indietro      avanti 
società comunicazione filosofia e storia letteratura e arti scienze


testi a cura di Stefano Gensini e Giancarlo Schirru

LEGENDA

PAESE
 

sostantivo maschile

LA CITAZIONE 

"Conservatori in un paese dove non c'è più niente da conservare."

Leo Longanesi

IL FILM

"1860"  


Alessandro Blasetti

(1934)

L'origine della parola italiana paese va ricercata nel latino pagus che voleva dire villaggio.

Da pagus si è formato poi l'aggettivo pagensis, che indicava lo spazio circostante un borgo agricolo.

Questo è il significato originario con cui la forma pagense è sopravvissuta nelle lingue romanze.

Tra il XII e il XIV secolo, l'italiano paese significa infatti i dintorni di un centro abitato, oppure uno spazio geografico da abitare o coltivare.

Paese indica infatti uno spazio più o meno grande dotato di alcuni elementi caratterizzanti: una regione, una porzione di territorio su cui si esercita un'autorità politica, ad esempio un feudo, una città o un regno.

Da quest'ultimo valore politico deriva una delle due accezioni che la parola assume nella lingua contemporanea.

Il significato di piccolo insediamento agricolo in contrapposizione alle grandi dimensioni della città compare soltanto a partire dal Quattrocento. Fino al XVIII secolo il termine paese è stato vicino e al tempo stesso distinto dal vocabolo nazione.

Con paese si indicava infatti un territorio amministrativo, eventualmente organizzato in una forma statale.

Con nazione invece si denotava un popolo con caratteristiche comuni, a prescindere dalle sue forme di sovranità politica.

Nella seconda metà del Settecento, soprattutto con la Rivoluzione Francese, nazione iniziò ad assumere un forte senso politico.

I due termini - nazione e paese - divennero sinonimi, e insieme alla parola patria passarono a qualificare un gruppo di persone legate da cultura, storia e lingua, e in grado di esprimere una volontà politica comune.

Nell'età della Restaurazione il termine paese trova una nuova collocazione nel linguaggio politico.

La monarchia francese di primo Ottocento permetteva infatti di votare soltanto ai cittadini in possesso di un certo censo.

Si creò così una contrapposizione tra paese legale - il corpo elettorale ristretto - e paese reale - tutti gli altri cittadini che non potevano esprimersi liberamente.

Da questo momento in poi la nozione di paese indica sempre più il paese reale, una comunità nazionale in grado di darsi forme politiche nuove e più aperte: la democrazia e la repubblica.

All'inizio del nostro secolo infine, paese diventa quasi una parola distintiva, rispetto a nazione, dei movimenti politici democratici.

 

LEGENDA








 

verdemedio.jpg (646 byte)

verdemedio.jpg (646 byte)

pagus, i
villaggio
pagensis
spazio circostante un borgo agricolo
pagense

verdescuro.jpg (646 byte)

dintorni di un centro abitato

spazio
abitare
elemento

verdescuro.jpg (646 byte)

regione
porzione di territorio
piccolo insediamento agricolo

verdescuro.jpg (4751 byte)

città
nazione

verdescuro.jpg (4751 byte)


territorio amministrativo






popolo
rivoluzione
senso
cultura


storia
lingua









paese legale
paese reale

democrazia
repubblica
movimento
verdescuro.jpg (646 byte) verdechiaro.jpg (646 byte)