Home Puntate Oggetti Torna ai Protagonisti Informazioni sui links Ricerca
PUNTATE
OGGETTI
PROTAGONISTI
INFORMAZIONI
RICERCA

SERGIO GANDINI

 

BIOGRAFIA

CONSIGLIERE IN FLOS, CON DINO GAVINA COME PRESIDENTE, MARA SIMINCINI, CESARE CASSINA, ARTURE EISENKELL, SERGIO BILIOTTI, COME CONSIGLIERI, DIVIENE SUCCESSIVAMENTE AMMINISTRATORE DELEGATO DELLĺAZIENDA

INTERVISTA


D: COSA HA SIGNIFICATO PER LEI IL RAPPORTO CON CASTIGLIONI?


R: IL RAPPORTO CON I CASTIGLIONI (PERCH╔ ERANO DUE FRATELLI, ACHILLE E PIER GIACOMO) ╚ COMINCIATO NEL 1964 QUANDO LA FLOS, CHE NON HO FONDATO IO, ╚ VENUTA A BRESCIA E IO ME NE SONO OCCUPATO.
DIREI CHE LA COSA FONDAMENTALE ╚ CHE QUESTO INCONTRO HA COMPLETAMENTE CAMBIATO LA MIA VITA. DIRE CHE UN INCONTRO CAMBIA UNA VITA NON ╚ UNA COSA NORMALE, MA IN EFFETTI IO, CHE AVEVO FATTO STUDI AMMINISTRATIVI, MI SONO TROVATO NELLA CONDIZIONE DI INTERLOQUIRE CON DELLE PERSONE CHE ESPRIMEVANO IL MASSIMO DELLA CULTURA PER IL DESIGN MILANESE E, QUINDI, RAZIONALE IN QUELL'EPOCA.
QUESTO HA PROVOCATO UNA VALUTAZIONE RECIPROCA DEL RAPPORTO CHE, PER LORO, VOLEVA DIRE AVERE QUALCUNO CHE PRODUCESSE LE COSE CHE LORO VOLEVANO FARE E, PER ME, ERA CAPIRE SE CONVENIVA E IN CHE MODO PRODURRE LE COSE E VENDERE LE COSE CHE LORO VOLEVANO. QUINDI ALL'EPOCA IL RUOLO DELL'AZIENDA RISPETTO AI DESIGNER ERA AL MASSIMO UN 5%, PERCH╔ IL 95% ERA DEI DESIGNER; SOSTANZIALMENTE LA DECISIONE SUL PRODOTTO VENIVA PRESA DA LORO.
DA QUESTA CONOSCENZA E LAVORO CONTINUO QUELLO CHE HO IMMEDIATAMENTE CAPITO E APPREZZATO ╚ CHE LE PERSONE PI┘ SONO DI GRANDE VALORE E PI┘ SONO SEMPLICI. QUINDI, MI SONO TROVATO IN UN RAPPORTO UMANO SPLENDIDO, PERCH╔ TUTTE LE COSE VENIVANO RIPORTATE AD UNA - DICIAMO COS╠ - SEMPLICIT└, AD UN MODO DI VALUTARLE LEGGERO. NESSUNO PENSAVA DI FARE DELLE GRANDISSIME COSE. BISOGNAVA FARE QUELLO CHE IL MERCATO CHIEDEVA, QUELLO CHE LORO VOLEVANO FARE, QUELLO DI CUI IL SETTORE AVEVA BISOGNO SENZA PER QUESTO MAI PERDERE IL SENSO DELL'UMORISMO CHE RECIPROCAMENTE, FORTUNATAMENTE, AVEVAMO E ANCHE IL FATTO CHE IO ERO COME QUALCUNO CHE GENERALMENTE QUALCOSA IMPARAVA DA LORO.
PASSANDO GLI ANNI, ╚ AVVENUTA UNA COSA UN PO' STRANA CHE SI ╚ EVOLUTA. AD UN CERTO PUNTO CI SIAMO ACCORTI CHE NON ERO SOLO IO CHE PRENDEVO: COMINCIAVO A DARE. NEL SENSO CHE LA REALIZZAZIONE DI UN PRODOTTO NON DIPENDEVA PI┘ AL 95% DAL PROGETTISTA. DOVEVANO ESSERE CONSIDERATE ALTRE COSE, ALTRE COMPONENTI CHE L'AZIENDA DOVEVA COMUNICARE PERCH╔, ENTRANDO NEL MERCATO E DOVENDO DIVENTARE COMPETITIVA ED ESISTERE IN UN MERCATO, BISOGNAVA TENER CONTO DI FATTORI CHE NON CONSISTEVANO PI┘ UNA LIBERT└ ASSOLUTA, MA UNA LIBERT└ CHE ANDAVA DISCUSSA CON LORO.
POSSO DIRE CHE LA PI┘ GRANDE SODDISFAZIONE CHE HO AVUTO RISPETTO A QUESTO FATTO ╚ STATA QUANDO IN UN MEETING A COURTRAI, IN BELGIO, DOVE CASTIGLIONI ED IO SIAMO STATI INVITATI A DARE RISPOSTE A STUDENTI, IMPRENDITORI E ARCHITETTI SU QUALE FOSSE IL VERO RUOLO CHE SI GIOCAVA IN ITALIA TRA IL DESIGNER E IL PRODUTTORE, CASTIGLIONI DISSE CHE, MENTRE NEL 1964 ERA NELLE PERCENTUALI CHE HO DETTO PRIMA, ORMAI ERA ARRIVATO AL 50%.
PERCH╔ BISOGNA RENDERSI CONTO CHE ANCHE L'INDUSTRIA PUĎ ESPRIMERE UNA CULTURA. ╚ UNA CULTURA CHE NON FA IL DESIGN, MA ╚ UNA CULTURA DI COMPORTAMENTO E DI RESPONSABILIT└ VERSO IL CONSUMATORE FINALE, PERCH╔ C'╚ CHI DECIDE DI FARE DELLE COSE NELLE QUALI SI SENTE COINVOLTO E SENTE UNA RESPONSABILIT└ O DI FARE QUALUNQUE DISEGNO CHE VENGA PORTATO PURCH╔ SI VENDA, E BUONANOTTE.
QUESTO ╚ STATO IL MOMENTO DOVE ╚ AVVENUTO - DICIAMO COS╠ - QUESTA COMPRENSIONE FINALE NEL NOSTRO RAPPORTO.
ERA NEL FRATTEMPO MANCATO PIER GIACOMO E, QUINDI, IL MONDO CULTURALE MILANESE PENSAVA CHE QUESTA MANCANZA CREASSE UNA MANCANZA CREATIVA DA PARTE DI ACHILLE. COSA CHE NON ╚ AVVENUTA, PERCH╔ IN EFFETTI NON C'╚ NESSUNA DIFFERENZA QUALITATIVA TRA QUELLI CHE SONO I PRODOTTI FATTI ALL'INIZIO E QUELLI FATTI ANCHE RECENTEMENTE DA ACHILLE CASTIGLIONI.
E L'HO RISCONTRATO IN QUELLA PICCOLA FESTA CHE ╚ STATA FATTA PER L'OTTANTESIMO ANNO DI ET└ DI ACHILLE CASTIGLIONI... CI SIAMO RINCONTRATI DOPO QUALCHE MESE (PERCH╔ CI VEDIAMO ABBASTANZA SPESSO, NONOSTANTE QUALCHE PROBLEMA DI SALUTE CHE IO HO DA TEMPO), CI SIAMO ABBRACCIATI ED ERAVAMO COMMOSSI DI ESSERE ANCORA PERSONE CHE SI DIVERTIVANO COME PRIMA. QUESTO ╚ STATO PER ME UN MOMENTO DI SUBLIMAZIONE DEL NOSTRO RAPPORTO E GLIEL'HO DETTO.
(ů)
GENERALMENTE L'ARCHITETTO PARTE DA UNA CONCEZIONE PRECISA DI QUELLO CHE HA IN MENTE E DI CHE COSA VUOLE OTTENERE. E QUELLO LUI LO DESIDERA OTTENERE.
I MEZZI PER RAGGIUNGERE L'OBIETTIVO SONO DIVERSI, SECONDO ME; POSSONO CAMBIARE A SECONDA DELL'INTERLOCUTORE CHE HA DI FRONTE.
╚ NOTO CHE MOLTI ARCHITETTI, CHE DISEGNANO PER MOLTE DITTE, CON ALCUNE FANNO PRODOTTI MIGLIORI CHE NON CON ALTRE. VUOL DIRE CHE IL DIALOGO ╚ MAGGIORE O MINORE; L'APPORTO CULTURALE ╚ MAGGIORE O MINORE.
IO, PERĎ, VORREI FARE UN ESEMPIO DUPLICE, PROPRIO PARLANDO DI COME NASCONO I PRODOTTI, DI CUI POTREI SCRIVERE UN LIBRO SULLE DIFFERENZE TRA UN'AZIENDA E UN'ALTRA. PER ESEMPIO, UNA STRANISSIMA STORIA, UNA PARTICOLARE STORIA HA LA ôPARENTESIö, QUELLA LAMPADA CHE LEI CONOSCE. ALL'EPOCA, QUINDI PARECCHI ANNI FA, VENNE DA ME IL FIGLIO DELLO SCULTORE PIO MANZ┘, IL QUALE LAVORAVA AL CENTRO DESIGN DELLA FIAT E AVEVA IN MENTE DI PROPORCI QUALCHE COSA DI MODELLO. SFORTUNATAMENTE, 15 GIORNI DOPO MOR╠ SULL'AUTOSTRADA MILANO-TORINO SU UNA CINQUECENTO.
IL PADRE NON RICONOBBE MAI BENEVOLMENTE QUESTO MATRIMONIO, DA CUI AVEVA AVUTO DUE FIGLI. PASSATO UN CERTO PERIODO, UNA NOSTRA AMICA A TORINO, CHE ERA QUELLA CHE CE LO AVEVA PRESENTATO, CI DISSE CHE AVEVA FATTO QUALCHE SCHIZZO, QUALCHE COSA, ECCETERA, E MI CHIESE SE POTEVAMO TIRAR FUORI UN DISEGNO, CHE SERVIVA MOLTO PER AIUTARE ANCHE LA FAMIGLIA. ALLORA, IO ANDAI DA ACHILLE CASTIGLIONI E GLI PORTAI QUESTI DUE FOGLI. LI GUARDAMMO ASSIEME E LUI DISSE "L'UNICA COSA CHE VEDO DI PROBABILE..." ERA UN TUBO TIPO I TUBI DALMINE INNOCENTI, CON SOPRA UNA LAMPADA CHE ANDAVA SU E GI┘. NON C'ERA SPECIFICATO COME. ERA UNA LAMPADA DI QUESTA DIMENSIONE, NON CON LAMPADINE NORMALI, MA FLUORESCENTI, E QUESTA DOVEVA ESSERE, SECONDO LUI, L'IDEA CHE DOVEVA PORTARE A QUALCHE COSA.
ALLORA GLI HO CHIESTO SE ERA DISPOSTO A PARTIRE DA L╠ E FARE LUI LA LAMPADA, CHE CI CONSENTISSE DI PAGARE UNA PARTE DELLA ROYALTY ALLA FAMIGLIA. E LO FACEMMO. E MI RICORDO CHE ERA COS╠ VELOCE IL DESIDERIO DI FARE QUESTA COSA CHE, DIREI, UNA VOLTA ALLA SETTIMANA ANDAVO L└ PER VEDERE COME PROCEDEVA, FACEVA, ECCETERA.
ERANO GLI ANNI, CREDO, DEL '68/'70. E L└ FACEMMO IL TUBO, LE COSE, ECCETERA. E OGNI VOLTA LA LAMPADA COMINCIAVA AD AVERE UNA IDEA PRECISA. IO UN GIORNO GLI DISSI: "SENTA, ARCHITETTO, IO NON POSSO COMMERCIALIZZARE I PONTEGGI DALMINE-INNOCENTI. NON MI INTERESSA, COSA VUOLE CHE MANDI VIA UN TUBO DI TRE METRI CON IL REGOLATORE? IO LO MANDO IN GIAPPONE?" - DICO - "POI IN QUESTO MOMENTO QUI C'╚ ATTORNO A NOI UN'IDEA DI CAMBIAMENTO, DI COSE, ECCETERA. ARCHITETTO, VEDA LEI DI STUDIARE UNA COSA MOLTO PI┘ SEMPLICE E, SOPRATTUTTO, SPEDIBILE".
LA SETTIMANA DOPO TROVAI UN FILO CON ATTACCATO PER MEZZO DI DUE GANCI UNA TAVOLETTA DI LEGNO CON SU LA LAMPADA E UN CONTRAPPESO SOTTO. ERA L'IDEA INNOVATIVA. E L╠ PROSEGUIMMO. OGNI VOLTA CHE ANDAVA AVANTI CON LE COSE IO FACEVO QUALCHE OSSERVAZIONE SUL FATTO CHE DOVEVA RISPONDERE ANCHE A REQUISITI PRODUTTIVI, ECCETERA. FINCH╔, ANDANDO SEMPRE AVANTI, GLI HO ANCHE DETTO CHE NON FOSSE UNA LAMPADA ESTREMAMENTE FATTA DI NULLA PERCH╔, SE NO, NON C'ERA VALORE AGGIUNTO DA DARE A UN PRODOTTO. SE ERA UN FILO E UNA LAMPADINA E BASTA, ERA UNA LAMPADA, MA NON ERA UNA LAMPADA COMMERCIABILIZZABILE IN UNA RETE FLOS. ERA UNA LAMPADA DA COMPERARE DALL'ELETTRICISTA.
INFATTI LA VOLTA DOPO TROVAI, ANZICH╔ LA TARGHETTA, QUESTO TUBO PIEGATO CHE FACEVA GLI ATTRITI E CONSENTIVA DI FERMARSI DOVE SI VOLEVA, IN GOMMA FUSA TUTTA LA COPERTURA, LA LAMPADINA NORMALE, UN BLOCCO DI PIOMBO RICOPERTO DI GOMMA ANCHE SOTTO, GLI AGGANCI IN ACCIAIO PER REGOLARE LA FORMA, UNA SEMPLICE VITE SOPRA PER AVVITARLA ECCETERA. E, A QUESTO PUNTO, PROVAMMO IL PROTOTIPO FINALE. IL PROBLEMA ERA CHE FUNZIONAVA PERFETTAMENTE, MA GIRAVA. CIO╚, QUANDO LEI LA SPOSTAVA RIUSCIVA A METTERLA NELL'ALTEZZA GIUSTA, MA NON NELLA POSIZIONE GIUSTA.
DA COSA DIPENDEVA? ABBIAMO FATTO LE RICERCHE. DIPENDEVA DAL FILO. ABBIAMO DOVUTO TROVARE UN PRODUTTORE CHE FACESSE IL FILO COMPOSTO NON SO SE DA 32 O 64 CAVI DIVERSI INTRECCIATI, PER CUI L'ATTRITO, IN QUESTO MODO, VENIVA CORRETTO DAL NUMERO DEI FILI.
(ů)
IO PENSO CHE UN IMPATTO IMPORTANTE ╚ STATO QUELLO DI RENDERSI CONTO CHE AVEVAMO UN MODO UGUALE DI VEDERE E DI LEGGERE CERTE COSE. IL PIANO ETICO, IL PIANO MORALE, IL PIANO DI CONSIDERARE LE PERSONE NELLA STESSA MANIERA PORTA AUTOMATICAMENTE A UN LEGAME MAGGIORE CHE TRA PERSONE CHE NON HANNO QUESTO... QUINDI IL FEELING, CHE SI ╚ CREATO, CHE SI ERA CREATO E CHE ESISTE, ╚ BASATO SOSTANZIALMENTE SU UN ASPETTO DI FIDUCIARIET└ IMPORTANTE TRA LE PARTI.


D: CASTIGLIONI ERA UN UOMO CHE SI DIVERTIVA AD INVENTARE LE SUE LAMPADE?


R: ╚ UNO CHE SI DIVERTE, PERCH╔ TUTTI I PRODOTTI CHE FA DI TUTTA LA COLLEZIONE CHE NOI ABBIAMO SONO SOSTANZIALMENTE I PI┘ SEMPLICI. SONO QUELLI CHE HANNO UNA CONCEZIONE DI NON ESSERE SOVRACCARICHI DI CONTENUTI, MA SOLO QUELLO CHE SERVE PER L'USO DELLA LAMPADA.
QUESTO NON ╚ OGGI IN VIGORE CON GLI ALTRI PROGETTISTI IN GENERALE. PERCH╔? PERCH╔ CREARE UN MODELLO FATTO DI NON GRANDI COMPONENTI, IN CUI SI LEGGA UN VALORE AGGIUNTO, PER CUI ╚ CONVENIENTE PAGARE UN PRODOTTO IN RELAZIONE ALLA SODDISFAZIONE CHE D└ E A QUELLO CHE RAPPRESENTA, INDIPENDENTEMENTE SE DENTRO HA 120 COMPONENTI ELETTRONICI O SE NE HA DUE, NON ╚ TRASFERIBILE AL CONSUMATORE FINALE IN MODO SEMPLICE.
LA REALT└ ╚ CHE TUTTI I PRODOTTI DI CASTIGLIONI, CHE SONO STATI FATTI, SONO QUELLI CHE NEI MOMENTI DI CRISI REGGONO DI PI┘.
LE POSSO DIRE CHE NEI PRIMI QUATTRO MESI DI QUEST'ANNO IN ITALIA LA LAMPADA PI┘ VENDUTA A LIVELLO DI VALORE ╚ STATA LA LAMPADA ôARCOö, CREATA NEL 1962. ╚ ANOMALO PERCH╔ NON ╚ PENSABILE CHE UN PRODOTTO CREATO DA COS╠ TANTO TEMPO RAPPRESENTI UN FATTURATO IMPORTANTE RISPETTO AL TOTALE DEGLI ALTRI. E QUESTO, IL DIVERTIMENTO, CHE LEI MI CHIEDEVA, CHE CASTIGLIONI HA NEL FARE LE COSE, ALLA LUNGA PORTA AD AVERE PRODOTTI CHE NON HANNO TEMPO. FACENDO QUELLO CHE PIACE A LUI E CHE SENTE, ╚ TALMENTE BRAVO CHE FA LE COSE CHE POI DURANO. NON FA LE COSE CHE DURANO SEI MESI, COME NELLA MODA DOVE OGNI SEI MESI C'╚ UNA COLLEZIONE. SE NO, NOI NON POTREMMO ESISTERE COME AZIENDA A IMMAGINARE DI AVERE UN RICAMBIO DI COLLEZIONE VELOCE. CON I SUOI PRODOTTI NOI ABBIAMO AL 90% LA CERTEZZA CHE, QUANDO ENTRIAMO NEL MERCATO, SE CORRISPONDONO MEDIAMENTE A QUELLI CHE SONO SEMPRE STATI I FATTI, ABBIAMO MENO RISCHIO.


D: LEI VUOL DARE UN GIUDIZIO, A PARTE IL DISCORSO DELL'ESISTENZA COME PRODOTTO, SULLA CREATIVIT└ DI CASTIGLIONI?


R: LUI ╚ UN RAZIONALISTA E OGGI IL RAZIONALISMO NON ╚ PI┘ DI MODA, PERCH╔ GLI ARCHITETTI CHE DISEGNANO OGGI NEI VARI SETTORI DELL'ARREDAMENTO NON SONO PORTATI AL RAZIONALISMO, CONSIDERANDO CHE IL RAZIONALISMO RAPPRESENTA UN PRODOTTO PI┘ POVERO. MA IL RAZIONALISMO ╚ L'UNICA MOTIVAZIONE, SECONDO ME, PER CUI IL DESIGN ╚ CRESCIUTO. PERCH╔? PERCH╔ MANCAVANO LE COSE; BISOGNAVA SODDISFARE I BISOGNI; BISOGNAVA FARE PRODOTTI CHE FOSSERO ANCHE POSSIBILI ALL'EPOCA IN CUI ERANO NATI. E, QUINDI, CASTIGLIONI HA RAPPRESENTATO E RAPPRESENTA UNA PARTE FONDAMENTALE DELLA CULTURA DI QUESTO SETTORE. CHE NON ╚ L'UNICA PERCH╔ SONO VENUTI ALTRI MAESTRI CHE HANNO SEGUITO ALTRE STRADE.
QUANDO SI PARLA DI QUESTO DESIGN, NON POSSIAMO, SECONDO ME, VALUTARNE L'ENTIT└ COME UNA GLOBALIT└ CHE NON HA DIFFERENZE. EVIDENTEMENTE CASTIGLIONI ╚ DIVERSO DA SOTTSASS, ╚ DIVERSO DA STARCK, ╚ DIVERSO DA SCARPA. MA OGNUNO RAPPRESENTA NELLA SUA IDEALIT└ UN FILONE PROGETTUALE IMPORTANTE.
(ů)
QUELLO DI CASTIGLIONI HA RAPPRESENTATO NELLA VITA DELLA FLOS, SINORA, IL PI┘ IMPORTANTE.
IO NON SONO PI┘ OPERATIVO IN FLOS OGGI, QUINDI I RAPPORTI OGGI LI SEGUE MIO FIGLIO, IL QUALE EVIDENTEMENTE DEVE FARE LE GIUSTE VALUTAZIONI SULLE COSE, ECCETERA. PERĎ HO GI└ VISTO CHE, DOPO UN COLLAUDO DI RAPPORTI CON PROGETTISTI DIVERSI, SI STA RENDENDO CONTO DI QUESTA AFFERMAZIONE CHE HO DETTO. QUINDI, ABBIAMO A CHE FARE CON UN GRANDE MAESTRO DEL DESIGN. E, QUINDI, LA MIA GRANDE FORTUNA ╚ CHE NE HO APPROFITTATO IO COME LA FLOS.

 

[HOME ][PUNTATE ][OGGETTI ][PROTAGONISTI ][INFORMAZIONI ][RICERCA]