indietro avanti  
società comunicazione filosofia e storia letteratura e arti scienze


testi a cura di Daniele Gambarara e Domenico Lamedica

LEGENDA

ACQUA
 

sostantivo
femminile

LA CITAZIONE 

"Chiare fresche dolci acque."

Francesco Petrarca

IL FILM

"UN MERCOLEDI' DA LEONI"  

John Milius

(1978)

La parola italiana acqua deriva dal latino aqua.

L’acqua è un liquido di cui sono costituiti i mari, i laghi e i fiumi, che cade dal cielo sotto forma di pioggia e alimenta le sorgenti.

E’ composta da due atomi di idrogeno e uno di ossigeno e, quando è pura, l’acqua è trasparente, incolore, inodore e insapore.

Ma quella che beviamo non lo è mai: contiene infatti altre sostanze come i sali minerali, che le danno consistenza e anche capacità curative.

Gli antichi filosofi, che non conoscevano la genetica, consideravano l’acqua uno dei quattro elementi - insieme all’aria e contrapposta al fuoco e alla terra - dalla cui mescolanza tutte le cose avevano origine.

L’acqua è essenziale alla vita: tutti gli esseri viventi, dai microrganismi formati da un’unica cellula agli animali più complessi, sono costituiti in gran parte di acqua, e questa è un elemento indispensabile per la sopravvivenza dell’ambiente.

Ogni essere umano ha vissuto nell’acqua nell’anno zero della sua infanzia, prima di nascere: il liquido amniotico che permette la vita del feto è composto quasi completamente di acqua, e il parto inizia appunto con la cosiddetta rottura delle acque.

Bisogna ricordare che il significato del plurale acque può essere diverso da quello del singolare.

Le acque è un’espressione che richiama l’insieme delle acque che sono in cielo e di quelle che scorrono sulla terra.

In tal senso, acque è spesso utilizzato nel linguaggio biblico.

Un’importante caratteristica dell’acqua è la sua capacità di cambiare stato: a seconda delle condizioni esterne, l’acqua può essere solida, trasformandosi in ghiaccio, o gassosa, diventando vapore.

Inoltre, può adattarsi ad ogni ambiente e impregnare quasi ogni sostanza.

L’acqua è presente nella liturgia religiosa come elemento purificatore: è con l’acqua benedetta che si viene battezzati cioè lavati dal peccato originale.

Come elemento primordiale che dà la vita ma può diventare distruttivo, l’acqua, in tutte le culture, è legata ad una simbologia complessa che ha radici antiche.

L’acqua buona è limpida, e scorre, mentre si definiscono morte le acque immobili, quelle delle paludi e degli stagni.

In questo senso, una situazione che non presenta vie d’uscita può essere definita stagnante, e si chiama palude la parte di un’assemblea che in un confronto non prende posizione.

Si dice che è passata molta acqua sotto i ponti quando si allude al passare del tempo, e di qualcuno che cerca di influenzare una situazione a proprio vantaggio si può dire che tira acqua al proprio mulino.

LEGENDA

 


 

verdemedio.jpg (646 byte)

verdemedio.jpg (646 byte)

etimo,aqua, ae

liquido
due atomi di idrogeno + uno di ossigeno
verdescuro.jpg (4751 byte)

 

 

verdechiaro.jpg (4715 byte)

genetica
elemento
terra
vita

cellula
animale
ambiente
infanzia

verdescuro.jpg (646 byte)

 

 

verdechiaro.jpg (646 byte)

 




rottura delle acque
l’insieme delle acque

verdescuro.jpg (4751 byte)

verdechiaro.jpg (4715 byte)

verdescuro.jpg (4751 byte)

verdechiaro.jpg (4715 byte)

 

verdescuro.jpg (4751 byte)

 

 

verdechiaro.jpg (4715 byte)

acqua benedetta

cultura


acque immobili

 

verdescuro.jpg (646 byte)

verdechiaro.jpg (646 byte)

acqua sotto i ponti
tirare acqua al proprio mulino