Home Torna alle puntate Oggetti Protagonisti Informazioni sui links Ricerca
PUNTATE
OGGETTI
PROTAGONISTI
INFORMAZIONI
RICERCA

9

VERSO UN DISEGNO INDUSTRIALE: LA TRIENNALE E LE RIVISTE
OSPITE : ANTY PANSERA


MANIFESTO V TRIENNALE
TRA GLI ANNI VENTI E TRENTA LA CULTURA DEL PROGETTO HA IN ITALIA UN'ECCEZIONALE SVILUPPO, GRAZIE ANCHE ALLE RIVISTE D ARCHITETTURA E ARREDAMENTO, CHE SI IMPEGNANO A DIFFONDERE UN'IDEA MODERNA DELL'ABITARE, PREMESSA INDISPENSABILE ALLO SVILUPPO DI UN MERCATO PER IL DISEGNO INDUSTRIALE. PARALLELAMENTE ALLO SVILUPPO DELL'INFORMAZIONE COLTA SUI TEMI DEL PROGETTO, SI SVOLGE L'ATTIVITÀ DIVULGATIVA DELLA TRIENNALE DI MILANO, DIRETTA AL GRANDE PUBBLICO. EREDITATA DA MONZA - DOVE SI TENGONO LE SUE PRIME QUATTRO EDIZIONI (DAL 1923 AL 1940) COME "MOSTRA INTERNAZIONALE DELLE ARTI DECORATIVE E INDUSTRIALI MODERNE" - LA TRIENNALE (FISICAMENTE IDENTIFICATA CON L'EDIFICIO CAPOLAVORO DI GIOVANNI MUZIO) DIVIENE LA PIÙ IMPORTANTE OCCASIONE DIMOSTRATIVA PER LE NUOVE IDEE DEL PROGETTO. PROTOTIPI REALIZZATI AL VERO DI MOBILI E AMBIENTI, INTERI EDIFICI COSTRUITI NEL PARCO (OGGI SEMPIONE), MOSTRE DI SCELTISSIMI OGGETTI INDUSTRIALI E ARTIGIANALI PROPONGONO AL PUBBLICO L'UTOPIA DI UNA PRODUZIONE ESTREMAMENTE AVANZATA, SMENTITA DA UN CONTESTO SOCIALE E DI MERCATO ANCORA VISIBILMENTE ARRETRATO. DOMUS,1 FONDATA NEL 1928 DA GIÒ PONTI, , SI FA MEDIATRICE DI QUEST'IDEA ATTRAVERSO I VALORI NAZIONALISTI DEL "BELLO ITALICO", CHE PER PONTI SONO L'ALIBI PER PROMUOVERE LE PIÙ RADICALI ISPIRAZIONI D'AVANGUARDIA. NELLE PAGINE DELLA RIVISTA TROVANO COSÌ PIÙ POSTO I RAFFINATI ARREDAMENTI DEI GIOVANI NAZIONALISTI CHE NON LE DISGRAZIATE ESIBIZIONI DEL DELIRANTE MONUMENTALISMO IMPERIALE. ANCHE NEGLI ANNI DELLA GUERRA E DELL'IMMEDIATO DOPOGUERRA, QUANDO LA DIREZIONE È AFFIDATA AD UN PERSONAGGIO CARISMATICO COME ERNESTO ROGERS, DOMUS NON SI DISCOSTA DA QUESTA LINEA, APRENDO LA STRADA ALLA DIFFUSIONE DEL DESIGN CHE AVRÀ PIENO SVILUPPO NEGLI ANNI CINQUANTA. SU POSIZIONI ANCORA PIÙ "INTEGRALISTE" IN SENSO MODERNO SI EVOLVE LA VICENDA DI CASABELLA (IN ORIGINE "LA CASA BELLA") CHE, ATTRAVERSO GLI SCRITTI DI GIUSEPPE PAGANO ED EDOARDO PERSICO (FINO ALLA LORO TRAGICA SCOMPARSA) E POI DI ERNESTO ROGERS, DIVENTERÀ L'ORGANO UFFICIALE DEL PIÙ INTRANSIGENTE MODERNISMO. SOLO DAGLI ANNI CINQUANTA, CON L'IMPETUOSO SVILUPPO DELL'INDUSTRIA DEI BENI DI CONSUMO, CHE LA TRIENNALE RITROVERÀ UNA COINCIDENZA TRA I SUOI OBIETTIVI DI DIVULGAZIONE DELLA QUALITÀ E L'EFFETTIVA DOMANDA DEL PUBBLICO, SOLLECITATO ANCHE DA EDIZIONI SPETTACOLARI CHE SI AVVOLGONO DELLA COLLABORAZIONE DI GRANDI ARTISTI COME LUCIO FONTANA O GIORGIO DE CHIRICO. 

INTERVISTA IMPOSSIBILE:

TESTIMONIANZE:

OGGETTI DELLA PUNTATA:

LIBRI:

  • XII TRIENNALE DI MILANO CATALOGO - 1960
  • GIOVANNI MUZIO PALAZZO DELL’ARTE - ABITARE SEGESTA
  • MUZIO L’ARCHITETTURA DI GIOVANNI MUZIO - ABITARE SEGESTA CATALOGHI
  • DOMUS N° 501 - 1971

INTERNET:


[HOME ][PUNTATE ][OGGETTI ][PROTAGONISTI ][INFORMAZIONI ][RICERCA]