indietro      avanti 
società comunicazione filosofia e storia letteratura e arti scienze


testi a cura di Maurizio Dardano e Gianluca Frenguelli

LEGENDA

TEATRO
 

sostantivo maschile

 

LA CITAZIONE 

"Credevo che odiassi il teatro! Vero, odio anche la vista del sangue, ma ce l'ho nelle vene."

Charlie Chaplin da ‘Luci della ribalta’

IL FILM

"L’ULTIMO METRO’"  


François Truffaut

(1980)

Il vocabolo italiano teatro proviene dal latino theatrum, derivato del greco theatron, che a sua volta si collega al tema del verbo theaomai, guardare.

Con teatro si indicava inizialmente lo spazio in cui venivano rappresentate opere drammatiche e musicali. L’anfiteatro, edificio teatrale greco, si componeva di una parte destinata al coro e denominata orchestra, di una parte calcata dagli attori, la scena, e di una parte riservata al pubblico, l’assise. L’edificio romano riprende la forma di quello greco; l’orchestra si chiama però platea, le gradinate cavea.

Nel Medioevo, le rappresentazioni, quasi tutte di carattere religioso, si tengono in chiesa o sul sagrato. Le rappresentazioni profane dei giullari si tengono invece nelle piazze e nelle fiere.

Solamente nel periodo dell’Umanesimo e Rinascimento nasce l’idea di costruire una grande sala coperta, nella quale i posti degli spettatori siano fissi. Tale struttura è alla base della moderna architettura teatrale.

Come l’architettura, anche le teorie si evolvono: nel XVI secolo, dalla rilettura di Aristotele, nasce l’estetica teatrale.

S’inizia a chiamare teatro anche l’atto della recitazione, il genere teatrale e lo scrivere opere destinate allo spazio scenico. Con questo significato il vocabolo è usato in teatro di prosa, teatro lirico, teatro comico e tragico.

Il teatro greco nasce come forma di celebrazione religiosa, connessa con il culto di Dioniso. In origine si trattava di un canto epico-lirico recitato da un coro. Quando più tardi al coro si affianca un unico attore, detto protagonista, nascono le forme classiche del teatro: la tragedia e la commedia. Il dramma satiresco segna invece un distacco dalla primitiva concezione religiosa.

Nell’Atene classica le rappresentazioni, che avevano il carattere di concorsi, si concludevano con l’assegnazione di un premio. Erano manifestazioni di massa, con grande affluenza di pubblico. Ma nell’epoca delle monarchie ellenistiche il teatro divenne un fatto di corte.

Il teatro romano nasce nel 240 a. C. con Livio Andronico. Forme comiche autoctone del teatro romano sono il fescennino, la satira e l’atellana mentre il mimo è importato dalla Magna Grecia. Tragedie e commedie di argomento greco sono dette cothurnatae e palliatae; quelle di argomento romano sono le pretextae e le togatae.

Nel Medioevo si assiste alla decadenza della vita teatrale, limitata al dramma liturgico e alla sacra rappresentazione, nelle quali si celebravano episodi della Passione e delle vite dei santi. Un teatro parallelo aveva vita nelle piazze ad opera di giullari, i quali mantenevano desta una robusta vena satirica e comica.

Nel Rinascimento si sviluppò il teatro erudito, nelle forme del dramma pastorale, della commedia umanistica, della tragedia sul modello di Euripide e Seneca. Parallelamente nacque la commedia dell’arte, che raggiunse il successo in tutta Europa, soprattutto nel XVIII secolo, grazie a Carlo Goldoni.

Nell’Ottocento si assiste all’affermazione del teatro della borghesia con gli autori francesi Scribe e Labiche.

Nel corso del Novecento si sviluppano il teatro futurista, il teatro dell’assurdo di Ionesco, il teatro di sperimentazione, che cerca collegamenti con altre arti, il teatro di parola, il teatro gestuale e, infine, il teatro epico di Bertolt Brecht.

Per estensione, teatro si usa anche con riferimento allo spettacolo, alla singola rappresentazione scenica. Negli sudi cinematografici c’è il teatro di posa, in cui vengono effettuate le riprese di film e spettacoli. Il teatro operativo è invece il territorio in cui si svolgono delle operazioni belliche.



LEGENDA




 

verdemedio.jpg (646 byte)

verdemedio.jpg (646 byte)

theatrum, i
theatron, ou
theaomai
=guardare

spazio della rappresentazione

opera
attore

 

 

 

 



 

verdescuro.jpg (4751 byte)

estetica

verdescuro.jpg (4751 byte)

atto della recitazione
genere teatrale

verdescuro.jpg (4751 byte)

scrivere
spazio

verdescuro.jpg (4751 byte)

teatro di prosa
teatro lirico
teatro comico
teatro tragico

verdescuro.jpg (4751 byte)

canto, protagonista
tragedia, commedia

mimo
dramma
passione
vita

 

 

 

verdescuro.jpg (4751 byte)
verdescuro.jpg (646 byte)

verdechiaro.jpg (646 byte)

 

 

verdescuro.jpg (4751 byte)
verdescuro.jpg (646 byte)

 

 

 

verdechiaro.jpg (646 byte)

 

 

 

verdescuro.jpg (4751 byte)

teatro futurista
teatro dell’assurdo
teatro di sperimentazione

verdescuro.jpg (4751 byte)

arte

verdescuro.jpg (4751 byte)

teatro di parola
teatro gestuale
teatro epico
teatro di posa
teatro operativo