Home Torna alle Puntate Oggetti Protagonisti Informazioni sui links Ricerca
PUNTATE
OGGETTI
PROTAGONISTI
INFORMAZIONI
RICERCA

INTERVISTA IMPOSSIBILE
PUNTATA N.4

 

IL FUTURISMO O L’ESTETICA DELLA MACCHINA


FILIPPO TOMMASO MARINETTI 1876 - 1944

UGO GREGORETTI - DALLE PAGINE DI ‘LE FIGARO’, NEL FEBBRAIO DEL 1909, LEI LANCIAVA UN MANIFESTO VIOLENTO CONTRO LA CANCRENA DEI ‘PROFESSORI, ARCHEOLOGI, CICERONI E ANTIQUARI’. IMMAGINAVA DI FONDARE, CON QUESTO URLO FUTURISTA, QUELLA CHE È STATA DEFINITA LA PRIMA E UNICA AVANGUARDIA ARTISTICA ITALIANA?

F.T.MARINETTI - CREDEVO TALMENTE ALLE MIE TESI CHE UTILIZZAI UN MEZZO DI COMUNICAZIONE INTERNAZIONALE, SIMBOLO DELLA CITTÀ DELL'ARTE CONTEMPORANEA COME ERA PARIGI ALL’INIZIO DEL SECOLO.

POI, COME HA VISTO, LE MIE TESI SONO DIVENTATE DI MOLTI, CHE, COME ME, CREDEVANO AI GESTI LIBERATORI, ALLA BELLEZZA DELLA VELOCITÀ, ALLA MACCHINA PIÙ BELLA ED ESALTANTE DI UNA STATUA GRECA.

UGO GREGORETTI - PERCHÉ IL SUO LINGUAGGIO, RISPETTO ALLE OPERE DEGLI ARTISTI ADERENTI AL FUTURISMO, APPARE SPESSO ECCESSIVO E VIOLENTO?

F.T.MARINETTI - LA FORZA DELLE PAROLE ERA INDISPENSABILE PER SCUOTERE I TORPORI...

LA VIOLENZA CROMATICA DI UN QUADRO, GLI STUDI DI SCOMPOSIZIONE DEL MOVIMENTO ERANO CERTO STRUMENTI IMPORTANTISSIMI, MA QUELLO CHE SERVIVA ERANO SOPRATTUTTO DICHIARAZIONI DI ROTTURA, CONTRO LA BORGHESIA, LE DEBOLEZZE DEL PENSIERO SOCIALISTA, A FAVORE DELL'INDIVIDUO...

POI IL POETA E PORTAVOCE ERO IO.

GIOIOSAMENTE METALLUCIDO VIOLETTRILLANTE ROSSSSSCOPIANTE

SAPORE CONDENSATO MOTO-RUMORISTA

GUSTO VOLUMIPRESSATO

GIOSTRAZIONI PULEGGIAMENTI STAN TUFF STAN TUFF STANTUFF TUF TUF TUF FAMENTI TUFFFFFFFFF

UGO GREGORETTI - BEN PRESTO MARINETTI, PERÒ IL FUTURISMO PERDERÀ QUESTO SUO APPROCCIO VIOLENTO, QUESTO DELIRIO CROMATICO ASTRATTO E ARRIVERÀ ADDIRITTURA ALLA CREAZIONE DI OGGETTI DI USO QUOTIDIANO, QUALI QUELLI DISEGNATI DA BALLA E DEPERO;

PER ESSERE UN MOVIMENTO DI ROTTURA SI È RIVELATO MOLTO PRODUTTIVO, NON LE SEMBRA?

F.T.MARINETTI - MOLTI ARTISTI SI SONO PASCIUTI DI FUTURISMO PER POI CONTINUARE AUTONOMAMENTE LA PROPRIA RICERCA ARTISTICA. E' IL CASO PER ESEMPIO DI BOCCIONI E DI NON SO QUANTI ALTRI... COMUNQUE LO SCENARIO CHE LEI HA DIPINTO NON È ALTRO CHE LA CONFERMA DELLA BONTÀ DELL'ISPIRAZIONE INIZIALE DEL MOVIMENTO.

UGO GREGORETTI - QUINDI NON L'HA INFASTIDITA LA VIRATA IRONICA, SPETTACOLARE TIPICA DEL GRUPPO ROMANO DI BALLA E DEPERO? LA COSIDDETTA SCISSIONE ROMANA...

F.T.MARINETTI - SEMPRE CON LA ‘SCISSIONE ROMANA’, MA GUARDI CHE ACCANTO A QUESTA CI SONO STATE BEN ALTRE ROTTURE NEL FUTURISMO, ANCHE NELLA STESSA MILANO, PATRIA ELETTIVA DEI MOVIMENTO; VEDE, IO SONO STATO L'ARTEFICE DI QUESTA SCOSSA... SAREI STATO UN DEMENTE SE AVESSI CERCATO DI FERMARE IL TERREMOTO CHE AVEVO SCATENATO.

UGO GREGORETTI - COME È POSSIBILE CHE UN MOVIMENTO NATO COME MOMENTO DI ROTTURA SI SIA SVILUPPATO PER PARECCHI DECENNI, ABBIA INTERESSATO PRATICAMENTE TUTTE LE MANIFESTAZIONI ARTISTICHE, E SIA POI DIVENTATO, CON L'AEROPITTURA UNA MANIFESTAZIONE DI REGIME?

F.T.MARINETTI - LA FORZA DEL MOVIMENTO È ESPLOSA DI COLPO, IN UN SOL BOTTO. QUELLE SUCCESSIVE SONO STATE SCOSSE DI ASSESTAMENTO, ALCUNE DELLE QUALI ANCHE MOLTO FORTI, MA MAI FORTI QUANTO L’ESPLOSIONE INIZIALE. MOLTI ARTISTI HANNO CREDUTO, CON MILLE RAGIONI, DI VEDERE NEL FUTURISMO UN NUOVO MODO DI FARE ARTE, DI FARE MUSICA, TEATRO, ARCHITETTURA... PERFINO DISEGNO PER L’INDUSTRIA.

IO PERÒ CREDO NELLA FORZA DIROMPENTE DELL’ATTIMO, DELL’UNICITÀ.

LA RIPETIZIONE È ACCADEMIA!


[HOME ][PUNTATE ][OGGETTI ][PROTAGONISTI ][INFORMAZIONI ][RICERCA]