indietro      avanti 
società comunicazione filosofia e storia letteratura e arti scienze


testi a cura di Sfefano Gensini e Giancarlo Schirru

LEGENDA

RELIGIONE
 

aggettivo

sostantivo maschile

 

LA CITAZIONE 

"La terra, il cielo, il sol, gli astri, la luna sono gli altari onde l'incenso mio sale al fattor di tutto il sommo Dio."

George Byron

IL FILM

"L’ALBERO DEGLI ZOCCOLI"  


Ermanno Olmi

(1978)

Per la voce latina religio da cui deriva per via colta l'italiano religione, sono state indicate fin dall'epoca antica due diverse etimologie: una, proposta già da Cicerone, vede in religio un derivato del verbo legere inteso nel significato di ‘cogliere o riunire’; autori cristiani come Lattanzio e Tertulliano fanno invece derivare la voce dal verbo ligare che significa ‘legare’.

Secondo il glottologo Emile Benveniste l'etimologia più probabile è la prima delle due. Religio significherebbe in origine ritornare su ciò che si è fatto e quindi scrupolo, fervore inquieto: il termine non indicherebbe direttamente il rapporto con il divino, ma piuttosto il metodico esercizio del culto, l'osservanza costante e rituale di alcuni precetti.

Il cristianesimo portò con sé un nuovo concetto di religione. Per il cristiano la nuova fede è caratterizzata dal legame della pietà, cioè dal rapporto di dipendenza dell'uomo da Dio. Non è un caso quindi se furono i cristiani a far derivare il termine religio da ligare.

L'antico significato del vocabolo sembra però sopravvivere all'epoca classica ed estendersi anche ad alcuni dei secoli cristiani: nell'alto Medioevo infatti religio designa l'osservazione della regola monastica, quindi la disciplina a cui si sottoponevano i componenti degli ordini.

Anche le osservazioni compiute dall'antropologia in culture diverse da quelle occidentali testimoniano come generalmente l'esperienza religiosa coinvolga credenze metafisiche e pratiche rituali senza che sia possibile tracciare una linea tra le une e le altre.

Sembra quindi una particolarità dell'uomo europeo dell'età moderna l'aver concepito la religione come rapporto puramente spirituale tra il singolo individuo e il divino: anche nel nostro continente però convivono stratificati l'uno sull'altro diversi momenti della civilizzazione.

Se per i gruppi intellettuali l'atto di culto può essere rappresentato soltanto dalla lettura metodica della Bibbia, non mancano in Europa espressioni di una religiosità popolare e arcaica ricca di riti collettivi: sono ancora vive infatti le pratiche scaramantiche in grado di scacciare i diavoli o di richiamare l'attenzione e la protezione degli angeli.

 

LEGENDA








 

verdemedio.jpg (646 byte)

verdemedio.jpg (646 byte)

religio, onis
legere
=cogliere
=riunire
ligare
=legare


ritornare su ciò che si è fatto
scrupolo

divino
fede
uomo
epoca







osservazione della regola monastica
disciplina

verdescuro.jpg (646 byte)

antropologia
cultura
esperienza
età
bibbia
rito
diavolo
angelo