Home Puntate Oggetti Torna ai Protagonisti Informazioni sui links Ricerca
PUNTATE
OGGETTI
PROTAGONISTI
INFORMAZIONI
RICERCA

RENATO MINETTO

 

BIOGRAFIA

EDITORE E IMPRENDITORE, NATO A MILANO NEL 1931.
IMPRENDITORE E POI DOCUMENTARISTA TELEVISIVO DALL’AFRICA, ASIA E AMERICA LATINA, INIZIA L’ATTIVITÀ EDITORIALE DAL 1974, QUALE PRESIDENTE DI MURSIA MARE, POI GENERAL PROMOTER DEL GRUPPO MONDADORI. EDITORE DI ‘ABITARE’ DAL 1976, E POI DI ‘COSTRUIRE’, COLLABORATORE RAI E SOCIO DI RETEQUATTRO, RISOLLEVA LA RIVISTA ‘ZODIAC’, INIZIANDONE UNA NUOVA SERIE DAL 1989.

INTERVISTA


SONO SEMPRE STATO MOLTO ATTENTO ALL'EDITORIA ITALIANA, SOPRATTUTTO A QUELLA CHE MI INTERESSA, CIOÈ ARCHITETTURA E DESIGN. E, DALL'ALTRA PARTE, IO NEGLI ANNI SETTANTA HO UNA CASA EDITRICE CON TEMPO LIBERO, IL GIORNALE DELLA VELA, VIAGGIARE, ECCETERA, CHE SONO LE MIE PASSIONI.
ABITARE COMINCIA AD AVERE 35 ANNI. POI, ZODIAC, CHE HO RILEVATO DALLA OLIVETTI, ORMAI È VICINO AI 50.
ANCHE LE RIVISTE PIÙ ATTUALI CHE HO FATTO COMINCIANO AD AVERE GIÀ OLTRE 15 ANNI (COSTRUIRE) E SIAMO QUASI ALLA BOA DEL QUINQUENNIO PER CASE DA ABITARE.
QUESTA È UN PO' LA MIA STORIA.
(…)
ABITARE ERA IN CATTIVO STATO. PECCATO, PERCHÉ ERA UNA RIVISTA CHE AVEVA INIZIATO MOLTO BENE NEGLI ANNI SESSANTA, SULLA SPINTA UN PO', DICIAMO, DEL GUSTO SCANDINAVO. È STATA LA PRIMA RIVISTA CHE HA COMINCIATO A INTRODURRE IN ITALIA MODELLI SCANDINAVI DELL'ABITARE. IO CREDO DI AVER DATO UNA GROSSA SVOLTA PERCHÉ ABBIAMO APERTO ABITARE, MOLTO PIÙ DI QUANTO NON FOSSE PRIMA, AL DESIGN, GRAZIE ANCHE A DEGLI OTTIMI COLLABORATORI. E ABBIAMO APERTO, SOPRATTUTTO, IL DISCORSO DELLA CIVILTÀ DELL'ABITARE, DELL'ABITARE NELLA CITTÀ, NEL TERRITORIO E IN CASA. NON SOLO IN CASA.
(…)
MI FA RIDERE, PERCHÉ I PROTAGONISTI SONO GLI STESSI DI OGGI: MAGISTRETTI, SOTTSASS, IL CARO AMICO CASTIGLIONI. QUINDI, È TUTTA UNA NOUVELLE VAGUE CHE, PRATICAMENTE, È UNA VAGUE CHE VIENE DA LONTANO E CHE È ANCORA SULLE SPIAGGE.
ADESSO, PERÒ, ABBIAMO NEL DESIGN UNA GROSSA NUOVA ONDATA DI ARCHITETTI DESIGNER, DESIGNER STRANIERI, INGLESI, FRANCESI (PHILIPPE STARCK, ECCETERA), SPAGNOLI, I CECOSLOVACCHI DEI QUALI, ALLORA, NON SI PARLAVA IN ITALIA. PERCHÉ IO CONTINUO AD AFFERMARE - E MI STO ANCHE OCCUPANDO DEL MUSEO DEL DESIGN A MILANO - CHE MILANO È LA CAPITALE DEL DESIGN MONDIALE.
(…)
ADESSO CI SONO DUE CORRENTI. IO FACCIO PARTE DELLA COMMISSIONE CULTURA DELL'ASSOLOMBARDA, CHE SI OCCUPA APPUNTO DEL MUSEO DEL DESIGN, NATURALMENTE SEMPRE IN ACCORDO CON LA TRIENNALE.
AVETE VISTO CHE ALLA TRIENNALE È IMPOSSIBILE INTRODURRE UN MUSEO DEL DESIGN, ANCHE PER QUESTIONI DI SPAZIO. QUINDI, DOBBIAMO IMMAGINARE QUALCOSA, COME A LONDRA. IL MUSEO DEL DESIGN INGLESE HA UNA DIMENSIONE GIUSTA, SECONDO ME, CON LE MOSTRE GIUSTE. PENSO CHE ANDREMO ALLA BOVISA. COMUNQUE, SONO COSE TUTTE IN GESTAZIONE.
(…)
PURTROPPO, I GRANDI GRUPPI SI SONO GETTATI, ARMI E BAGAGLI, NELL'ARREDAMENTO E NEL DESIGN. MA SOPRATTUTTO ARREDAMENTO.
QUINDI, QUANDO IO HO COMINCIATO, LE RIVISTE CHE ‘CONTAVANO’ AVEVANO UN GROSSO IMPATTO, CHE HANNO ANCORA MANTENUTO. CITANDO IN ORDINE ALFABETICO: ABITARE, CASABELLA, DOMUS, ECCETERA.
OGGI ABBIAMO QUESTI GIORNALI PIÙ DI TAGLIO FEMMINILE, CHE HANNO INVASO IL MERCATO E HANNO MESSO MOLTA DIFFICOLTÀ AGLI EDITORI SERI, GLI EDITORI CHE CREDONO NELLA GRANDE QUALITÀ, NEL FUTURO DEL DESIGN E DELL'ARREDAMENTO. QUESTI MASS MEDIA FEMMINILI SOTTRAGGONO MOLTA PUBBLICITÀ.
NOI SPERIAMO SEMPRE CHE IL NOSTRO PUBBLICO, CHE È COMPOSTO DA PROFESSIONISTI, DA ADDETTI AI LAVORI, NON CI ABBANDONI MAI.
(…)
SONO UN EDITORE PURO, COME LO È RUSCONI, MENTRE OGGI I GRANDI GRUPPI, PER FINALITÀ COMPLETAMENTE DIVERSE, ENTRANO NELL'EDITORIA, MOLTO PROBABILMENTE AFFIDANDOSI AI QUOTIDIANI PERCHÉ HANNO UN RISVOLTO POLITICO, COMMERCIAL-INDUSTRIALE. PERÒ QUESTE CASE EDITRICI HANNO ANCHE MOLTI PERIODICI E, QUINDI, TUTTO VIENE INFLUENZATO DA QUESTI CHE, CON L'EDITORIA, HANNO MOLTO POCO A CHE FARE.


D: CI PUÒ PARLARE DELLA TRIENNALE?


R: ALLORA, LA TRIENNALE. IO HO L'ETÀ GIUSTA PER RICORDARE LE GRANDI TRIENNALI.
LA TRIENNALE È QUALCOSA CHE CONOSCO BENE, DATA L'ETÀ. QUINDI, LE HO VISTE QUASI TUTTE. ANZI, TUTTE CREDO. NO, QUELLA DEL '33 NO: ERO BAMBINO.
LA TRIENNALE COSTITUISCE UNA GROSSA SPINTA CULTURALE E UN GROSSO CENTRO DI ATTRAZIONE, PERCHÉ, MALGRADO TUTTE LE CRISI CHE HA AVUTO, STA RISALENDO LA CHINA. ALL'ESTERO SIAMO ANCORA CONSIDERATI, COME TRIENNALE, UN CENTRO MOTORE DEL DESIGN E DI TUTTO IL MONDO DELLE ARTI NON SOLO IN ITALIA, MA ALMENO IN EUROPA. MA ANCHE L'AMERICA CONTRIBUISCE MOLTISSIMO A FAR SÌ CHE QUESTA TRIENNALE CONSERVI CONSERVATO QUESTO NOME PRESTIGIOSO.
STA ADESSO AL NUOVO PRESIDENTE, ALLA SUA ÉQUIPE E A TUTTI DARE UNA SPINTA COME QUELLA CHE C'È STATA AI TEMPI DI ROGERS, DI CASABELLA, ECCETERA. QUESTA ERA UNA TRIENNALE CHE AVEVA UNA FORZA DI PENETRAZIONE NEL MONDO MOLTO INTERESSANTE.


D: PUÒ DIRCI QUALCOSA DI COME SI FANNO LE RIVISTE?


R: DALLO SCHIZZO, CHE UNO FA CON UN SISTEMA TOTALMENTE TRADIZIONALE, SI PASSA ALLA SCANSIONE DELLE IMMAGINI, CHE POI IO VEDO NEL COMPUTER. E, DA LÌ, RIESCO A SELEZIONARE MEGLIO LE FOTOGRAFIE GIÀ SCELTE PER DETERMINARE ESATTAMENTE LA CORRISPONDENZA TRA LO SCHIZZO CHE È STATO FATTO IN QUELLO CHE SI CHIAMA TIMONE O MENABÒ DELLE PAGINE, CONTROLLANDO SUL VIDEO SE SI RIESCE AD AVERE UNA VISIONE ESATTA DI QUELLO CHE POI COMPARIRÀ SULLA RIVISTA.
È OVVIO CHE LA SOLUZIONE DI UTILIZZARE IL COMPUTER PER IMPAGINARE EFFETTIVAMENTE IN MODO DEFINITIVO LE COSE CHE PRIMA SI ERANO SCHIZZATE È UNA FORMULA IRRINUNCIABILE, NEL SENSO CHE TI PERMETTE UNA ELASTICITÀ DI INTERVENTO CHE PRIMA NON ERA CONSENTITA.
NOI FACCIAMO UNA ULTERIORE VERIFICA, POI, UTILIZZANDO, OLTRE ALLA VISIONE DEL COMPUTER, DEI VERI MODELLINI CHE SONO ANCORA DI TIPO TRADIZIONALE, NEL SENSO CHE STAMPIAMO DELLE COPIE DIRETTAMENTE DAL COMPUTER, CHE CI DANNO LA PAGINA DEFINITIVA: PRIMA, SENZA TESTO E, POI, CON IL TESTO. PER CUI C'È UN MISTO DI LAVORO TRADIZIONALE E DI LAVORO ASSOLUTAMENTE NUOVO CHE PERMETTE TUTTI QUEGLI ACCORGIMENTI DI MIGLIORAMENTO, IN FASE DI IMPAGINAZIONE, CHE CONSENTONO ALLA RIVISTA DI AVERE LA QUALITÀ CHE HA, POI, IN FONDO. PERCHÉ QUESTO È L'IMPORTANTE DI QUESTO MODO DI LAVORARE DOPPIO, TRA UNO SCHIZZO DI PARTENZA INTUITIVO E LA VERIFICA, IL CONTROLLO FATTO POI SUI MEZZI ELETTRONICI O POI, ADDIRITTURA, SUL MODELLINO FOTOGRAFICO.
CI SONO NELLA REDAZIONE VARI COMPUTER SU CUI VENGONO IMPAGINATI E SI MONTANO SERVIZI DIFFERENTI. QUESTO È IL CASO DELL'IMPAGINAZIONE DI UN PARTICOLARE SETTORE DELLA RIVISTA, CHE SI CHIAMA NAUTILUS, CHE È LA PARTE CENTRALE DEL NUMERO DELLA RIVISTA E CHE TRATTA QUELLI CHE SONO GLI ARGOMENTI UN PO' TANGENTI ALLE PARTI PRINCIPALI, CHE SONO INVECE RIVOLTE ALLA PARTE DELLA PROGETTAZIONE DEL DESIGN, DELL'ARCHITETTURA E DEGLI INTERNI.

 

[HOME ][PUNTATE ][OGGETTI ][PROTAGONISTI ][INFORMAZIONI ][RICERCA]