Home Torna alle Puntate Oggetti Protagonisti Informazioni sui links Ricerca
PUNTATE
OGGETTI
PROTAGONISTI
INFORMAZIONI
RICERCA

INTERVISTA IMPOSSIBILE
PUNTATA N.13

 

MITOLOGIA DELLO SCOOTER: DALLA VESPA ALLA LAMBRETTA E OLTRE


CORRADINO D'ASCANIO

D’ASCANIO - (CONTINUANDO UN DISCORSO) - A PIÙ DI MEZZO SECOLO DALLA SUA NASCITA LA VESPA RIMANE UN MITO INSUPERATO E ANCORA OGGI INSUPERABILE!

GREGORETTI - SIA UN PO’ MENO TRIONFALISTA, INGEGNER ASCANIO.

ALDO - MA CHI È QUESTO ASCANIO?

GREGORETTI - COLUI CHE HA PROGETTATO LA VESPA: L’ING. ASCANIO CORRADINO.

D’ASCANIO - (MOLTO IRRITATO) CORRADINO D’ASCANIO, NON ASCANIO CORRADINO! COR-RA-DI-NO D’A-SCA-NI-O.

GREGORETTI - MI SCUSI...

ALDO - LEI SBAGLIA SEMPREI I NOMI, MAESTRO...

GREGORETTI - GIÀ, SOFFRO DI SCLEROSI ONOMASTICA... COMUNQUE, INGEGNERE, QUANDO USCI LA PRIMA VESPA?

D’ASCANIO - (CON UNA CERTA SOLENNITA’) IL PRIMO ESEMPLARE DELLA VESPA PIAGGIO VIENE PRESENTATO ALLA FIERA CAMPIONARIA DI MILANO NEL MESE DI APRILE DEL 1946. AL PRINCIPIO POCHI PRONOSTICANO UN SUO FACILE SUCCESSO, CON QUEL TELAIO DI TIPO APERTO!...

GREGORETTI - E CHE MALE FA UN TELAIO DI TIPO APERTO?

D’ASCANIO - BEH, NON OFFRE PIÙ ALLE GINOCCHIA IL TRAFDIZIONALE APPOGGIO DEL SERBATOIO...

ALDO - GIÀ, E POI CON LE RUOTE COSÌ PICCOLE...

GREGORETTI - L’ASSENZA DEL CAVALLETTO...

D’ASCANIO - LA MECCANICA TALMENTE GRACILE DA NON SEMBRARE AFFIDABILE. (CON IMPETO) E INVECE!

GREGORETTI - QUANDO NASCE L’IDEA?

D’ASCANIO - L’INTUIZIONE FELICE COMINCIA A PRENDERE FORMA ALL’INIZIO DEL 1945, QUANDO LA GUERRA TORMENTA ANCORA LA PENISOLA.

ALDO - (PIANO A GREGORETTI) - PARLA COME UN LIBREO STAMPATO...

D’ASCANIO - IN QUELL’ANNO IL DOTTOR ENRICO PIAGGIO, IMMAGINANDO L’EVOLVERSI DEI TEMPI, DECIDE CHE È ORA DI CAMBIARE!

GREGORETTI - OHIBÒ! UN DECISIONISTA

D’ASCANIO - (SENZA RACCOGLIERE) - DEVE, COME DIRESTE OGGI, RICONVERTIRE LA SUA AZIENDA, PREPARARSI AD ABBANDONARE IL SETTORE ARONAUTICO, CHE NE COSTITUISCE LA BASE PRODUTTIVA, E INVENTARE QUALCOSA DI NUOVO: MAGARI UN MEZZO DI TRASPORTO PRATICO ED ECONOMICO...

GREGORETTI - E IL PRGETTO VIENE AFFIDATO A LEI?

D’ASCANIO - NON SUBITO; PRIMA DI ME (SPREZZANTE) ALTRI REALIZZANO UN PROTOTIPO CHE VIENE CHAIMATO ‘PAPERINO’.

GREGORETTI - PAPERINO...

D’ASCANIO - MA NON PIACE AL DOTTOR PIAGGIO, CHE LO VUOLE PIÙ RIVOLUZIONARIO E AFFIDA A ME IL COMPITO DI RIDISEGNARE COMPLETAMENTE LO SCOOTER...

GREGORETTI - A LEI, INGEGNERE ARONAUTICO.

D’ASCANIO - SÌ, APPREZZATO PROGETTISTA DI AEREOPLANI E DI ELICOTTERI.

ALDO - (TRIONFALE) - AH, ECCO PERCHÉ SI CHIAMA VESPA! È UN ANIMALE VOLANTE (ACCENNA CON LE MANI E CON LA VOCE A UN RUMOROSO VOLO AEREO) RRRRRRRR

D’ASCANIO (IRRITATO) - NO! IL NOME LE VIENE DATO (QUINDI POETICO E DELICATO) ASCOLTANDO IL ‘RONZARE’ DI QUEL SUO NUOVO MOTORINO DI SOLI 98CC (EMETTE UN SOAVE RONZIO) RRRRRRRR...

GREGORETTI - (SEVERO AD ALDO) - HAI CAPITO? NON RRRRRRRRRR! MA RRRRRRRRRR...

ALDO - (IMITANDOLO) - RRRRRRRRRRR...

D’ASCANIO - (SEMPRE ISPIRATO) - ED È COSÌ CHE IL ‘BRUTTO ANATROCCOLO PAPERINO’, COME NELLA FAVOLA DI ANDERSEN, RINASCE CIGNO. ANZI VESPA!

GREGORETTI - MA LEI GIÀ SE NE INTENDEVA DI MOTOCICLETTE?

D’ASCANIO - NO, M’INTENDEVO SOLTANTO DI VELIVOLI. E PER ALCUNE SOLUZIONI FONDAMENTALI DELLA VESPA MI SONO ISPIRATO ALLE CONCESIONI ARONAUTICHE CHE MI SONO FAMILIARI.

GREGORETTI - QUALI SOLUZIONI?

D’ASCANIO - PER ESEMPIO IL ‘SUPPORTO MONOTUBO’ PER LA RUOTA ANTERIORE.

GREGORETTI - (FINGENDO DI NON CAPIRE) - AH, CERTO...

D’ASCANIO - E POI LA MASSIMA MANOVRABILITÀ, CON UNA GUIDA CHE NON RICHIEDE DI TOGLIERE LE MANI DAL MANUBRIO.

GREGORETTI - (QUESTA VOLTA CAPISCE) - E GIÀ, COME LA CLOCHE DELL’AEREOPLANO.

D’ASCANIO - GIÀ.

ALDO - GIÀ, COME AI VIDEOGIOCHI. (MANOVRA UNO STERZO IMMAGINARIO UIMITANDO I SUONI DI UN VIDEOGAME E STRABUZZANDO GLI OCCHI)

D’ASCANIO - PROPRIO.

GREGORETTI - FINISCILA!

D’ASCANIO - MA L’IDEA FORSE PIÙ FELICE MI VENNE ISPIRATA DALLA POVERTÀ DEGLI ITALIANI DEL DOPOGUERRA.

GREGORETTI - QUALE IDEA?

D’ASCANIO - IL MOTORE COPERTO, DISTANZIATO ED ISOLATO DAL GUIDATORE, PER NON IMBRATTARE GLI ABITI CON SCHIZZI D’OLIO. COSÌ SI POTEVA ANDARE IN VESPA ANCHE CON IL ‘VESTITO DELLA DOMENICA’, CHE POI PER MOLTI ERA L’UNICO VESTITO, SENZA PAURA DI ROVINARLO...

GREGORETTI - (CON UN SORRISO MEMORE) - BEH, MOLTO POETICO...

ALDO - (SORPRESO) - POETICO? VUOL DIRE PRATICO!

GREGORETTI - (C.S.) - BEH, TUTT’E DUE...


[HOME ][PUNTATE ][OGGETTI ][PROTAGONISTI ][INFORMAZIONI ][RICERCA]