indietro      avanti 
società comunicazione filosofia e storia letteratura e arti scienze


testi a cura di Stefano Gensini e Giancarlo Schirru

LEGENDA

STORIA
 

sostantivo
femminile

LA CITAZIONE 

"Era una storia che aveva tendenza a traboccare da tutte le parti eppure restava essenzialmente portatile"

J. D. Salinger

IL FILM

"SENSO"  

Luchino Visconti

(1954)

La parola italiana storia nasce dal latino historia, che a sua volta deriva dal greco ed è legato al sostantivo histor, che significa colui che ha visto e quindi conosce.

Nell’italiano colto del Trecento, il vocabolo latino historia era stato accolto nelle forme istoria e storia con il valore di serie di vicende, di fatti reali o immaginari.

Nell’Umanesimo di Francesco Petrarca il termine storia riconquista il particolare significato tecnico che aveva già assunto nella classicità soprattutto grazie allo storiografo greco Tucidide.

In questa accezione, la storia è un’esposizione sistematica di eventi del passato, condotta con un metodo critico in grado di cogliere un collegamento di causa ed effetto tra questi eventi.

Storia inizia così a contrapporsi a cronaca, cioè a una narrazione esclusivamente cronologica.

I due significati - tecnico e generico - si sono conservati fino ad oggi, ampliandosi sempre più in direzioni opposte: nel linguaggio comune -soprattutto nel Cinquecento - la parola storia diventa un semplice sinonimo di faccenda o questione.

Dal Seicento in poi storia assume il valore di racconto inventato o fandonia, e nell’italiano contemporaneo il termine è usato anche nel senso di relazione sentimentale: si pensi alla locuzione avere una storia con qualcuno.

Nel campo degli studi storia si identifica sempre più con il metodo specifico con cui accertare la verità o la veridicità delle testimonianze del passato - cioè la memoria storica - e con cui verificare la durata dei singoli fenomeni e stabilendone le connessioni.

Il metodo storico - nato nel Rinascimento - verrà poi applicato allo studio di manifestazioni umane che mutano nel tempo e non soltanto nella storia intesa come successione di eventi politici, guerre o rivoluzioni.

Alla fine del Settecento, Girolamo Tiraboschi pubblica la sua Storia della letteratura italiana, e nel 1823 appare la Storia della pittura dell’Italia di Luigi Lanzi, ma è soprattutto nella cultura tedesca dell’Ottocento che il metodo storico diventa il fondamento scientifico dello studio dell’uomo e della società.

Per il metodo storico, l’intero corso dell’umanità è una successione di momenti diversi dello sviluppo spirituale, per cui il significato particolare di una determinata epoca si ritrova in tutte le sue manifestazioni: la politica, l’arte, la cultura.

Questo orientamento è chiamato storicismo e si diffuse in Italia alla metà dell’Ottocento.

Nello storicismo, il flusso evolutivo che costituisce l’oggetto dello studio storico acquista un significato filosofico: nel secondo Ottocento, inizia a divulgarsi in Europa il concetto di storiografia, ovvero la narrazione storica come qualcosa di distinto dal suo oggetto.

LEGENDA

 

verdemedio.jpg (646 byte) historia, ae
histor, oros
colui che ha visto e conosce
istoria
=serie di vicende

 

 

 

significato

esposizione sistematica di eventi del passato
verdescuro.jpg (646 byte)
evento

verdescuro.jpg (646 byte)

 

 

 


faccenda o questione

valore
racconto
senso

relazione sentimentale



avere una storia con qualcuno

 

memoria
durata
tempo
guerra

rivoluzione

 

 

 

cultura
uomo

epoca
politica
arte

 

storicismo
storiografia