indietro      avanti 
società comunicazione filosofia e storia letteratura e arti scienze


testi a cura di Maurizio Dardano e Gianluca Frenguelli

LEGENDA

COSTRUIRE
 

Verbo transitivo

 

LA CITAZIONE 

"Ho costruito questo giardino per te / ho costruito questo giardino per te."

Lenny Kravitz

IL FILM

"LA CASA DEI NOSTRI SOGNI"  


Henry Potter

(1948)

Il verbo costruire deriva dal termine latino construere, un composto formato dalla preposizione cum e dal verbo struere che equivale ad ammassare.

Il significato letterale di construere è quindi quello di mettere insieme.

Il verbo costruire entra in italiano tra il Due e il Trecento a indicare la capacità - fondamentale per l’uomo - di fabbricare qualcosa, unendo diversi elementi e disponendoli in un determinato modo.

Costruire equivale in questa accezione all’atto di assemblare dei frammenti al fine di creare opere valide ed efficienti.

Un altro valore importante del termine costruire appartiene alla sfera dello spirito, ed è quello di costruire nel senso di ordinare una materia dandole una forma, e realizzando così un’opera che può essere un testo letterario, un pezzo musicale, una pittura o una scultura.

Si possono costruire anche nuovi sistemi di idee filosofici o scientifici.

In questo caso, il verbo costruire determina un’azione dell’intelletto compiuta disponendo le diverse parti secondo un ordine ben preciso, e l’atto del costruire è connesso qui a quello dell’inventare.

Un valore più concreto della parola costruire è quello di fare, fabbricare opere in muratura o comporre una macchina attraverso l’unione di differenti parti disposte in modo appropriato.

Questo uso assoluto del verbo costruire si riferisce in genere alla costruzione di edifici.

Nella lingua odierna è invece scomparso l’antico significato di costruire come comporre o mescolare che veniva utilizzato in riferimento a farmaci o bevande, ed era in uso tra il Cinque e il Seicento.

Si costruisce quindi nella vita pratica e nell’arte, ma si può costruire anche nelle lingue: la terminologia grammaticale usa i termini costruire e costruzione nel senso di ordinare le parole di una frase, le proposizioni e le parti di un periodo, mettendole insieme e disponendole secondo un ordine logico, uno schema sintattico.

La grammatica si interessa anche di costrutti, ovvero delle varie strutture sintattiche dei periodi e delle frasi.

Nella seconda metà del Settecento - nell’ambito della matematica - costruire inizia ad acquisire il senso di determinare una grandezza a partire da altre.

Tale grandezza si ottiene compiendo una serie di operazioni, non soltanto attraverso calcoli con numeri, ma anche concretamente con la costruzione di figure geometriche.

Ci sono poi una serie di espressioni e modi di dire che contengono il verbo costruire, tra cui ad esempio costruire la propria fortuna o costruire un impero.

Si può avere un atteggiamento costruttivo ma anche costruire castelli in aria - cioè immaginare o sperare cose che non hanno fondamento nella realtà - e infine possiamo costruire sulla sabbia, ovvero fare un’opera vana.



LEGENDA




 

verdemedio.jpg (646 byte)

verdemedio.jpg (646 byte)

construere
cum-struere
=ammassare

mettere insieme

uomo
elemento

 

verdescuro.jpg (646 byte)

atto di assemblare frammenti per creare opere

verdescuro.jpg (646 byte)
verdescuro.jpg (646 byte)

valore
senso

verdescuro.jpg (4751 byte)

ordinare una materia dandole una forma

opera
pittura
scultura
idea

inventare
fare



 

fabbricare

macchina
vita
arte
lingua

verdescuro.jpg (646 byte)

verdechiaro.jpg (646 byte)

ordinare le parole di una frase

 

 


matematica





determinare una grandezza


numero
espressione

costruire la propria fortuna
costruire un impero
costruire castelli in aria

realtà



costruire sulla sabbia