moderno
terra
civiltà
millenarismo
ilink.gif (271 byte) apocalisse
iderivati.gif (171 byte) millenaristico
ilink.gif (271 byte) movimento
età
mondo
epoca
evento
imodididire.gif (1171 byte) leggenda dell’anno mille
mille e non più mille
ilink.gif (271 byte) speranza
giubileo