Home Puntate Oggetti Torna ai Protagonisti Informazioni sui links Ricerca
PUNTATE
OGGETTI
PROTAGONISTI
INFORMAZIONI
RICERCA

CLAUDIO BELLINI

 

BIOGRAFIA

FIGLIO DI MARIO BELLINI, SEGUE SPECIFICATAMENTE, ALLĺINTERNO DELLO STUDIO BELLINI LA SEZIONE DI PROGETTAZIONE E DESIGN (ATELIER BELLINI).

INTERVISTA


D: LA PRIMA DOMANDA ╚ LA PI┘ DIFFICILE: COME ╚ ORGANIZZATO L'ATELIER BELLINI E LEI CHE ATTIVIT└ SVOLGE?


R: QUA ALL'INTERNO DELL'ATELIER BELLINI IO MI OCCUPO IN MODO PARTICOLARE DI SEGUIRE LA PROGETTAZIONE. ALL'INTERNO DELLO STUDIO CI OCCUPIAMO SIA DI ARCHITETTURA CHE DI INDUSTRIAL DESIGN, IN MODO PARTICOLARE PER QUANTO RIGUARDA L'INDUSTRIAL DESIGN, ABBIAMO CREATO UNA SOCIET└ CHE ╚ L'ATELIER BELLINI E IO MI OCCUPO IN MODO SPECIFICO DI SEGUIRE LO SVILUPPO DEI PROGETTI DI INDUSTRIAL DESIGN ALL'INTERNO DI QUESTA SOCIET└. QUESTO SIA LAVORANDO CON MIO PADRE, SEGUENDOLO, LAVORANDO INSIEME SU DIVERSI PROGETTI, MA ANCHE AUTONOMAMENTE E QUINDI SVOLGENDO COME PROFESSIONISTA ATTIVIT└ AUTONOMA.


D: COME VI SIETE ORGANIZZATI LO SPAZIO, IL LAVORO, COME ╚ COSTRUITO QUESTO STUDIO?


R: IL NOSTRO MODO DI LAVORARE ╚ QUELLO DI CREARE DEI TEAM, SU OGNI PROGETTO POI SI INDIVIDUA UNA PERSONA CHE DIVIENE CAPO O PUNTO DI RIFERIMENTO DI QUESTO TEAM. SIAMO IN UN GROSSO EDIFICIO, OPEN SPACE, SU DUE PIANI. AL PIANO SUPERIORE SI SVOLGE L'ATTIVIT└ D'ARCHITETTURA E QUINDI FACCIAMO INDUSTRIAL DESIGN E QUESTA PERTINENZA, QUESTA VICINANZA, CONSENTE ANCHE DI AVERE UN TRAVASO CONTINUO DI ESPERIENZE, MA ANCHE UNA CONTIGUIT└ CHE SENZ'ALTRO ╚ STIMOLANTE PER LA PROGETTAZIONE. NON C'╚ UNA NETTA SEPARAZIONE E A VOLTE QUESTO ╚ INTERESSANTE.


D: ECCO, E IN TUTTO QUESTO SUO PADRE QUANTO TEMPO DEDICA AL DESIGN E QUANTO ALL'ARCHITETTURA.


R: MIO PADRE ╚ ABBASTANZA CONCENTRATO SULL'ARCHITETTURA IN QUESTO PERIODO DELLA SUA VITA E COMUNQUE ╚ UNA PERSONA MOLTO APPASSIONATA. PROGETTA IN SENSO GENERALE E QUINDI NON CREDO CHE SI POSSANO FARE DELLE DISTINZIONI NETTE. DEDICA TEMPO ED ENERGIA A ENTRAMBI I DUE ASPETTI DELLA PROGETTAZIONE, SIA ALLĺARCHITETTURA CHE ALLĺINDUSTRIAL DESIGN.


D: COSA VUOL DIRE CHE ╚ INTERESSATO AL PROGETTO?


R: ╚ APPASSIONATO, GLI PIACE RICERCARE. LA RICERCA IN QUESTO SENSO SI PUĎ APPLICARE A UNA SEDIA COME A UN GRANDE EDIFICIO. QUESTO PERCORSO DI SPERIMENTAZIONE, ╚ COMUNE ALLE DUE ATTIVIT└ O PERLOMENO, COME VIENE SVOLTO ALL'INTERNO DI QUESTO STUDIO DA MIO PADRE, MA IN GENERALE DA TUTTE LE PERSONE CHE LAVORANO QUA DENTRO, QUESTO APPROCCIO CREATIVO DI RICERCA ╚ MOLTO SIMILE.


D: QUINDI IL PROGETTO ╚ INTERESSANTE IN QUANTO RICERCA?


R: RICERCA, S╠, DAL PUNTO DI VISTA CREATIVO. IL PROGETTO NEL NOSTRO CAMPO ╚ PARTIRE DALLA CARTA BIANCA E DOVERE SODDISFARE A UNA RICHIESTA DI UN COMMITTENTE. QUINDI ELABORARE, INVENTARE, RICERCARE, QUESTO ╚ L'ASPETTO PECULIARE DEL NOSTRO LAVORO, DOVE C'╚ MOLTA CREATIVIT└; OVVIAMENTE POI QUESTA CREATIVIT└ SI SCONTRA CON PROBLEMATICHE DIVERSE. SE VOGLIAMO FARE UNA DIFFERENZA TRA ARCHITETTURA E DESIGN, SONO DI ORDINE DIVERSO, IN SCALA DIVERSA, MA SOSTANZIALMENTE C'╚ UNA RADICE COMUNE, CHE ╚ QUESTA RICERCA.


D: CHE COSA LA APPASSIONA DEL PROGETTO DESIGN?


R: IO, IN QUESTO PERIODO, MI OCCUPO IN MODO PARTICOLARE DI DESIGN, MA QUESTO NON VUOL DIRE CHE IO ABBIA UNA PREDILEZIONE ESCLUSIVA PER IL DESIGN. ╚ ANCHE UNA SITUAZIONE CONTINGENTE CE MI PORTA AD ESSERE QUA PIUTTOSTO CHE SOPRA, MA MI OCCUPO ANCHE DI ARCHITETTURA. E DI NUOVO QUELLO CHE MI AFFASCINA DEL MIO LAVORO ╚ LA CREATIVIT└ CHE ╚ IN GIOCO, IN BALLO, QUESTO DOVERE CREARE DAL NULLA, POSSIAMO DIRE, QUALCHE COSA, RISPONDENDO A DETERMINATE ESIGENZE. QUESTO IN RELAZIONE ANCHE AD ASPETTI DI DIVERSO TIPO.


D: QUAL ╚ IL PROCESSO CREATIVO CHE SEGUE SUO PADRE NEL PROGETTARE?


R: IL PROCESSO CREATIVO CHE SEGUE MIO PADRE FORSE NON ╚ UN PROCESSO, NEL SENSO CHE NON SIAMO MAI RIUSCITI A STABILIRE UNA METODOLOGIA STANDARD. IL PERCORSO CREATIVO NON SI PUĎ RAPPRESENTARE CON UNA RETTA O UN DIAGRAMMA. IL PROCESSO CREATIVO ╚ QUALCOSA DI MOLTO PI┘ COMPLESSO, UN PERCORSO TORTUOSO, UN PASSO AVANTI E UNO INDIETRO, BISOGNA A VOLTE RITORNARE INDIETRO, BISOGNA A VOLTE - QUESTO ╚ FORSE ANCHE UN QUALCOSA CHE HA TRASFERITO MIO PADRE A ME - NON INNAMORARSI TROPPO DELLE PROPRIE IDEE, DELLE PROPRIE CONVINZIONI. SI ╚ ARRIVATI IN UN PUNTO DEL PROGETTO IN CUI BISOGNA ESSERE CAPACI DI ABBANDONARE TUTTO, RICOMINCIARE DA CAPO O COMUNQUE FARE UN REPENTINO CAMBIAMENTO DI DIREZIONE E, ATTRAVERSO QUESTI PASSI, SI ARRIVA POI IN FONDO. UN MOMENTO MAGICO IN CUI SI SENTE CHE SI ╚ ARRIVATI AL RISULTATO.
OGNI PROGETTO FORSE HA UN PO' UNA SUA STORIA. SE NOI RIPERCORRESSIMO ATTRAVERSO DIVERSI OGGETTI PRODOTTI COME SIAMO ARRIVATI A QUEL PUNTO, INDIVIDUEREMMO SENZ'ALTRO DELLE COSE MOLTO DIVERSE E MOLTO PARTICOLARI. OVVIAMENTE POI CI SONO DEGLI STRUMENTI CHE SI USANO QUANDO SI LAVORA, CHE POI SONO SEMPRE QUELLI, MA CON UNA CERTA CASUALIT└. SI LAVORA SULLA CARTA, SI LAVORA CON I MODELLI,... CI SONO DEI NUOVI STRUMENTI, CHE SONO QUELLI FORNITI DALLA TECNOLOGIA. LA POSSIBILIT└ DI UTILIZZARE IL COMPUTER PER FARE MODELLAZIONE TRIDIMENSIONALE, ╚ UN NUOVO MEZZO CHE STIAMO USANDO DA TEMPO CHE COSTITUISCE UNA VERIFICA DI QUELLO CHE FACCIAMO, QUINDI NELLA PARTE PI┘ ESECUTIVA. MA DATA LA LORO POTENZIALIT└, QUELLI INFORMATICI DIVENTANO DEGLI STRUMENTI INTERESSANTI CHE INTERAGISCONO ANCHE IN QUELLA PRIMA FASE CREATIVA DEL PROGETTO. L'IDEA DI SCHIZZARE QUALCOSA SULLA CARTA E POI SUBITO PROVARLA TRIDIMENSIONALMENTE CON UNA CERTA FACILIT└ ╚ QUALCHE COSA CHE D└ UN GRADO DI LIBERT└ IN PI┘ E CHE NOI STIAMO PROVANDO ANCHE AD UTILIZZARE.


D: PERĎ SUO PADRE NON USA IL COMPUTER, ALMENO NON LO USA DIRETTAMENTE. LUI CHE APPROCCIO HA?


R: ╚ DIFFICILE UTILIZZARE IN PRIMA PERSONA QUESTI STRUMENTI PERCH╔ RICHIEDONO UNA CERTA PREPARAZIONE. CI SONO PERSONE IN GRADO DI UTILIZZARLI E IL MODO DI PROCEDERE ╚ DI ACCOSTARSI A UNA PERSONA, ALL'OPERATORE CHE UTILIZZA QUESTA MACCHINA, E LAVORARE IN TRE: COMPUTER, PERSONA CHE CI LAVORA SOPRA E IN QUESTO CASO MIO PADRE, IO O CHI STIAMO SEGUENDO IL PROGETTO. SENZA PER QUESTO VOLER POI DIRE CHE LA PERSONA CHE CI LAVORA SOPRA ╚ UN MERO OPERATORE, PERCH╔ COME L'ARTIGIANO CHE SCOLPISCE IL MARMO, LO SCULTORE, PIUTTOSTO CHE L'ARTIGIANO CHE COSTRUISCE QUALCOSA, IL SUO MODO DI OPERARE, LA SUA SENSIBILIT└ SONO MOLTO IMPORTANTI IN QUESTA FASE PER USARE BENE UNA MACCHINA, ALTRIMENTI NON POSSIAMO CHIEDERE ALLA MACCHINA DI DARE UN APPORTO IN FASE CREATIVA, QUESTO TIPO DI RICERCA, DI INTERAZIONE DIVIENE STERILE. MIO PADRE SPESSO E VOLENTIERI PASSA MAGARI ANCHE UNA MEZZ'ORA DI TEMPO SEGUENDO SULLO SCHERMO, SUGGERENDO, INDICANDO LE DIREZIONI. LAVORA IN QUESTO MODO, PUR NON UTILIZZANDO IN PRIMA PERSONA QUESTI APPARECCHI, QUESTI STRUMENTI.


D: QUINDI PER LUI, COMUNQUE, LO STRUMENTO PI┘ CONGENIALE, PI┘ IMMEDIATO, QUAL ╚?


R: LA CARTA CREDO... LA CARTA BIANCA, SULLA QUALE SI INIZIA A SCHIZZARE, A DISEGNARE, A BUTTARE GI┘ LE PRIME IDEE, I CONCETTI. QUESTA RIMANE UNO STRUMENTO INSOSTITUIBILE AD OGGI E CREDO ANCORA PER MIO PADRE, MA ANCHE POI PER NOI. IL MODELLO POI, IN SCALA, IN POLISTIROLO PIUTTOSTO CHE IN LEGNO, IL CLASSICO MODELLO, CREDO SIA UN ALTRO STRUMENTO DI VERIFICA E DI LAVORO INSOSTITUIBILE. PERCH╔ VEDERE LE COSE, SENTIRLE, AVERLE DI FRONTE, ╚ COMUNQUE AD OGGI UNA SENSAZIONE DIVERSA, MOLTO PI┘ COMPLETA DI QUELLO CHE NOI POSSIAMO VEDERE SU UNO SCHERMO, CHE PUR ESSENDO AFFASCINANTE, A VOLTE ╚ ANCHE TRADITORE. QUINDI ANCHE NEL CAMPO DEL DESIGN, PUR UTILIZZANDO QUESTI STRUMENTI (IO SPINGO MOLTO IN QUESTA DIREZIONE, PERCH╔ MI PIACEREBBE USARLI SEMPRE DI PI┘), QUESTI NON SOSTITUISCONO LA PARTE PI┘ PRATICA. LĺUTILIZZARE MATERIALI COME I MODELLI REALI IN SCALA 1:1. QUESTA ╚ UNA VERIFICA CHE RIMANE IMPORTANTISSIMA E DELLA QUALE NON CI SENTIAMO DI FARE A MENO A OGGI. COSA SUCCEDER└ POI NEL FUTURO NON LO SO, PERCH╔ QUESTE MACCHINE STANNO DIVENTANDO SEMPRE PI┘ POTENTI, RAPIDE, VELOCI, IMMEDIATE, CON STRUMENTI DI VISUALIZZAZIONE SEMPRE PI┘ PERFETTI E QUINDI QUESTO ╚ UN PUNTO DI DOMANDA. SENZ'ALTRO, TENENDOSI AGGIORNATI, SEGUENDO LĺEVOLUZIONE DI QUESTI STRUMENTI, PUĎ ESSERE CHE IN UN FUTURO NON MOLTO LONTANO RIUSCIRANNO A SOSTITUIRE PARTE DEL VECCHIO MODO DI PROCEDERE, DI LAVORARE.


D: COM'╚ LAVORARE CON SUO PADRE?


R: LAVORARE CON MIO PADRE ╚ UN'ESPERIENZA COMUNQUE INTERESSANTE, MOLTO STIMOLANTE. LUI CREDO CHE RIESCA A TRASFERIRE UNA CARICA DI OTTIMISMO. ╚ UN OTTIMISTA FONDAMENTALMENTE, E QUESTO SI TRADUCE IN UN APPROCCIO ALLA PROGETTAZIONE DI CUI PARLAVAMO PRIMA, CHE FA S╠ CHE OGNI APPARENTE DIFFICOLT└, SI TRASFORMI INVECE IN SPUNTI PER MIGLIORARE, PER FARE QUALCOSA DI PI┘, PER TRASFORAMARE LA DIFFICOLT└ IN ELEMENTO POSITIVO ALLO SVILUPPO DEL PROGRESSO. QUESTO CREDO CHE SIA UNA BUONA DOTE E QUINDI RENDE FACILE E STIMOLANTE IL LAVORO IN COMUNE.


D: OLTRE A QUESTO, QUAL ╚ LA COSA CHE PI┘ APPREZZA DI SUO PADRE O CHE HA PI┘ AMMIRATO O AMMIRA?


R: IO QUELLO CHE APPREZZO ╚ APPUNTO QUESTO INSEGNAMENTO, NEL PROCESSO CREATIVO, PROGETTUALE. MAGARI DETTO COS╠ SEMBRA UNA COSA ABBASTANZA SCONTATA, MA INVECE ╚ FONDAMENTALE. IL PIACERE DI LAVORARE ANCORA CON LUI ╚ PROPRIO QUESTO, CHE RIESCE A TRASMETTERE QUESTO PARTICOLARE MODO DI AFFRONTARE LA PROGETTAZIONE. QUINDI, INSERIRSI IN UN VERO PROCESSO CREATIVO CON QUESTA CARICA, CON QUESTO ENTUSIASMO, CON QUESTO OTTIMISMO.


D: VIZI E VIRT┘. QUALI SONO LE ABITUDINI PI┘ O MENO DIVERTENTI DI SUO PADRE?


R: UNA CARATTERISTICA DI MIO PADRE ╚ QUELLA DI ESSERE MOLTO PIGNOLO E QUESTO IN STUDIO O COMUNQUE CON LA GENTE GENERA OGNI TANTO UN PO' DI PROBLEMI, IN SENSO DIVERTENTE; ╚ CAPACE DI STRAVOLGERE O RIVEDERE COMPLETAMENTE UN PROGETTO ALL'ULTIMO MOMENTO, MAGARI A DUE GIORNI O A UN GIORNO DALLA CONSEGNA.


D: ANCORA SULLA TECNOLOGIA...


R: QUI ABBIAMO UNA SEDIA IN MATERIALE PLASTICO, COMUNEMENTE DETTO, CHE ╚ STAMPATA CON UN PROCEDIMENTO TOTALMENTE NUOVO. ╚ STAMPATA IN UN SOLO PEZZO PERĎ NON ╚ CAVA; QUESTI PEZZI FANNO PENSARE A UNA SEDIA IN LEGNO, IN REALT└ ╚ VUOTA ALL'INTERNO. SE IO LA TAGLIO QUESTA SEDIA ╚ TUTTA VUOTA, COSA CHE FINO A POCO TEMPO FA NON ERA NEMMENO IMMAGINABILE UTILIZZANDO LA TECNOLOGIA DELLA PLASTICA. INVECE ╚ STAMPATA CON INIEZIONE A GAS, IN POLIPROPILENE O POLIETILENE, ôCARICATOö CON TALCO E FIBRE. QUESTO D└ UNA SEDIA MOLTO RESISTENTE E MOLTO LEGGERA. QUINDI, DA UN CERTO PUNTO DI VISTA, LA TECNOLOGIA ╚ UNA TECNOLOGIA COMPLETAMENTE NUOVA, MA LA TECNOLOGIA NUOVA COMPORTA NECESSARIAMENTE CHE LA SEDIA SIA DIVERSA, SIA NUOVA, SIA QUALCOSA CHE NON SI ╚ MAI VISTO? IO DIREI DI NO, PERCH╔ L'UOMO CHE UTILIZZA LA SEDIA NEL SUO AMBIENTE DOVE ABITA, ╚ L'UOMO DI SEMPRE E QUINDI ECCO CHE UNA SEDIA DEVE DA UNA PARTE RISPONDERE A UNA DOMANDA DI NATURA CULTURALE, ANTROPOLOGICA E DALL'ALTRA IMPIEGARE LA TECNOLOGIA CHE IN QUEL MOMENTO, IN QUEL PERIODO CONSENTE DI PRODURLA NEL MODO MIGLIORE E AI COSTI PI┘ BASSI.
PER PRODURRE QUESTA SEDIA, PER RAPPRESENTARE QUESTA SEDIA, ABBIAMO FATTO A MANO UN MODELLO IN POLISTIROLO E GESSO, COME SI FACEVA ANCHE NEL RINASCIMENTO PER UNA STATUA. QUANDO CI ╚ SEMBRATA SODDISFACENTE DA UN PUNTO DI VISTA SIA ESTETICO CHE FUNZIONALE, SIAMO POI PASSATI A RAPPRESENTARE QUESTA SEDIA IN UN COMPUTER. NEL CASO DI QUESTA PRIMA SEDIA ABBIAMO DATO AGLI STAMPISTI IL MODELLO, IL MODELLO AL VERO COME ERA STATO FATTO DA NOI A MANO, ╚ STATO POI SCANSIONATO E QUINDI TRADOTTO PER IL COMPUTER. QUESTO CI CONSENTE DI INTERVENIRE ULTERIORMENTE. CIO╚ DI OPERARE CON QUESTI STRUMENTI, CORREGGERE, MODIFICARE E POI A QUESTO PUNTO RIMANDARE IL TUTTO ALLO STAMPISTA CHE PUĎ DIRETTAMENTE PROCEDERE ALLA COSTRUZIONE DELLO STAMPO.
STIAMO PARLANDO DI QUALCHE COSA CHE POCHI ANNI FA NON SI FACEVA.
IN QUESTO COMPUTER ╚ STATA MESSA DENTRO LA SEDIA IN TRE DIMENSIONI, PER CUI ╚ POSSIBILE AVVICINARLA, ALLONTANARLA, RUOTARLA, CHIEDERE DELLE SEZIONI... IN SOSTANZA IL COMPUTER POSSIEDE ADESSO TUTTO UN INSIEME DI INFORMAZIONI CHE RAPPRESENTANO VIRTUALMENTE L'OGGETTO.


D: ECCO, MI POTREBBE SPIEGARE CHE DIFFICOLT└ HA INCONTRATO IN QUESTO PROCESSO?


R: DIFFICOLT└ PARTICOLARI NON NE ABBIAMO INCONTRATE SE NON QUELLE DOVUTE MAGARI AL FATTO CHE SONO LE PRIME VOLTE CHE UTILIZZIAMO QUESTI STRUMENTI. IL MEZZO INFORMATICO AIUTA A DOMINARE IL PROCESSO DI TRASFERIMENTO DELLA SEDIA O MODELLO, DELLA SEDIA-IDEA, NELLA SEDIA PRODOTTA. VOGLIO SEMMAI SOTTOLINEARE LE DIFFICOLT└ DEL PRIMO MOMENTO, QUANDO SI PENSA ALLA SEDIA, PERCH╔ L╠ VERAMENTE SEI SOLO DAVANTI ALLE TUE RESPONSABILIT└. IL COMPUTER NON FA QUELLO CHE TU NON SAI FARE, QUINDI UN MOMENTO DIFFICILE ╚ STATO QUELLO DI MODELLARE, DI FARE IL PRIMO MODELLO, COME LO FACEVANO ANCORA GLI SCULTORI. POI ABBIAMO USATO IL COMPUTER PER CONTROLLARE E AFFINARE TUTTI I DIFETTI, TUTTI GLI INCONVENIENTI ANCHE DI NATURA FORMALE.
IL COMPUTER POI HA UNA CAPACIT└ SUA DI VERIFICARE LA GIUSTEZZA DELLA CONTINUIT└ DELLE SUPERFICI, LA SIMMETRIA DELLE PARTI, A CONGRUIT└ DELLE TANGENZE E DEI RACCORDI, PER CUI DIVENTA UNO STRUMENTO CHE TI FACILITA L'AFFINAMENTO, CHE NON ╚ PI┘ LASCIATO ALL'IPERSENSIBILIT└ DELL'INDIVIDUO E DELLA MANO, MA CHE VIENE ANCHE FATTO ATTRAVERSO IL CONTROLLO PROPRIO MATEMATICO, PARAMETRICO DELLA MACCHINA.
LE DIFFICOLT└ SONO COMINCIATE DOPO. COSA ╚ SUCCESSO? C'╚ UNA SPECIE DI VALLE, SI CHIAMA UN RICALO E QUESTA ╚ UNA DIFFICOLT└ DI STAMPO. ALLORA BISOGNA VARIARE IL TEMPO DI INIEZIONE, LA TEMPERATURA, LA FLUIDIT└ DEL MATERIALE ECC. QUINDI SI SONO FATTI INFINITI TENTATIVI, PROVE E RIPROVE, VARIANDO TUTTI I PARAMETRI DELLO STAMPAGGIO, PER ARRIVARE A OTTENERE UN OGGETTO SODDISFACENTE E C'╚ VOLUTO PI┘ TEMPO DI QUANTO NON PENSASSIMO. ABBIAMO DOVUTO MODIFICARE LA GRANA DELLA FINITURA SUPERFICIALE PER CORREGGERE CERTI DIFETTI ECC., ECC. ADESSO LA SEDIA ╚ A POSTO E ANDR└ IN GRANDE PRODUZIONE, VERR└ VENDUTA IN TUTTO IL MONDO, A CONTAINER, CON DUE O TRE STAMPI IN POSTI STRATEGICI DEL MERCATO MONDIALE. UNA COSA INTERESSANTE CHE VOLEVO AGGIUNGERE ╚ CHE ALLA SECONDA RICHIESTA DI UN'ALTRA SEDIA, CHE FU FATTA PER LO STESSO CLIENTE, DI UNA SEDIA PI┘ SEMPLICE, DI QUELLE CHE SI IMPILANO IN QUANTIT└ COME QUELLE CHE SI USANO FUORI DAI BAR, IN GIRO PER LE CITT└, E QUINDI UNA SEDIA CHE NON AVESSE QUESTI SPESSORI CHE RICORDANO UNA SEDIA PI┘ RIFINITA, UNA SEDIA PI┘ DA CASA. ABBIAMO APPLICATO LA STESSA TECNOLOGIA FINO A UNA PRIMA PARTE E POI ABBIAMO USATO UNA TECNICA MOLTO PI┘ RAFFINATA.
SI VEDE ESATTAMENTE QUESTO MODELLO CHE VEDEVAMO PRIMA E QUELLO CHE CORRISPONDE A QUESTA SECONDA SEDIA. ABBIAMO REALIZZATO ANCORA A MANO LA PRIMA IDEA, L'ABBIAMO NOI STESSI MESSA NEL COMPUTER, SENZA L'AUSILIO DEL COSTRUTTORE DELLO STAMPO CHE AVEVA DATO UNA SCANSIONE INVECE MECCANICA DEL NOSTRO MODELLO, ABBIAMO NOI STESSI RILEVATO LE MISURE E MESSE NEL COMPUTER. ABBIAMO POI DIRETTAMENTE INVIATO PER E-MAIL IL SET DI INFORMAZIONI DIGITALI DAL COMPUTER NOSTRO AL COMPUTER DI UN SERVER, DI UN MODELLISTA DI TIPO MOLTO AVANZATO ALL'ESTERNO, E AVENDO RICEVUTO QUESTO PACCO DI INFORMAZIONI DIGITALI, HA FATTO COSTRUIRE (CON UNA MACCHINA CHE SI CHIAMA "STEREOLITOGRAFICA"), UN MODELLO 1:1 FATTO IN MATERIALE PLASTICO, DIRETTAMENTE DALLE INFORMAZIONI DEL COMPUTER, SENZA NESSUN PASSAGGIO MANUALE. SI TRATTA DI UNA MACCHINA CHE PUNTO PER PUNTO PRODUCE NELLO SPAZIO UNA PICCOLA FRAZIONE, UNA PICCOLA SCHEGGIA DI MATERIALE, AGGIUNGENDO UNA SCHEGGIA ALL'ALTRA COSTRUISCE TUTTO UN MODELLO. QUESTO MODELLO ╚ UN PEZZO SOLO, TUTTO DI PLASTICA, COSTRUITO CON QUELLA MACCHINA. SI VEDE QUA UN PO' QUESTA SPECIE DI CURVE DI LIVELLO, CHE SONO LE TRACCE DI COME L'ATTREZZO HA COSTRUITO NELLO SPAZIO QUESTA SEDIA. ECCO, QUINDI, QUESTA SEDIA ╚ STATA PRODOTTA VIA COMPUTER, SENZA NESSUN INTERVENTO MANUALE. DA QUI NOI CONTROLLIAMO LE NOSTRE INTENZIONI CHE ABBIAMO MESSO SUL COMPUTER, CON QUANTO INTENDEVAMO FARE QUANDO ABBIAMO FATTO IL MODELLO A MANO; FACCIAMO LE EVENTUALI VARIANTI NECESSARIE NEL NOSTRO STESSO COMPUTER, SE VOGLIAMO LE RICONTROLLIAMO CON UN ALTRO MODELLO COME QUESTO, POI QUESTO SET DI INFORMAZIONI DIGITALI VA DIRETTAMENTE ALL'OFFICINA DEL COSTRUTTORE DEGLI STAMPI CHE SENZA INTERVENTO MANUALE, CON DELLE MACCHINE A CONTROLLO NUMERICO AUTOMATICHE, TRASFERISCE NELLO STAMPO.
LO STAMPO POI VIENE MESO SOTTO LA PRESSA. CON L'INIEZIONE DI MATERIE PLASTICHE, DAR└ LUOGO ALLA PRODUZIONE DELLE SEDIE. ECCO, QUESTO ╚ UN PROCEDIMENTO PIUTTOSTO SOFISTICATO. NIENTE DI MIRACOLOSO, ╚ SOLO INTERESSANTE SAPERLO. NATURALMENTE NESSUNA MACCHINA SOSTITUISCE LĺUOMO PER QUANTO RIGUARDA IL PENSARE, L'ESSERE RESPONSABILI DI QUELLO CHE SI DECIDE. NOI SIAMO STATI PI┘ CREATIVI E PI┘ RESPONSABILI QUANDO ABBIAMO COSTRUITO CON LE MANI, CON LA LIMA, CON IL GESSO, COL COLTELLO, QUESTA SEDIA. QUINDI, VA SEMPRE A FINIRE CHE AD UN CERTO MOMENTO TU SEI SOLO DAVANTI ALLE TUE RESPONSABILIT└, NON C'╚ NESSUNA MACCHINA CHE TI DICE "STAI TRANQUILLO, RIPOSA, FUMATI UNA SIGARETTA CHE LA SEDIA LA FACCIO IO". UNA MACCHINA RIMANE UNO STRUMENTO. STRUMENTI DI QUESTA POTENZA E DI QUESTA SOFISTICAZIONE, CONSENTONO DI LAVORARE PERĎ IN UN MODO DIVERSO.

 

[HOME ][PUNTATE ][OGGETTI ][PROTAGONISTI ][INFORMAZIONI ][RICERCA]