Home Torna alle puntate Oggetti Protagonisti Informazioni sui links Ricerca
PUNTATE
OGGETTI
PROTAGONISTI
INFORMAZIONI
RICERCA

8

ARCHETIPI E PROTOTIPI: L’INVENZIONE DELLA RADIO
OSPITE : ENNIO BRION


LE SCOPERTE DI MARCONI SULLA TRASMISSIONE DEI SEGNALI RADIO SONO DESTINATE A RIVOLUZIONARE IL MONDO DELL’INFORMAZIONE. DOPO LA PRIMA GUERRA MONDIALE, IN CUI SE NE ESPERIMENTA L’APPLICAZIONE A SCOPI BELLICI, LA RADIOFONIA DIVENTERÀ IL PRIMO VERO MEZZO DI COMUNICAZIONE DI MASSA, SCIENTIFICAMENTE PIANIFICATO COME STRUMENTO DI PROPAGANDA COMMERCIALE E POLITICA. ESEMPLARE IN QUESTO SENSO È L’USO CHE NE FA IL FASCISMO: GIÀ NEL 1924 NASCE L’URI (UNIONE RADIOFONICA ITALIANA, POI EIAR, DAL 1928), CHE INIZIA LE TRASMISSIONI NEL MESE DI OTTOBRE CON UN CONCERTO DI MUSICA CLASSICA; IN CHIUSURA LE NOTE DELL’INNO FASCISTA GIOVINEZZA. NEGLI ANNI TRENTA LA RADIO È COSÌ OBBLIGATA A TRASFORMARSI ANCHE FISICAMENTE DA OGGETTO DI LUSSO IN PRODOTTO DI MASSA, FINO ALLE VERSIONI PIÙ SEMPLIFICATE DI CUI LO STESSO REGIME È L’ISPIRATORE: LA “RADIO RURALE” E LA “RADIO BALILLA”. ----- MA L’APPARECCHIO RADIOFONICO È ANCHE UN OGGETTO DALLO STRAORDINARIO FASCINO PROGETTUALE, UNA MACCHINA PER COMUNICARE CHE NON PUÒ SFUGGIRE ALL’ATTENZIONE DEGLI ARCHITETTI RAZIONALISTI, CHE VEDONO IN ESSA IL SEGNO DI UNA MODERNIZZAZIONE DELLA CASA. COSÌ È PER LUIGI FIGINI E GINO POLLINI, CHE NEL 1933 VINCONO IL CONCORSO PER UN MOBILE RADIO-GRAMMOFONO CON UN PERFETTO SOLIDO GEOMETRICO DI PURA ISPIRAZIONE ARCHITETTONICA, O PER FRANCO ALBINI, CHE REALIZZA TRA IL 1938 E IL 1940, UNO STRAORDINARIO ESEMPIO DI HI-TECH ANTE LITTERAM, CON UN SINTONIZZATORE E UN ALTOPARLANTE DIVISI E MONTATI SU DUE LASTRE DI CRISTALLO PARALLELE. ASSOLUTO ANTICIPATORE DEL VERO DESIGN ITALIANO È INFINE L’APPARECCHIO RADIORICEVITORE IN BAKELITE PHONOLA DI PIERGIACOMO E LIVIO CASTIGLIONI, CON LUIGI CACCIA DOMINIONI. ----- DOPO L’INTERRUZIONE DELLA SECONDA GUERRA MONDIALE IL PRODOTTO RADIO RIPRENDE LA SUA EVOLUZIONE TECNICA E FORMALE. DEFINITIVAMENTE SVINCOLATO DALLA TIPOLOGIA DEL MOBILE, GRAZIE ALLA PROGRESSIVA RIDUZIONE E MINIATURIZZAZIONE DELLE COMPONENTI, L’APPARECCHIO RADIOFONICO SI TRASFORMA, SI INTEGRA AD ALTRE COMPONENTI, GENERA NUOVE TIPOLOGIE “PORTATILI”: IL “CUBO” BRIONVEGA DI MARCO ZANUSO E RICHARD SAPPER DEL 1964 NE È UNO DEGLI ESEMPI PIÙ FAMOSI. I PIÙ RECENTI SVILUPPI DELLA TECNOLOGIA ELETTRONICA SEMBRANO CONDURRE ALLA POSSIBILE “SPARIZIONE” DELL’APPARECCHIO RADIO ASSORBITE ALL’INTERNO DEL COMPUTER, MEMORIZZATE E RIPROGRAMMABILI A PIACIMENTO NEI NUOVI SISTEMI DIGITALI, LE TRASMISSIONI RADIO SI LIBERANO DALLA NECESSITÀ DI UNA FORMA FISICA, DIVENTANO INFORMAZIONE PURA. 

INTERVISTA IMPOSSIBILE:

TESTIMONIANZE:

OGGETTI DELLA PUNTATA:

  • APPARECCHIO RADIO PHONOLA
  • RADIOFONOGRAFO RR126
  • CUFFIA PER TRADUZIONI SIMULTANEE
  • RADIORICEVITORE UNDA RADIORURALE
  • RADIO PORTATILE TS502
  • RICEVITORE PER FILODIFFUSIONE FD1101
  • RADIO MAGIC DRUM
  • RADIOREGISTRATORE SOUNDBOOK

LIBRI:

  • LA RADIO, IERI OGGI DOMANI, TORINO, LINGOTTO
  • NECESSARIO INDISPENSABILE, ARNOLDO MONDADORI EDITORE
  • CASTIGLIONI, V.GREGOTTI - P.FERRARI, ELECTA
  • RODOLFO BONETTO, G.PETTENA, IDEA BOOKS

INTERNET:


[HOME ][PUNTATE ][OGGETTI ][PROTAGONISTI ][INFORMAZIONI ][RICERCA]