indietro      avanti 
società comunicazione filosofia e storia letteratura e arti scienze


testi a cura di Tullio De Mauro e Luca Lorenzetti

LEGENDA

LETTERA
 

sostantivo    maschile

 

LA CITAZIONE 

"Quattro facciate di carta da lettere non bastarono a contenere la sua felicità."

Jane Austen

IL FILM

"NON CI RESTA CHE PIANGERE "  


Massimo Troisi e Roberto Benigni

(1984)

L’origine della parola lettera è nel latino littera, che significava prima lettera dell’alfabeto e poi tutto ciò che con le lettere si costruisce, cioè l’epistola, il documento, il testo in generale. Più difficile è rintracciare l’origine del vocabolo latino, nella quale devono aver avuto un ruolo sia la Grecia sia l’Etruria.

La distinzione tra il significato di elemento della scrittura e quello di testo si è conservata intatta nella sostanza, ma col tempo si è anche articolata e suddivisa.

I grammatici greci distinguevano nelle lettere la forma grafica, il nome e il valore, cioè il suono corrispondente. Seguendo quella tradizione, oggi chiamiamo lettere i segni dell’alfabeto, li distinguiamo secondo la forma, tonda o corsiva, maiuscola o minuscola, li chiamiamo per nome quando sillabiamo una parola.

Le occasioni in cui bisogna distinguere il valore delle lettere sono più rare: non capita spesso di dover precisare se una parola si pronuncia con la O chiusa di botte o con la O aperta di bòtte. Con l’invenzione della stampa si sono chiamate lettere anche i singoli caratteri mobili che imprimono l’inchiostro sulla carta.

Al plurale, le lettere’ significa gli studi umanistici: la letteratura, le lingue, la storia come settori di studio e ricerca, organizzati a livello universitario, appunto, nella facoltà di Lettere. Anche questo significato viene direttamente dal latino, come i suoi derivati letterato e letteratura.

E’ interessante ricordare che anche l’origine della parola grammatica ha a che fare col concetto di lettera, che in greco si diceva appunto gramma.

Nel senso di testo scritto, la lettera per eccellenza è l’epistola, la comunicazione scritta che si spedisce per posta a persone o a enti pubblici o privati. All’indomani dell’unità d’Italia, l’emigrazione, l’obbligo militare e la guerra estesero alle classi sociali meno istruite la necessità di comunicare per lettera, e diedero così una forte spinta alla crescita dell’alfabetismo e alla conoscenza della lingua italiana.

Con l’invenzione del telefono la lettera è stata inevitabilmente superata nella comunicazione diretta. Le comunicazioni più formali, ad esempio quelle di carattere commerciale, continuano però a passare attraverso la lettera, alla quale lo scritto garantisce più ufficialità della voce.

Da qualche anno comunque, grazie al diffondersi della posta elettronica, anche i messaggi privati stanno tornando al canale scritto: si ricomincia a scrivere per amicizia e non solo per lavoro.

La lettera è stata per secoli l’unico mezzo di comunicazione personale a distanza. E’ logico perciò che esistano molti tipi di lettera: dalla lettera anonima alla lettera circolare, alla lettera di presentazione.

Esistono lettere inviate a più destinatari, come la lettera pastorale che il vescovo invia a tutti gli ecclesiastici e ai fedeli della sua diocesi, o la lettera aperta, cioè l’articolo di giornale scritto sotto forma di lettera polemica a chi si vuol chiamare in causa.

Molte locuzioni contengono la parola lettera nel senso di significato ristretto di una parola, di uno scritto o di un testo. E’ il senso che si ritrova in un’espressione come ‘prendere alla lettera’ quello che si dice, oppure quando si contrappone la lettera della legge, ciò che vi si esprime formalmente, al suo spirito, cioè alle intenzioni che evidentemente mossero il legislatore.

Un consiglio può essere dato ‘a chiare lettere’, ovvero con la massima franchezza, e tuttavia rimanere lettera morta, cioè venire ascoltato ma non seguito.

Infine, ha un’origine curiosa l’aggettivo avanti lettera, oppure, alla latina, ante litteram, che si dice di persone o cose in anticipo sul proprio tempo. La lettera in questo caso è l’iscrizione che si mette sotto le litografie, col nome dell’autore e la didascalia, e le stampe avanti lettera sono quelle prodotte prima di aggiungere l’iscrizione.


LEGENDA


verdemedio.jpg (646 byte)verdemedio.jpg (646 byte) littera, ae

 

 

lettera dell’alfabeto
epistola
documento
testo
elemento della scrittura

verdescuro.jpg (646 byte)

forma
valore
suono
tradizione
alfabeto
stampa

 

verdescuro.jpg (646 byte)verdescuro.jpg (646 byte)



singoli caratteri mobili che imprimono l’inchiostro sulla carta

 

 

lettere

verdescuro.jpg (4751 byte)
verdescuro.jpg (646 byte)

lingua
storia
ricerca

facoltà di lettere

letterato
letteratura

 

guerra
classe
comunicare
telefono
voce
messaggio
amicizia
lavoro

 

 

 

 

mezzo di comunicazione personale
a distanza

lettera anonima
lettera circolare
lettera di presentazione
lettera pastorale
lettera aperta

 

 

 

giornale
espressione

prendere alla lettera

legge

a chiare lettere
lettera morta
avanti lettera

 

tempo

iscrizione