indietro      avanti   

società

comunicazione

filosofia e storia

letteratura e arti

scienze

 

 

testi a cura di Ignazio Baldelli e Ugo Vignuzzi

LEGENDA

AMORE

sostantivo maschile

LA CITAZIONE

"Sono un caterpillar che scava in cerca del tuo amore."

Janis Joplin

IL FILM

"ROMEO+GIULIETTA DI W.SHAKESPEARE"

Baz Luhrmann

(1996)

La parola italiana amore continua l’accusativo amorem del sostantivo latino amor, derivato dal verbo amare, termine antichissimo nel latino che non trova riscontri nelle altre lingue indoeuropee, ad esempio nel greco antico che per lo stesso concetto usava soprattutto eros.

In particolare nella lingua dell’antica Roma amor si opponeva a odium, nel senso di un forte sentimento di affetto per qualcosa o qualcuno, che poteva giungere fino alla passione.

Così il grande poeta Catullo poteva dettare il celeberrimo epigramma che si avvia su odi et amo cioè odio e allo stesso tempo amo, con specifico riferimento alla passione erotica.

Questo è senz’altro il valore prevalente del termine amor in latino, personificato nel dio Amore, chiamato anche Cupido, che si potrebbe tradurre con bramosia amorosa.

Amor era detto anche l’amato o l’amata. La parola tuttavia poteva avere anche un significato di sentimento affettuoso verso gli altri - i familiari o gli amici - e assumere un valore civile quando si parlava di amor in patriam l’amore verso la patria.

Questa concezione dell’amore era così profondamente radicata da essersi trasmessa attraverso i millenni fino a noi: e i poeti hanno cantato ininterrottamente dell’amore come di una delle più grandi passioni dell’uomo.

Per di più, in italiano, il termine amore si è trovato a poter rimare con cuore, la sede presunta di ogni passione e in particolare di quella amorosa.

Dalla lirica più raffinata alla canzonetta più popolare, amore e cuore hanno dilagato ovunque. E, a seconda delle mode letterarie e culturali nella storia, abbiamo avuto tante diverse codificazioni dell’amore, da quello cortese a quello romantico, a quello libero.

Con l’affermarsi della religione cristiana, amore ha assunto anche una precisa valenza teologica, riferendosi in particolare all’amore di Dio per il creato e soprattutto per l’umanità, ma anche all’amore che ogni essere umano deve portare al suo prossimo: un amore che in questo senso non è passione erotica, ma profondo sentimento di carità verso gli altri, e di solidarietà per chiunque si trovi in una situazione di sofferenza o di disagio.

Più in generale amore indica oggi il voler bene, qual è l’affetto profondo di un genitore verso il proprio figlio: anzi, l’amore materno è emblematico di un sentimento che giunge spesso fino al sacrificio.

Su questa stessa linea l’amore verso qualcosa significa, con valore più esteso, un attaccamento che ci porta a metterla al primo posto: è l’amore verso il lavoro, verso un ideale, ma anche per la musica o per lo sport.

Insomma tutto ciò che ci dà piacere può essere oggetto d’amore, e in questo senso si usa l’espressione che una certa cosa si deve fare per amore o per forza.

Ma non tutto ciò che è oggetto d’amore è sempre giusto, per cui si può avere un eccessivo amore per il lusso, per il guadagno, per il potere.

Nonostante i possibili eccessi, resta il fatto che il bisogno di amore, cioè di amare e di essere amati, nel senso più ampio del termine, è per ogni uomo una necessità primaria, che è fondamentale per la costruzione della personalità: e allora il diritto all’amore diviene, specialmente nell’infanzia, un elemento irrinunciabile alla crescita umana e civile di ogni individuo.

 

LEGENDA

amor, oris
amare
lingua
sentimento
passione
dio amore
cupido
bramosia amorosa
l’amato
l’amata
significato
sentimento affettuoso verso gli altri
l’amore verso la patria
millennio
uomo
storia
amore cortese
amore romantico
amore libero
religione
prossimo
carità
solidarietà
disagio
voler bene
amore materno
amore verso un ideale
piacere
espressione
per amore
diritto
infanzia
elemento